Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  3
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: Stirpe - Marcello Fois

          
  1. #1
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,563
    Post Thanks / Like

    Stirpe - Marcello Fois



    Quarta di copertina
    È il 1889, eppure si direbbe l'inizio del mondo. Michele Angelo e Mercede sono poco più che ragazzini quando s'incontrano per la prima volta, ma si riconoscono subito: "lui fabbro e lei donna". Quel rapido sguardo che si scambiano è una promessa silenziosa che li condurrà dritti al matrimonio, e che negli anni verrà rinnovata a ogni nascita. Dopo Pietro e Paolo, i gemelli, arriveranno Gavino, Luigi Ippolito, Marianna... La stirpe dei Chironi s'irrobustisce e Nuoro la segue di pari passo. Le strade cambiano nome e si allargano, accanto alla pesa per il bestiame spuntano negozi e locali alla moda, e se circolano più soldi nascono anche bisogni che prima non c'erano. Come i balconi da ingentilire lungo via Majore, a esempio, e Michele Angelo che sa del ferro come nessun altro, ed è capace di toccare la materia con lo sguardo prima di plasmarla - si spezza la schiena in officina per garantire prosperità alla sua famiglia. Ma "la felicità non piace a nessuno che non ce l'abbia", e infatti quei Chironi venuti su dal nulla, così fortunati, sono sulla bocca di tutti. È l'inizio della stagione terribile: i gemelli vengono trovati morti, mentre la Prima guerra mondiale raggiunge anche Nuoro, e bussa alla porta di casa Chironi proprio quando Gavino e Luigi Ippolito - taciturno e riflessivo il primo, deciso e appassionato il secondo - sono in età per essere arruolati...

    ----

    Il lettore, uno dei Chironi.
    Ho l'abitudine di leggere libri ambientati o scritti da scrittori nativi del luogo che sto visitando al momento della lettura, o visiterò a breve.
    Stirpe l'ho scelto per il viaggio in Sardegna.
    Meglio non poteva essere, è una narrazione ambientata tra il 1900 e 1943, dove lo scrittore ripercorre la storia di Nuoro e dell'Italia con la famiglia Chironi.
    La scrittura è interessante (peccato che non ci siano traduzioni di alcune parole del dialetto sardo), il lettore si trova a far parte della triste storia della famiglia, quasi come un componente di essa.
    Consigliato
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  2. Likes kaipirissima liked this post
  3. #2
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,384
    Post Thanks / Like
    Anche un mio amico ragiona cosi. Pure lui in Sardegna libro:Giampaolo Pansa
    Notte a Is Arenas

  4. Likes DarkCoffee liked this post
  5. #3
    Senior Member L'avatar di Fosca
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Appennino Tosco-Emiliano
    Messaggi
    532
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da DarkCoffee Visualizza il messaggio
    Il lettore, uno dei Chironi.Ho l'abitudine di leggere libri ambientati o scritti da scrittori nativi del luogo che sto visitando al momento della lettura, o visiterò a breve.La scrittura è interessante (peccato che non ci siano traduzioni di alcune parole del dialetto sardo), il lettore si trova a far parte della triste storia della famiglia, quasi come un componente di essa.
    Consigliato
    Il sardo non è un dialetto...è una lingua.......
    (parola di una bolognese con sangue 100% sardo)

  6. Likes DarkCoffee liked this post

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •