Thanks Thanks:  12
Likes Likes:  33
Pagina 25 di 25 primaprima ... 15232425
Visualizzazione dei risultati da 361 a 367 su 367

Discussione: Etimologie e strane origini

          
  1. #361
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,565
    Post Thanks / Like
    Patibolo
    Chi non pensa che tale parola debba derivare dal verbo latino patire? Invece no, tanto per cambiare. Infatti deriva dal latino patére, ossìa essere esposto, essere visibile. Il patibulum era strumento di tortura fatto a Y, in cui i due corni laterali erano disposti per le braccia del condannato. Veniva poi posto su una colonna verticale, a formare una grande croce su cui il condannato "pativa" : era, cioè, esposto al pubblico ludibrio. (che poi egli patisse per questo trattamento è un'altra cosa, ma non deriva dal verbo "patire"

  2. Likes kaipirissima liked this post
  3. #362
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,565
    Post Thanks / Like
    Per completezza, indico il suffisso: - bolo. Di esso si danno varie etimologie. Una di esse, che seguirò, è quella che lo vede tratto dal greco antico ballein, ossìa scagliare, mostrare in, far vedere. Quindi, Patibolo sta per: Esporre in modo violento (scagliare) una persona al pubblico ludibrio su di un particolare mezzo di morte.

    Sir

  4. Likes kaipirissima liked this post
  5. #363
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,424
    Post Thanks / Like
    Praticamente una costruzione pleonastica!

  6. #364
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,565
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    Praticamente una costruzione pleonastica!
    In un certo senso. Il suffisso, qui, parrebbe avere significato dispregiativo.
    Ciao... Carlo

  7. Likes kaipirissima liked this post
  8. #365
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,565
    Post Thanks / Like
    Pistole e bisturi



    Nome:   Vignetta_asciugacapelli_pistola.jpg
Visite:  290
Grandezza:  54.7 KB


    Due parole sembrerebbero molto lontane, dal punto di vista dell'etimo. Ma non è così. Tutte e due sono parole - diciamo - di ritorno, ossìa derivate dal francese.Di "pistola" si danno almeno tre etimi diversi, ma è molto attendibile quello che lo vuole derivato da Pistoia, città in cui nel Medio Evo in cui si fabbricavano armi ferree di notevole qualità, un po' comne a Toledo e a Damasco. I pugnali e gli stiletti prodotti, nel gergo comune, erano detti allora Pistojesi; poi pistolesi , pistoletti e infine pistole. Nel secolo XVI nacquero le armi da fuoco, marchingegni che vennero chiamate terzaruoli o terzette (perchè erano lunghe circa un terzo degli archibugi) e, siccome potevano essere tenute in una mano come i coltelli, anche pistole. Dunque all'inizio le pistole altro non erano che coltelli, e pure fabbricati a Pistoia. Solo più tardi tale nome passò alle armi da fuoco.
    Anche Bisturi è parola derivata dal francese ma deriva dalla parola "Pistoriensis", ossìa coltellino fabbricato (anche questo) a Pistoia, ove esistevano maestri ferrai, arte che si propagò poi anche nel mio Mugello, a Scarperia. Il francese Bistourì passò a chiamarsi bistorino e poi bìsturi (secolo XV). Strumento che fu subito adoperato dai chirurgi. (PS: chirurgi è, al contrario di chirurghi, la dizione giusta, così come Biologhi, e non Biologi)

  9. #366
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,267
    Post Thanks / Like
    Una parola per noi importantissima!

    BI-BLIO-LA-TRI-A
    (dal greco Biblíon, «libro», e da latria, dal lat. Tardo latrīa, gr. Latreía, «servitù, culto»)

    Significato: culto indiscriminato e assoluto per i libri






  10. #367
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,565
    Post Thanks / Like
    Ante litteram: Di tanti i significati della parola lettera, uno è questo: si chiama Lettera una iscrizione che si colloca in calce ad una stampa, una xilografia o una calcografia per spiegarne il soggetto. Lo scrittore o il disegnatore, prima di passare al torchio l'incisione, ne mette sotto una spiegazione oppure un numero. Ma, prima di trarre il bozzetto finale, fa delle copie del soggetto , sotto alle quali però non scrive niente: in queste copie lo scrittore o l'artista fa i "ritocchi " che crede più opportuni. Bene, questa serie di copie sono chiamate "ante litteram" o avantilettera, proprio perchè coniate prima della bozza finale. La bozza finale, dopo tutte queste prove, sarà compilata con delle didascalie opportune e date al tipografo per la stampa.
    Il bello è che, col tempo, queste copie "ante litteram" acquistarono un proficuo valore commerciale proprio perchè uniche ... Col tempo, l'espressione ha acquisito un valore traslato, e sta ad indicare un qualcosa che precede (o procede) il genio finale... Così, ad esempio, si disse che Ugo Foscolo fu un Romantico ante litteram... ecc ecc

    Nome:   tipo.jpg
Visite:  13
Grandezza:  10.3 KB

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •