Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 4 su 4

Discussione: Spulciando Orazio...

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,542
    Post Thanks / Like

    Red face Spulciando Orazio...

    l mirto e la serenità


    Dalle Odi di Orazio (Libro I, n.38) : Rosa e mirto.


    Odio lo sfarzo, stile dei Persiani.
    Le corone intrecciate, non mi vanno.
    Non inseguire più, in ogni luogo,
    ragazzo, estreme rose che s'attardano.
    Il mirto è schietto. Voglio
    che non ti dia fatica in questa quiete.
    Il mirto ti sta bene quando mesci.
    Ed anche a me, se bevo
    sotto la nostra pergola ben chiusa.



    Orazio ci parla della semplicità della Natura e lo fa prendendo l'esempio del mirto, simbolo di semplicità , di schiettezza e di serenità. Ma anche di vicinanza alle fatiche dell'uomo, con il suo sapore gustato sotto una semplice pergola , all'aria aperta.

  2. #2
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,542
    Post Thanks / Like
    Satire, Libro II, Satira 8
    Le cene luculliane sono pretesto per chiacchiere, cui Orazio spesso si lasciava andare. Inoltre, si può notare anche quali fossero i piatti che i Romani prediligessero e preparassero, secondo un'arte culinaria a volte particolare, ma che faceva risaltare i sapori forti.
    Ecco un frammento della Satira Ottava, l'ultima del secondo libro:

    In capo al primo letto
    Er’io, vicino a me Visco Turino,
    E Vario appresso. Mecenate stava
    Nell’altro con Servilio Balatrone,
    E con Vibidio ch’ei condotti avea.
    Nasidien nel terzo avea vicino
    Da un lato Nomentan, Porcio dall’altro.

    Questi ingollando i pasticcetti interi
    Movea le risa; e Nomentan col dito
    Segnava il buono e il meglio a chi per sorte
    Nol conoscesse. Tutto il resto a tutti
    È vivanda comun; ma noi, dicea,
    Noi quì mangiamo uccelli, ostriche e pesci
    D’un gusto ben dissimile da quello
    Che agli altri è noto, e ne fei tosto prova
    Quand’ei d’un pesce Passero, e d’un Rombo
    Spalle mi porse non mai più gustate.
    Poi m’insegnò, che son più rubiconde
    Le mele-nane colte a luna scema.
    Tu meglio che da me, da lui saperne
    Potrai il divario.

  3. #3
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,542
    Post Thanks / Like
    Nome:   6014927205_4de357c16d_m.jpg
Visite:  60
Grandezza:  28.0 KB

    Le "mele nane", di cui parla Orazio, sono frutti a maturazione precocissima, Sono state citate dal Del Riccio e dal Soderini (1580), che ne sottolinea la precocità di maturazione: "le mele nane, che maturano le prime".
    Poi, ancora Orazio: Mele nane colte a luna scema: colte a luna calante.

  4. #4
    Senior Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    661
    Post Thanks / Like

    QUINTO ORAZIO FLACCO


    Nelle Odi, probabilmente l’opera più famosa dell’autore latino, il lettore viene ripetutamente invitato a godere della vita con la celeberrima frase «carpe diem» D'altronde ,come si legge dappertutto,seppe affrontare le vicissitudini politiche e civili del suo tempo da placido epicureo amante dei piaceri della vita, dettando quelli che per molti sono ancora i canoni dell'ars vivendi.

    La Serenita' -
    Odi libro II


    Ricordati di mantenere l'animo imperturbato
    nelle difficoltà, non diversamente lontano
    dalla gioia eccessiva,
    o Dellio che sei destinato a morire,
    sia se avrai vissuto triste in ogni momento,
    sia se ti sarai rallegrato nei giorni felici
    disteso in un prato appartato con un'anfora
    di Falerno di vecchia data.
    Per quale motivo il grande pino ed il bianco pioppo
    amano intrecciare con i rami un'ombra ospitale?
    Perché l'acqua si affanna
    ad affrettarsi in un tortuoso ruscello?
    Fa' portare qui i vini e gli oli profumati e i fiori
    troppo effimeri della bella rosa,
    finché le circostanze, l'età e i neri fili
    delle tre sorelle lo permettono.
    Te ne andrai dai pascoli montani e dalla casa
    e dalla villa, che il biondo Tevere bagna.
    Te ne andrai, e un erede s'impadronirà
    delle ricchezze accumulate.
    Nulla importa se vivi ricco, nato dall'antico Inaco
    o povero, nato da infima stirpe,
    vittima dell'Orco senza pietà.
    Tutti noi siamo costretti ad ammassarci in un medesimo luogo,
    la sorte di tutti viene agitata in un'urna
    destinata prima o poi ad essere estratta e che ci farà salire
    sulla barca nell'eterno esilio.
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •