Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 10

Discussione: PATRICK McGRATH

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile PATRICK McGRATH

    Patrick Mc Grath è uno scrittore inglese.
    Figlio di un medico psichiatra in un manicomio criminale, ha respirato fin da bambino quell'atmosfera, che ha ricreato talvolta nei suoi romanzi.
    Infine ha poi preferito la letteratura alla psichiatria.

    Suoi romanzi più noti.
    1989. GROTTESCO.
    1990. SPIDER.
    1993. IL MORBO DI HAGGARD.
    1996. FOLLIA.
    2000. MARTHA PEAKE.
    2004. PORT MUNGO.
    2007.TRAUMA.
    Io ho iniziato proprio da questo ultimo.
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  2. #2
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile Trauma

    Un pò di trama.

    Charlie Weir si guadagna da vivere affrontando i demoni altrui. Nella sua attività di psichiatra a New York ha visto ogni tipo di trauma, eppure non riesce ancora a trovare una soluzione ai propri conflitti familiari: l'accesa rivalità con il fratello Walter, affermato pittore; il gelo nei confronti di un padre senza nerbo; il soffocante rapporto con la madre. Né ha ancora superato, dopo sette anni, l'errore madornale costato la vita alla moglie e alla figlia, che gli ha lasciato nient'altro che una solitudine consumante e una rabbia inquieta. Quando Walt presenta Nora Chiara al fratello, questi si sente attratto tanto dalla sua bellezza mozzafiato quanto dalla sua aria sofferta. Si innamorano velocemente, avidamente, ma l'idillio ha vita breve. La vulnerabilità di lei, un tempo irresistibile, comincia ad avvelenare il rapporto finché Charlie si accorge di avere accanto una paziente più che una compagna. E mentre sonda le origini del dolore di Nora Chiara, un vago ricordo comincia ad affiorare dal suo inconscio, sollevando in lui un atroce sospetto.
    Commento.
    Che delusione. Non so perchè, mi aspettavo molto di più da questo romanzo e da questo autore.
    Forse perchè avevo letto buone recensioni in generale, e poi l'argomento mi intrigava. Mi piacciono molto i thrillers psicologici.
    Peccato che questo mi sia sembrato piuttosto un romanzetto insulso.
    Non era neppure thriller.
    I presupposti ci sarebbero stati, per un buon romanzo: lo psicoterapeuta di anime tormentate, tormentato a sua volta da demoni vari: l'aver lasciato morire suicida il cognato reduce dal Vietnam; l'essersi innamorato di una donna sensuale che però potrebbe essere anche l'amante del fratello, ed altro.
    La storia però non decolla, e si trascina stancamente fino alla conclusione , senza qualche guizzo di originalità o di emozione.
    Prendendo a prestito una frase letta in rete ( che rispecchia alla perfezione il mio stato d'animo): il vero Trauma è leggere il romanzo.
    Non consigliato.
    Rosy















    Immagini allegate Immagini allegate  
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  3. #3
    Patrizia
    Guest
    Io ho letto "Follia".
    Libro molto noto dedicato all'ossessione d'amore e ai motivi che possono scatenarla.
    Forse perché il tema m'interessa, mi ha coinvolta, la scrittura è pulita e scorrevole, buona la capacità introspettiva. Pur non considerandolo un capolavoro, mi è piaciuto.

    Una storia cruda e triste: tutti i personaggi di questo romanzo sono soli e le loro debolezze e lati oscuri emergono senza possibilità di riscatto o catarsi.

  4. #4
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile Ahimè

    Ahimè: ho letto da varie parti che FOLLIA è molto molto migliore!
    Forse ho iniziato col romanzo sbagliato... Sono ancora in tempo a rimediare, ma non subito, ho troppa carne al fuoco! ciao
    Rosy
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  5. #5
    Senior Member L'avatar di Cecilia (Teresa)
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    403
    Post Thanks / Like
    Mi accodo..lessi Follia alcuni anni fa e il ricordo che ne ho tuttora è di un libro angosciante, forse per il tema trattato, ma credo anche per la poca scorrevolezza del romanzo..tra l'altro, la figlia adolescente di una mia amica aveva, come compito per le vacanze natalizie, di leggere proprio quel libro. Non lo consiglierei a quell'età.

  6. #6
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Beh a questo punto sono sempre più perplessa...
    Vi ringrazio delle vostre opinioni, e mi prenderò un pò di tempo prima di riavvicinarmi nuovamente a questo autore.
    A giudicare dalla trama, penso che FOLLIA mi piacerebbe.
    Il problema è che non mi è piaciuto granchè il suo stile di scrittura, che è fondamentale nel leggere, no? Vedremo.
    Ciao!
    Rosy
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  7. #7
    Senior Member L'avatar di Serena-fundy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Roma
    Messaggi
    772
    Post Thanks / Like
    Io ho letto Martha Peake e ricordo che mi piacque molto. E' stato un "cazzotto allo stomaco" per il contenuto angosciante (nel romanzo di parla di incesto) ma ricordo che rimasi colpita dallo stile un pò visionario, dalla trama ingarbugliata.
    Io vorrei leggere Follia ma sono in arretrato con tutti i libri (ho circa 200 libri da leggere)
    Due cose mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini. Bertrand Russell

  8. #8
    Member L'avatar di Marmy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Torino
    Messaggi
    30
    Post Thanks / Like
    Li ho letti tutti, cominciando da Follia che mi piacque molto. Certo, è un libro duro e cupo ma sicuramente uno di quelli che ti lascia qualcosa.

  9. #9
    old crone L'avatar di Indigowitch
    Registrato dal
    Feb 2012
    Messaggi
    453
    Post Thanks / Like
    Anch'io ho letto solo "Follia", e ne sono rimasta molto colpita. Mi è piaciuto il modo in cui l'autore penetra a fondo nella mente della protagonista,
    tormentata dalla sua ossessione e incapace di frenarsi, così come ho apprezzato la costruzione narrativa, con quel narratore dal tono imparziale
    e scientifico che dovrebbe costituire il massimo dell' "attendibilità", e invece non convince fino in fondo.
    L'autore sembra insinuare il dubbio non tanto su cosa sia la follia, ma se chi dovrebbe essere preposto a curarla ne sia veramente in grado,
    e lo fa in modo velato, lasciando il lettore completamente stordito. Inquietante.
    La vita morde forte alle spalle e quando sorride ti fa solo del male (Mauro Berchi)

  10. #10
    Senior Member L'avatar di Fosca
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Appennino Tosco-Emiliano
    Messaggi
    539
    Post Thanks / Like
    Riprendo questo thread per non fare doppioni...anche io li ho letti tutti e ora sto leggendo
    La guardarobiera

    non mi prende granchè per ora....qualcuno l'ha già letto ?

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •