Thanks Thanks:  2
Likes Likes:  19
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 16 a 18 su 18

Discussione: Ulisse nella poesia e nella letteratura

          
  1. #16
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,042
    Post Thanks / Like
    La versione video della poesia di Saba gia' postata da Daniela qualche topic indietro.


    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  2. Likes daniela liked this post
  3. #17
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,042
    Post Thanks / Like
    Eppure tu te ne sei andato,
    Ulisse,
    lasciando qui sull’Isola un amore di donna inconsolato
    un figlio appena divezzato, che scorderà il tuo sguardo
    Hai scelto la tua conoscenza, i sogni incandescenti,
    le voci di sirena e i nubifragi…
    cercando per il mondo la formula segreta della felicità.
    Re, scaltro avventuriero, d’ingegno simile a nessuno
    credi forse di colorare la tua esistenza col molto tuo sapere?
    e di segreti hai piena l’anima e di mille cose mai dette ad alcuno.
    E serbi forse dentro te la melanconica immagine di ciò che hai lasciato ad Itaca
    e di ciò che lascerai lasciando questa vita.
    Qualcuno aspetta il tuo ritorno,
    facendo e disfacendo ogni giorno i sogni intessuti in questo tempo
    mentre che tu, correvi controvento incontro alle tue sirene
    eppure non ti riconoscerà che un cane quando tornerai..
    perché ciò che tu sei val più di ciò che sai
    Troppe lacrime spese… troppi mari attraversati..
    Eppure tu sei un navigante
    sai leggere i misteri nel cuore d’un passante.
    La vita scorre Ulisse, come l’acqua del tuo mare
    e prima o poi tu ti dovrai fermare…
    Il meglio del tuo tempo l’hai regalato al mondo
    e il mondo ti ha donato l’immane sua sapienza
    presto ora chiudi tutto in un cassetto prima che te lo porti via
    folle la morte impavida e guerriera
    prima che questa sera Penelope dimentichi chi sei
    prima che siano vani gli anni tuoi
    e giunga il fato a farti prigioniero, mandato dagli dei.

    di Noemi
    http://demi4jesus.wordpress.com/




    Ulisse e le Sirene, Anfora attica a figure rosse)
    (480-470 a.C.
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  4. Likes Estella, daniela liked this post
  5. #18
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,042
    Post Thanks / Like
    LA NOIA DI EURILOCO


    “Oltre l’antro di Cariddi,
    oltre gli ululati di Scilla,
    c’è un punto in cui la nave piomba giù dall’oceano
    e di quelli che sono caduti nessuno ritorna”.
    Euriloco pensava seduto in coperta
    mentre sentiva la brezza far vibrare le corde
    e palpitare le vele come lombi;
    guardava qua e là, disattento e stanco,
    i capelli di Ulisse, le mani di uno schiavo
    e udiva distratto lo scricchiolio del legno
    e il brusio delle voci in quella lingua antica,
    che oggi è una musica perduta.
    C’era il mare tra i remi,
    duttile e trasparente,
    ma agli occhi di Euriloco era
    quasi invisibile per monotonia
    e il giorno lungo, così noioso,
    e mai pensò che ogni momento
    questo mare evanescente e forte
    lo allontanava sempre di più
    ed era impossibile il ritorno.

    Veronica Volkow








    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  6. Likes Estella liked this post

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •