Nome:   778.jpg
Visite:  11
Grandezza:  19.5 KB

Regia di Joe Wright.
Un film con Keira Knightley, James McAvoy, Romola Garai.
Genere Drammatico - Gran Bretagna, 2007, durata 123 minuti.

Trama.
Inghilterra, 1935. Briony Tallis è un'adolescente appassionata di letteratura e dotata di una fervida immaginazione. La naturale vocazione alla scrittura la porta a osservare la vita che si svolge nella tenuta estiva dei Tallis. Decisa a romanzare l'esistenza annoiata e decadente della famiglia, Briony fraintende e altera consapevolmente la relazione sentimentale della sorella maggiore Cecilia con Robbie Turner, figlio della governante. L'errore commesso nell'estate del '35 segnerà per sempre la sua vita e quella dei due amanti. Diversi anni dopo, scrittrice affermata colpita da demenza senile, consegnerà al mondo il suo atto riparatorio, il suo ultimo romanzo, espiando la colpa che deriva da un potere terribile: quello di imprimere a una storia un andamento estraneo alla verità.

Commento.
Amo tantissimo questo film, lo guardo sempre ogni volta che lo trasmettono, è una calamita per me.
L'ambientazione anni '30 è la mia preferita, i costumi sono bellissimi (il vestito verde di Cecilia è un incanto).
La prima parte del film si svolge in una sola giornata, dove si decidono i destini dei protagonisti, un giallo e una storia d'amore.
Niente è come sembra, il regista è molto bravo nel saper raccontare le vicende significative della giornata secondo il punto di vista di una ragazzina e subito dopo nel riprendere quelle stesse scene così come sono avvenute realmente, c'è una doppia chiave di lettura degli eventi che segnano una tragica giornata.
Anche quando la storia va avanti e sono passati alcuni anni ci sono momenti che ritornano a quella giornata, attraverso dei feedback, per cui il film sembra strutturato come una scatola cinese dove apri una scatola e ne trovi un'altra e poi un'altra ancora, il film si sviluppa e si delinea gradualmente fino alla verità finale.
Gli attori sono tutti ben calati nella parte, da brivido la scena finale con il monologo di Vanessa Redgrave, molto intensa.
La colonna sonora di Dario Marianelli vinse l'oscar, la musica è davvero suggestiva, la fotografia mostra luoghi naturali da favola (il mare lungo la scogliera di Cuckmere Haven), i giardini inglesi, la fontana con le ninfee, la mia scena preferita è la scena girata nel bar dove i due innamorati si rivedono dopo quasi quattro anni di lontananza, ci sono tutte le emozioni inespresse e ogni gesto è una parola che non può essere detta.
Il finale ha un'amara consolazione.