Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  5
Visualizzazione dei risultati da 1 a 9 su 9

Discussione: Top Five 2019

          
  1. #1
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,613
    Post Thanks / Like

    Top five 2019

    Come ogni fine anno che si rispetti, facciamo la nostra top 5 del 2019
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  2. Likes kaipirissima liked this post
  3. #2
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,447
    Post Thanks / Like
    Al momento me ne vengono in mente tre



    La città delle bestie
    La collina dei conigli
    Racconto dell'ancella
    Ah. E il primo della serie avvocato Guerrieri di Carofiglio.
    Ah e il primo della serie di Jack Reacher

    E cosi sono a 5. In fondo anche se sono serie bisogna ammettere che se non fossero stati belli non ne avrei letti 5 di Carofiglio e una dozzina di Lee Child

  4. Likes DarkCoffee liked this post
  5. #3
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,763
    Post Thanks / Like

    Top Five 2019

    A energica richiesta di Kaipirissima contribuisco dicendo fin da subito che, avendo letto un sacco di noir, più che titoli consiglierò autori dei quali sto saccheggiando i lavori.

    - Alessandro Robecchi: dico fin da subito che l'ho sempre seguito come giornalista e autore satirico per cui il mio giudizio in positivo è influenzato da questo e dal fatto che i suoi romanzi sono ambientati a Milano e coinvolgono una realtà lavorativa che conosco bene ma, al netto di tutto ciò, scrive dei noir davvero coinvolgenti nella trama e ferocemente sarcastici nei confronti della società che ne fanno dei lavori fuori dagli schemi che a me piacciono molto. (Milano ai giorni nostri)

    - Colin Dexter: gialli british del filone deduttivo ambientati a Oxford con un protagonista (l'ispettore Morse) che nella sua bizzarria è di un'efficacia fuori dal comune ... imperdibile per gli amanti del genere. (Inghilterra anni '60-'70)

    - Petros Markaris: definito da più parti il "Montalbano greco" ha molto in comune col maestro siciliano e il suo commissario Charitos è uno di quei personaggi a cui non puoi non affezionarti, per umanità, lealtà e strane abitudini il tutto immerso in un'atmosfera sospesa tra Mediterraneo e Balcani che ti fa sentire un po' a casa. (Grecia primi anni 2000)

    - Veit Heinichen: I suoi romanzi sono ambientati a Trieste e nelle terre di confine dell'Alto Adriatico, in un mondo che l'autore stesso definisce il luogo in cui l'Europa è di casa, un osservatorio privilegiato sulle dinamiche storiche, politiche, economiche e sociali dell'attualità. Trieste, città di confine e di mare, con le sue complessità e la sua multiculturalità, è il punto di partenza del racconto da cui in ogni romanzo prende spunto (da Wikipedia). Descrizione azzeccatissima che ho voluto riportare integralmente a cui aggiungo che la storia personale dell'autore, tedesco laureato in economia che alla carriera in Mercedes-Benz ha preferito dedicare la vita ai libri mettendo radici a Trieste, dà un notevole valore aggiunto ai suoi lavori. (Trieste primi anni 2000)

    Edit: ho aggiunto a ciascuno di loro il periodo di ambientazione dei romanzi.
    Non è vero che ti fermi quando invecchi, ma invecchi quando ti fermi.

  6. Likes kaipirissima, daniela liked this post
  7. #4
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,447
    Post Thanks / Like
    Ciao, Mauro! Che bello! Stavo pensando proprio a te in questi giorni! Ottimo, il giallo-noir è un genere che amo. Me li segnerò sicuramente!

  8. Likes Mauro liked this post
  9. #5
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,763
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    Ciao, Mauro! Che bello! Stavo pensando proprio a te in questi giorni! Ottimo, il giallo-noir è un genere che amo. Me li segnerò sicuramente!
    Grazie Kaipi, cercherò di scrivere anche le singole recensioni ... una buona abitudine che non vorrei perdere.
    Non è vero che ti fermi quando invecchi, ma invecchi quando ti fermi.

  10. #6
    Senior Member L'avatar di Fosca
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Appennino Tosco-Emiliano
    Messaggi
    550
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Mauro Visualizza il messaggio
    avendo letto un sacco di noir......
    - Colin Dexter: gialli british del filone deduttivo ambientati a Oxford con un protagonista (l'ispettore Morse) che nella sua bizzarria è di un'efficacia fuori dal comune ... imperdibile per gli amanti del genere. (Inghilterra anni '60-'70)

    Ho conosciuto questo autore per caso...mi hanno regalato durante una visita in ospedale "Le figlie di Caino" e l'ho letto in una settimana di "degenza" presso i miei genitori dopo un intervento alla testa che ho subito due anni fa....mi è piaciuto molto e ho apprezzato le citazioni all'inizio di ogni capitolo.......è probabile che leggerò altro di questo autore che è anche uno specialista di enigmistica (che amo anche io)...

  11. #7
    Senior Member L'avatar di Fosca
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Appennino Tosco-Emiliano
    Messaggi
    550
    Post Thanks / Like
    Anche io ho letto davvero poco...non so com'è ma ogni tanto mi prendono 'sti blocchi....e dire che ho la casa piena di libri e tutto il Polo bolognese delle biblioteche a disposizione...ma...mannaggia alla stanchezza, al computer, al fatto che sui mezzi mi viene il vomito anche se guardo l'ora sull'orologio.............
    comunque metto una piccola lista...

    1) Faccia di sale di Eraldo Baldini
    2) Una barca nel bosco di Paola Mastrocola
    3) La via del disegno brutto di A. Bonaccorsi
    4) La strategia dell'orso di L.J. Seiwert
    5) Mi sa che fuori è primavera di Concita De Gregorio

  12. #8
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,763
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Fosca Visualizza il messaggio

    Ho conosciuto questo autore per caso...mi hanno regalato durante una visita in ospedale "Le figlie di Caino" e l'ho letto in una settimana di "degenza" presso i miei genitori dopo un intervento alla testa che ho subito due anni fa....mi è piaciuto molto e ho apprezzato le citazioni all'inizio di ogni capitolo.......è probabile che leggerò altro di questo autore che è anche uno specialista di enigmistica (che amo anche io)...
    Ho letto della grande passione di Dexter per la letteratura e per l'enigmistica e, se è vero che Morse ha diversi tratti autobiografici, allora l'autore doveva essere un personaggio notevole.
    Non è vero che ti fermi quando invecchi, ma invecchi quando ti fermi.

  13. #9
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,283
    Post Thanks / Like
    Top five 2019


    gennaio di sangue – alan parks

    l’imperatore di portugallia – selma lagerlof

    l’imprevedibile piano della scrittrice senza nome – alice basso

    fatti il letto – william h. Mcraven

    se i gatti scomparissero dal mondo – genki kawamura

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •