Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  0
Pagina 3 di 8 primaprima 12345 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 31 a 45 su 106

Discussione: Letteratura greco-antica

          
  1. #31
    Senior Member L'avatar di annaV
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    napoli
    Messaggi
    475
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Sir Galahad Visualizza il messaggio
    .
    Grazie, amico Rupert. Tu sei insegnante,
    Lo vedi che mi provochi? Anch'io sono insegnante!!! De français et donc de littérature française! Ma ora ahimé, insegno L'HACCP en français Voglio morire!

  2. #32
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da annaV Visualizza il messaggio
    Lo vedi che mi provochi? Anch'io sono insegnante!!!Voglio morire!
    Ahahahahahah, Annamaria, è vero, ti ho provocato .... Il fatto è che volevo leggere ancora qualcosa di te
    Bonne nuit, ma chère amie
    Charles

  3. #33
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Elvira Coot Visualizza il messaggio
    Ciao Sir, io ti leggo! Non rispondo perchè non è la mia materia, ma ti leggo e ti apprezzo.
    Grazie, Elvira!

  4. #34
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Archiloco fu soldato mercenario. Si pensa che la sua vita debba essere stata piuttosto breve ; morì in servizio di guerra. Inventore del metro giambico, si guadagnò notorietà presso i contemporanei, e si pensa modello ispiratore per vari dell'epoca artisti: Orazio, Alceo, Saffo, Anacreonte. Le sue opere furono lette e studiate moltissimo e fu considerato da Quintiliano comesommo maestro di stile. Fu, però, criticato da Crizia e da Pindaro per il contenuto delle sue opere ( parlò malissimo di sé stesso) e per il modo di esprimersi ( utilizzando un linguaggio troppo aggressivo)

    Cuore, mio cuore….

    Cuore mio cuore, miscuglio d’insolubili guai,
    torna a galla e a chi ti tratta male tieni testa,
    sistemati nei covi dei nemici e non mollare.
    Se vinci, in pubblico non gloriarti,
    se perdi, in casa a piangere non ti isolare
    Se va bene godi, se va male soffri, ma non troppo
    Impara infine questa musica della vita


    Nome:   220px-Archilochus_01_pushkin.jpg
Visite:  379
Grandezza:  18.1 KB

    (Archiloco)


    Il lutto funesto Pericle nessuno dei cittadini nè la città biasimando godrà di banchetti. Tali uomini i flutti del mare risonante hanno ingoiato, e noi per il dolore abbiamo i polmoni gonfi. Tuttavia, gli dei contro le sciagure irreparabili hanno posto come rimedio la forza della sopportazione. Ora all'uno ora all'altro capita questo, mentre ora su di noi il male si volge, e lamentiamo una ferita che emette sangue, e di nuovo si scaglierà su altri. Ma forza, sopportate e tenete lontano il pianto proprio delle donne.


    (Archiloco)

    Su Archiloco suggerisco, tra l'altro (essendo in rete), questo studio:
    https://docs.google.com/viewer?a=v&q...FoON-X2OCdVmmQ

  5. #35
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Semonide : Poeta giambico della seconda metà del sec. VII
    Di lui ci sono giunti frammenti che contengono considerazioni pessimistiche sulla natura umana
    Conosciutissima è la sua "Satira sopra le donne", ove dimostra una evidente misoginia . In esso, paragona, in maniera quasi sempre spregiativa, alcuni tipi di donne a animali o a elementi naturali (la donna ambiziosa alla cavalla, la donna operosa all'ape, la volubile al mare, ecc.).
    Con quest'opera Semonide si inserisce a pieno titolo nell'aristocrazia del tempo e prende le distanze da esseri viventi che non ne facciano parte: ossìa donne, schiavi e uomini di basso ceto sociale.
    Semonide - adoperando una lingua di chiara dizione omerica - prosegue nel solco metrico tracciato da Archiloco,ma se ne discosta per la minore tensione e violenza espressiva.


    Nome:   220px-Pitagora_da_Reggio_-_Louvre_-_Statua_di_un_suonatore_di_lira2.jpg
Visite:  538
Grandezza:  38.6 KB
    (Statua marmorea raffigurante Semonide)


    Per la sua indole pessimistica, Semonide fu apprezzato e, quindi, tradotto da Giacomo Leopardi:


    VOLGARIZZAMENTO

    DELLA SATIRA DI SIMONIDE SOPRA LE DONNE
    Traduzione di Giacomo Leopardi


    Giove la mente de le donne e l’indole
    In principio formò di vario genere.
    Fe’ tra l’altre una donna in su la tempera
    Del ciacco; e le sue robe tra le polvere
    Per casa, ruzzolando, si calpestano.
    Mai non si lava nè ’l corpo nè l’abito,
    Ma nel sozzume impingua e si rivoltola.
    Formò da l’empia volpe un’altra femmina,
    Che d’ogni cosa, o buona o mala o siasi,
    Qual che tu vogli, è dotta; un modo un animo
    Non serba; e parte ha buona e parte pessima.
    Dal can ritrasse una donna maledica
    Che vuol tutto vedere e tutto intendere.
    Per ogni canto si raggira e specola,
    Bajando s’anco non le occorre un’anima;
    Nè per minacce che ’l marito adoperi,
    Nè se d’un sasso la ritrova e cacciale
    Di bocca i denti, nè per vezzi e placide
    Parole e guise, nè d’alieni e d’ospiti


    Sedendo in compagnia, non posa un attimo
    Che sempre a vóto non digrigni e strepiti.
    Fatta di terra un’altra donna diedero
    Gli Eterni a l’uomo in costui pena e carico.
    Null’altro intende fuorchè mangia e corcasi,
    E ’l verno, o quando piove e ’l tempo è rigido,
    Accosto al focolar tira la seggiola.
    Dal mare un’altra donna ricavarono,
    Talor gioconda, graziosa e facile
    Tal che gli strani, a praticarla, esaltanla
    Per la donna miglior che mai vedessero;
    Talor come la cagna intorno a i cuccioli,
    Infuria e schizza, a gli ospiti a i domestici,
    A gli amici a i nemici aspra, salvatica,
    E, non ch’altro, a mirarla, spaventevole.
    Qual per appunto il mar, che piano e limpido
    Spesso giace la state, e in cor ne godono
    I naviganti; spesso ferve ed ulula
    Fremendo. È l’ocean cosa mutabile
    E di costei la naturale immagine.
    Una donna dal ciuco e da la cenere
    Suscitaro i Celesti, e la costringono
    Forza, sproni e minacce a far suo debito.
    Ben s’affatica e suda, ma per gli angoli
    E sopra il focolar la mane e ’l vespero


    Va rosecchiando, e la segreta venere
    Con qualsivoglia accomunar non dubita.
    Un gener disameno e rincrescevole,
    Di bellezza, d’amor, di grazia povero,
    Da la faina uscì. Giace nel talamo
    Svogliatamente, e del marito ha stomaco:
    Ma rubare i vicini e de le vittime
    Spesso gode ingojar pria che s’immolino.
    D’una cavalla zazzeruta e morbida
    Nacque tenera donna, che de l’opere
    Servili è schiva e l’affannare abomina.
    Morir torrebbe innanzi ch’a la macina
    Por mano, abburattar, trovare i bruscoli,
    Sbrattar la casa. Non s’ardisce assistere
    Al forno, per timor de la fuliggine.
    Pur, com’è forza, del marito impacciasi.
    Quattro e sei fiate il giorno si chiarifica
    Da le brutture, si profuma e pettina
    Sempre vezzosamente, e lungo e nitido
    S’infiora il crine. Altrui vago spettacolo
    Sarà certo costei, ma gran discapito
    A chi la tien, se re non fosse o principe,
    Di quei ch’hanno il talento a queste ciuffole.
    Quella che da la scimmia i numi espressero
    È la peste maggior de l’uman vivere.


    Bruttissima, scriata, senza natiche
    Né cóllo, ma confitto il capo a gli omeri:
    Andando per la Terra, è gioco e favola
    De’ cittadini. Oh quattro volte misero
    Quel che si reca in braccio questo fulmine.
    Quanti mai fur costumi e quante trappole,
    Come la monna suol, di tutto è pratica;
    E non le cal che rida chi vuol ridere.
    Giovar non sa, ma questo solo ingegnasi
    E tutte l’ore intentamente medita,
    Qualche infinito danno ordire e tessere.
    Ma la donna ch’a l’ape è somiglievole
    Beato è chi l’ottien, che d’ogni biasimo
    Sola è disciolta, e seco ride e prospera
    La mortal vita. In carità reciproca,
    Poi che bella e gentil prole crearono,
    Ambo i consorti dolcemente invecchiano.
    Splende fra tutte; e la circonda e seguita
    Non so qual garbo; nè con l’altre è solita
    Goder di novellari osceni e fetidi.
    Questa, che de le donne è prima ed ottima,
    I numi alcuna volta ci largiscono.
    Ma tra noi l’altre tutte anco s’albergano,
    Per divin fato, chè la donna è ’l massimo
    Di tutti i mali che da Giove uscirono:


    E quei n’ha peggio ch’altramente giudica.
    Perchè, s’hai donna in casa, non ti credere
    Nè sereno giammai nè lieto ed ilare
    Tutto un giorno condur. Buon patto io reputo
    Se puoi la fame da’ tuoi lari escludere,
    Ospite rea, che gl’Immortali abborrono.
    Se mai t’è data occasion di giubilo,
    O che dal Ciel ti venga o pur da gli uomini,
    Tanto adopra colei, che da contendere
    Trova materia. Nè gli strani accogliere
    Puoi volentier se alberghi questa vipera.
    Più ch’ha titol di casta, e più t’insucida;
    Chè men la guardi: ma si beffa e gongola
    Del tuo caso il vicin; chè spesso incontraci
    L’altrui dannar, la propria donna estollere.
    Nè ci avveggiam che tutti una medesima
    Sorte n’aggreva, e che la donna è ’l massimo
    Di tutti i mali che da Giove uscirono.
    Da Giove, il qual come infrangibil vincolo
    Nel cinse al piè; tal che per donne a l’erebo
    Molti ferendo e battagliando scesero.


    (La traduzione della Satira è tratta da Wikisource)

  6. #36
    Senior Member L'avatar di annaV
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    napoli
    Messaggi
    475
    Post Thanks / Like
    Lo so che non ci crederai mai, ma ho letto le cinque pagine dello studio di Archiloco che suggerivi, visto che (confesso la mia ignoranza) non conoscevo questo autore. Mi è risultato simpatico, perchè la sua immagine di guerriero è molto più concreta e reale degli eroi , fantastici per carità, ma un po' stereotipati di Omero(che adoro però)

  7. #37
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    La lirica elegiaca

    Accanto alla lirica giambica troviamo, espressa in lingua jonica, la lirica elegiaca: si presenta con l'espressività e i temi delle dizione epica: così, troveremo trattati temi militari ma anche civili, filofosici ma anche etici, sentenziosi (gnomici) ma anche amorosi ed esistenziali.
    Gli uditori formavano un consesso ampio, per esempio tutti i cittadini della polis.
    Nelle letterature greca e latina l'elegia è componimento poetico in distici (ossìa esametro + pentametro) detti appunto elegiaci. In genera sono componimenti ispirati da un tono meditativo e malinconico, di compianto per uno stato d’infelicità.
    Il termine 'eleghèion' é usato per la prima volta da Crizia (Atene, 460 – 403 a.C.Era uno dei 30 Tiranni) ed é connesso con il termine 'èleghos', ossìa lamento.
    Molto probabile é anche la derivazione, invece, da ' èleghos' [doppio significato di questo termine] nel senso di flauto, ossìa lo strumento musicale con cui si soleva accompagnare la declamazione in pubblico di questi versi.
    Qualcuno pensa derivi,
    onomatopeicamente, da "e e legein", ossìa: "dire ahi ahi". È, questa, un'interpretazione che troviamo in vari filologi.
    Poeta elegiaco fu Tirteo.
    Nome:   tirteo.jpg
Visite:  570
Grandezza:  6.1 KB

    ( Tirteo; immagine tratta dal web)

    I frammenti a noi giunti e i libri scritti da Tirteo comprendevano varie caratteristiche: "Eunomia" (Buon governo), una lunga elegia che esalta la costituzione spartana, esorta i cittadini mantenerla integra esortando il popolo alla concordia; "Embatèria", canti di marcia,i; "Hypotekai", esortazioni alla lotta e al valore in campo; "Politeia" (Costituzione), una lode dei valori civili e religiosi della costituzione di Licurgo.
    La sua poesia è divenuta, quindi, emblema dell'areté (virtù, valore) e del kósmos (sistema ordinato della società ).

    > Frammento dedicato alle virtù militari dei soldati ellenici:

    Per un uomo valoroso è bello cadere morto
    combattendo in prima fila per la patria;
    abbandonare la propria città e i fertili campi
    e vagare mendico, è di tutte la sorte più misera,
    con la madre errando e con il vecchio padre,
    con i figli piccoli e la moglie.
    Sarà odioso alla gente presso cui giunge,
    cedendo al bisogno e alla detestata povertà:
    disonora la stirpe, smentisce il florido aspetto;
    disprezzo e sventura lo seguono.
    Se, così, dell'uomo randagio non vi è cura,
    né rispetto, neppure in futuro per la sua stirpe,
    con coraggio per questa terra combattiamo, e per i figli
    andiamo a morire, senza più risparmiare la vita.


  8. #38
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Mimnermo, poeta elegiaco


    Mimnermo Colofonio (Μίμνερμος, Mímnermos; nacque a Colofone o Smirne, nel VII secolo a.C. – Morì nella prima metà del VI sec. a.C.) . Mimnermo Colofonio è stato un poeta elegiaco e cantore greco.

    Nome:   foglie caduche.jpg
Visite:  436
Grandezza:  8.1 KB

    CADUCHI FIORI


    La vita, il piacer, cosa sono
    senza Afrodite d'oro?
    Meglio morir, quando non più cari avrò
    il secreto amore, i graditi doni, il letto:
    caduchi fiori di giovinezza
    per gli uomini e le donne.
    Quando giugnge la dolorosa
    vecchiaia, che brutto
    rende anche l'uomo bello,
    sempre nel cuor l'opprimon
    cattivi pensieri, né guardando
    la luce del sol l'allieta,
    ma è odioso ai fanciulli,
    è disprezzato dalle donne:
    un dio così penosa volle la vecchiaia

    Nome:   stanco.jpg
Visite:  292
Grandezza:  4.5 KB
    .
    Immagini allegate Immagini allegate  

  9. #39
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Nome:   stanco.jpg
Visite:  290
Grandezza:  4.5 KB

    Mimnermo Colofonio, conosciuto ed apprezzato nella civiltà greca ed in quella romana, compose varie opere, giunte a noi come frammenti.
    Il dialetto è quello jonico, omerico.

    Nome:   32-smirne_352-288.jpg
Visite:  712
Grandezza:  25.9 KB

    (Le rovine Priene a Izmir, Smirne, città natale di Mimnermo; resti di colonie con capitelli jonici)

    In questo Poeta è forte la tensione verso la partecipazione personale con la Natura: in esso, la natura partecipa alla fatuità della vita, con primavere fugaci, allegre e leggere, che però quanto prima presto sveleranno il disincanto della stagione più cruda, l'inverno e della morte che ben la rappresenta.
    Durante la vecchiaia non è possibile se non qualche piccolo e inconsistente sollievo da essa ; si intravede, nella natura e nelle persone, solo disprezzo, bruttezza e odio, per una persona non più giovane e prossima alla morte…
    Mimnermo invita, con molte sue opere, a vivere l'esperienza attuale in modo pieno, non confidando assolutamente sul tesoro che la vecchiaia può (essa sola) donare all'animo umano.


    Questa elegia ha un antecedente poetico nel VI libro dell'Iliade, dove al termine di belliche imprese sotto le mura di Troia, Diomede si imbatte in Glauco, nipote di Bellerofonte e alleato dei Troiani, cui chiede di rivelare l'identità (vv. 145-149):

    "Tidide possente, perchè mi chiedi la discendenza?
    Quale delle foglie la stirpe,
    tale anche quella degli uomini.
    Le foglie, alcune il vento le getta per terra, altre la selva
    fiorente genera, e sopraggiunge il tempo della primavera:
    così una stirpe di uomini viene al mondo ed un'altra scompare."


    (trad. it. di R. Calzecchi Onesti)

  10. #40
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Mimnermo tradotto da Quasimodo:

    Nome:   foglie morte.jpg
Visite:  349
Grandezza:  22.0 KB

    Al modo delle foglie che nel tempo
    fiorito della primavera nascono
    e ai raggi del sole rapide crescono,
    noi simili a quelle per un attimo
    abbiamo diletto del fiore dell'età
    ignorando il bene e il male per dono dei Celesti.
    Ma le nere dee ci stanno sempre al fianco,
    l'una con il segno della grave vecchiaia
    e l'altra della morte. Fulmineo
    precipita il frutto di giovinezza,
    come la luce d'un giorno sulla terra.
    E quando il suo tempo è dileguato
    è meglio la morte che la vita.

    Traduzione di Salvatore Quasimodo
    Immagini allegate Immagini allegate  

  11. #41
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    E questa è una traduzione di Achille Giulio Danesi, di Come le foglie (fine '800) [tratta da Wikipedia]. Si nota subito la pesantezza della descrizione e la retorica artificiosa, propria dell'eloquire ottocentesco.
    Confrontiamolo con la traduzione del Quasimodo più libera da canoni retorici.

    Siccome foglie nascono
    Nella stagion fiorita,
    Quando dal sole han vita,
    Crescendo al suo splendor,
    Tal godiam rapidissimo
    Di giovinezza il fiore,
    Nè il bene, nè il dolore,
    Che dàn gli Dei, sappiam,
    Ma nere ne circondano
    Le Parche, e dànno a gara
    Chi la vecchiezza amara
    Chi della vita il fin.


    Ahi! breve il frutto allietaci
    Del fiore giovanile
    Allo splendor simìle
    Del fuggitivo sol.
    Ma tosto dileguatasi
    La dolce età, conviene
    Meglio il morir! le pene
    Piombano allora in cor.
    E chi l’aver consumasi
    D’inopia tra gli artigli,
    Chi brama aver dei figli.
    E senza figli muor.
    Altri da morbo assiduo
    Sen giace afflitto in core.
    Gran copia di dolore
    Giove sull’uom versò.


    In questa (ed altre elegie) Mimnermo opera nei confronti della morale tradizionale arcaica, ( per esempio quella contenuta nell'epica omerica; e in Tirteo, con l'invito a morire da giovani per la patria ) una parenesi (ossìa una esortazione, un ammonimento) rovesciata, nel senso che per Mimnermo è sì bello morire in età giovanile, ma non per un nobile scopo , come potrebbe essere la difesa ad oltranza della patria, ma solo per un motivo personale e direi egoistico (o edonistico,meglio): cioè, perché dopo la giovinezza non c'è nulla di bello che possa rendere felice lo scorrere lento dei giorni nell'età senile.

    Comunque, la posizione di Mimnermo sulla morte ( che sia, cioè preferibile ad una vita penosa presente) è tema costantemente nella letteratura greca, e che ritroviamo, per esempio, anche in Sofocle o ErodotoNome:   stanco.jpg
Visite:  325
Grandezza:  4.5 KB

  12. #42
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Il contesto geografico e geo-politico nella Grecia del VII sec.a.C.

    Nome:   grecia-antica-VIIaC2.jpg
Visite:  750
Grandezza:  106.9 KB

  13. #43
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Chiedo ai miei due (o tre) lettori: piace, a voi, la traduzione di Achille Giulio Danesi ? E, in caso positivo, perchè?
    Nome:   stanco.jpg
Visite:  284
Grandezza:  4.5 KB

  14. #44
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,497
    Post Thanks / Like
    ok.
    Achille Giulio Danesi a me piace perchè, anche nella stentorea - datata - limpidezza della parola, i concetti sono esposti con chiarezza.
    quella del Monti invece non mi piaceva (la trovavo inutilmente decorativa e neppure tanto immediata)
    quella di Quasimodo mi piace per la morbidezza malinconica delle parole.

  15. #45
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,567
    Post Thanks / Like
    Grazie, Kaipi.

    Nome:   stanco.jpg
Visite:  288
Grandezza:  4.5 KB

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •