Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  2
Visualizzazione dei risultati da 1 a 2 su 2

Discussione: Il professore di desiderio - Philip Roth

          
  1. #1
    Senior Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    715
    Post Thanks / Like

    Il professore di desiderio - Philip Roth



    Il protagonista del libro è David Kepesh, professore universitario che ha intenzione di tenere un corso sul tema della ricerca del piacere, sul desiderio sessuale e le sue conseguenze nei rapporti sociali. La storia del professore è narrata da lui stesso attraverso ricordi risalenti alla sua infanzia, alla sua giovinezza da “libertino fra gli eruditi, erudito fra i libertini”, fino ad arrivare al presente della narrazione. Le esperienze con due giovani e disinibite ragazze svedesi, le (presunte) perversioni pensate e attuate, la lotta che presto si genera tra razionalità e passione, l’incontro con Claire, la donna che sposandolo, dovrebbe porre fine a tutto ciò e tutto ciò che ne consegue, che ovviamente non vi anticipo per non rovinarvi il gusto della lettura.

    dal web

    Libro del 1977…particolare da non sottovalutare, la rivoluzione sessuale e’ appena alle spalle. Roth non piace molto al pubblico femminile…scrive di sesso in maniera troppo esplicita ,troppo diretta e a volte i suoi personaggi risultano antipatici
    Eppure questo romanzo, un intreccio di autobiografia e cose personali, non parla solo di questo.
    Il tema centrale e’ il desiderio. La ricerca di una vita tranquilla fatta di una relazione stabile e l’assoluta impossibilita’ di starci dentro.Il tutto condito da ironia e sarcasmo che sono un po’ il suo marchio di fabbrica.Scrittura colma di riferimenti culturali da Franz Kafka e Saul Bellow passando per Sofocle, Dostoevskij, Shakespeare e Checov.
    Significativo questo breve passo citato dall’autore attraverso una studentessa del suo corso che, rispetto alla filosofia di vita di Anton Cechov, scrive così:

    Nasciamo innocenti, patiamo atroci disillusioni prima di accedere alla saggezza, viviamo nella paura della morte… e a compensare il dolore non abbiamo che frammenti di felicità”.
    Sono 234 pagine...prima parte noiosetta la seconda piu' scorrevole con aneddoti anche simpatici.Mi e' piaciuto il dialogo finale con Claire. Secondo me non e' tra i migliori dello scrittore ,ma si puo' leggere.






    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  2. Likes kaipirissima, daniela liked this post
  3. #2
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,568
    Post Thanks / Like
    Non mi è piaciuto molto, nemmeno ricordo bene la trama. In effetti ho notato che quando il protagonista del libro mi risulta antipatico, nemmeno il libro mi piace. Philip Roth non è proprio tra i miei preferiti.
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •