Thanks Thanks:  1
Likes Likes:  12
Pagina 2 di 4 primaprima 1234 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 16 a 30 su 55

Discussione: Erotica!

          
  1. #16
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,840
    Post Thanks / Like
    Il tuo corpo
    mi disloca,
    mi contiene.
    Coricato mi ergo
    dentro di te.

    Ghiannis Ritsos
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  2. #17
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile Le tue mani ostinate


    Poi a letto penso a te,
    la tua lingua metà oceano, metà cioccolata,
    alle case dove entri con disinvoltura,
    ai tuoi capelli di lana d’acciaio,
    alle tue mani ostinate
    e come rosicchiamo la barriera
    perché siamo due.
    Come vieni e afferri la coppa di sangue,
    mi ricompatti e bevi la mia acqua salata.
    Siamo nudi.
    Ci siamo denudati fino all’osso
    e insieme nuotando risaliamo il fiume,
    l’identico fiume chiamato Possesso
    e vi sprofondiamo insieme. Nessuno è solo.
    Anne Sexton

    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  3. #18
    old crone L'avatar di Indigowitch
    Registrato dal
    Feb 2012
    Messaggi
    453
    Post Thanks / Like
    Io adoro questa di Octavio Paz...


    ASSE

    Nella noria di sangue
    il mio corpo nel tuo
    sorgente notturna
    la mia lingua di sole nel tuo bosco
    madia il tuo corpo
    grano rosso io
    Nella noria d'osso
    io notte io acqua
    io bosco che avanza
    io lingua
    io corpo
    io osso di sole
    nella noria di notte
    sorgente di corpi
    tu notte del grano
    tu bosco nel sole
    tu acqua in attesa
    tu madia d'ossa
    Nella noria di sole
    la mia notte nella tua
    il mio sole nel tuo
    il mio grano nella tua madia
    il tuo bosco nella mia lingua
    Nella noria del corpo
    l'acqua nella notte
    il tuo corpo nel mio
    Sorgente d'ossa
    Sorgente di soli


    Octavio Paz
    La vita morde forte alle spalle e quando sorride ti fa solo del male (Mauro Berchi)

  4. #19
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    959
    Post Thanks / Like
    Signora,
    io ti toccherò con la mia mente.


    Ti toccherò e toccherò e toccherò
    finché tu non mi
    farai di colpo un sorriso, timidamente osceno
    (signora io ti
    toccherò con la mia mente.) Toccherò
    te, tutto qui,
    lievemente e tutta te stessa sarai
    con infinito agio
    la poesia che io non so scrivere.

    Edward Estlin Cummings
    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  5. #20
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,840
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Andrea Visualizza il messaggio
    Signora,
    io ti toccherò con la mia mente.


    Ti toccherò e toccherò e toccherò
    finché tu non mi
    farai di colpo un sorriso, timidamente osceno
    (signora io ti
    toccherò con la mia mente.) Toccherò
    te, tutto qui,
    lievemente e tutta te stessa sarai
    con infinito agio
    la poesia che io non so scrivere.

    Edward Estlin Cummings
    Meravigliosa!
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  6. #21
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,840
    Post Thanks / Like
    "Nel luglio altero, lui tenero audace":

    Nel luglio altero, lui tenero audace,
    sensualmente a me lanciava da là:
    prima di sera io ti scopo. Ah.
    Fra trafficar di sguardi dove pace,

    dove l'incompenetrabilità...
    dove il tempo in quest'ombra... Lui tace
    in un empio silenzio a farne fornace.
    Poi apri, m'intima, apri... più dentro già

    si spinge con suo tal colpo segreto.
    Umidore, pare bacio di calore
    su ammucchiarsi d'umano, alto m'accappia.

    O inverni e lirici slanci (con metodo).
    Mi sale... mi scende... io come granata
    esplosa, contusa, to', che si sappia.

    Patrizia Valduga
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  7. #22
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,840
    Post Thanks / Like
    Celebrazione

    Quando ti inginocchi sotto di me
    e nelle tue mani
    tieni la mia virilità come uno scettro,

    Quando avvolgi la lingua
    sul gioiello d’ambra
    e solleciti la mia benedizione,
    Capisco quelle ragazze romane
    che danzavano attorno a una verga di pietra
    e la baciavano finchè la pietra non era calda.

    Inginocchiati, amore, mille metri sotto di me,
    che a malapena possa vederti la bocca e le mani
    che celebrano il rito,

    Inginocchiati finchè non mi rovescio sulle tue spalle
    con un rantolo, come quegli dei sul tetto
    che Sansone fece crollare.

    Leonard Cohen
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  8. #23
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    959
    Post Thanks / Like
    Che cosa è per me la tua bocca?
    Un calice di incenso desolato,
    un albero di foglie smaniose,
    un alto vascello impaziente,
    una faretra di spendide frecce.
    Che cosa è per me il seno tuo?
    Un fiore di nuove preghiere,
    un poema di luce continua,
    una polla di uccelli spavaldi,
    un tremulo arco in tensione.
    Che cosa è per me il tuo corpo?
    Un teatro di perfetto silenzio,
    un cocchio di rossa lestezza;
    e ancora, Oh, il passo incerto
    di bianco-chiomati desideri!


    ee cummings

    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  9. #24
    old crone L'avatar di Indigowitch
    Registrato dal
    Feb 2012
    Messaggi
    453
    Post Thanks / Like

    Lingua vinaccia di sole flagellato


    Lingua vinaccia di sole flagellato
    lingua che lambisce il tuo paese d'insonni dune
    chioma
    lingua di fruste
    linguaggi
    snodati sulla tua schiena
    intrecciati
    sui tuoi seni
    scrittura che ti scrive
    con gli sproni delle lettere
    ti nega
    con i tizzoni dei segni
    vestito che ti sveste
    scrittura che ti veste di enigmi
    scrittura in cui mi seppellisco
    Chioma
    grande notte improvvisa sul tuo corpo
    giara di vino caldo
    versato
    sulle tavole della legge
    nodo d'urli e nube di silenzi
    grappolo di serpi
    grappolo d'uva
    pestata
    dalle gelide piante della luna
    pioggia di mani di foglie di dita di vento
    sul tuo corpo
    sul mio corpo sul tuo corpo
    Chioma
    fogliame dell'albero d'ossa
    l'albero di aeree radici che suggon notte dal sole
    Albero carnale
    Albero mortale

    Octavio Paz
    La vita morde forte alle spalle e quando sorride ti fa solo del male (Mauro Berchi)

  10. #25
    old crone L'avatar di Indigowitch
    Registrato dal
    Feb 2012
    Messaggi
    453
    Post Thanks / Like

    Acqua e vento

    Distesa d'acqua scintilli
    sotto un fulmine lascivo
    il mio pensiero azzurro e nero.

    Cammini per il bosco del mio sangue
    alberi odorosi di seme
    alberi bianchi alberi neri.

    Abiti un rubino
    istante incandescente
    goccia di fuoco
    incastonata nella notte
    corpo senza limiti
    in un'alcova minuta.

    Il mare ti solleva fino al grido più bianco
    l'edera del gemito mi conficca le unghie nella nuca
    il mare ti squarcia strappandoti gli occhi
    torre di sabbia che si sgretola
    i tuoi lamenti scoppiano e svaniscono
    galli neri
    cantano la tua morte e la tua resurrezione.

    Sul bosco carbonizzato
    passa il sole con un'ascia


    Octavio Paz
    La vita morde forte alle spalle e quando sorride ti fa solo del male (Mauro Berchi)

  11. #26
    Senior Member L'avatar di Serena-fundy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Roma
    Messaggi
    759
    Post Thanks / Like
    Previsione


    Pazienza, piccolo Amore!
    Una donna dal petto pesante, calda come giugno entrerà
    un giorno e chiuderà la porta, per restare.

    E quando l'animo tuo, oppresso, avrebbe reclamato
    una fresca notte solitaria, il suo petto la notte coprirà
    pendente nella stanza tua come una coppia di gigli tigrati,
    che i loro petali oro-pallido schiudono con ferma intenzione
    e soffocano le tenebre blu con acre profumo, fiaccando
    il tuo corpo con la spinta dei suoi capezzoli, finché
    freschezza bramerai con una forte sete.

    E ti ricorderai allora, con desiderio vero
    per la prima volta, quel che ero per te.
    Così profondamente sogna un narciso selvatico
    e ti attende attraverso l'oscurità
    fredda ed azzurra, brillando allegramente
    ai tuoi piedi come piccola luce.

    Pazienza, piccolo Amore! Negli anni a venire
    io sarò dolce per te, nella memoria.

    David Herbert Lawrence
    Due cose mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini. Bertrand Russell

  12. #27
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    NELLA DOLENTE SOLITUDINE DELLA DOMENICA

    Sono qui,
    nuda,
    sulle lenzuola solitarie
    di questo letto in cui ti desidero.
    Guardo il mio corpo,
    liscio e rosato nello specchio,
    il mio corpo
    che è stato avido territorio dei tuoi baci,
    questo corpo pieno di ricordo
    della tua incontenibile passione
    sul quale hai combattuto sudate battaglie
    nelle lunghe notti di gemiti e di risa
    e di sudori dalle mie cavità profonde.
    Guardo i miei seni
    che sistemavi sorridendo
    nel palmo della tua mano,
    che stringevi come uccellini nelle tue gabbie di cinque sbarre,
    mentre un fiore mi si accendeva
    e arrestava la sua dura corolla
    contro la tua dolce carne.
    Guardo le mie gambe,
    lunghe e lente conoscitrici delle tue carezze,
    che ruotavano rapide e nervose sui loro cardini
    per aprirti il sentiero della perdizione
    proprio verso il mio centro
    verso la dolce vegetazione del campo
    dove hai ordito taciti combattimenti
    coronati dal piacere,
    annunciati da raffiche di fucile
    e da arcaici tuoni.
    Mi guardo e mi vedo,
    è lo specchio di te che si tende dolente
    su questa solitudine domenicale,
    uno specchio rosato,
    un calco vuoto che cerca l'altro suo emisfero.
    Piove a dirotto sul mio volto
    e penso soltanto al tuo amore lontano
    mentre difendo
    con tutte le mie forze,
    la speranza.
    Gioconda Belli
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  13. #28
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    959
    Post Thanks / Like
    Corpo intero


    Separare il tatto dalle mani
    verso un repertorio differente
    di esercizi di sottrazione


    Toccare solo la tua voce
    Poi: solo il tuo odore
    Poi: solo la tua luce


    Poi:
    l’incompiuto in tua presenza
    non conoscere


    E calzare di nuovo il tatto
    per toccare il tuo corpo
    per toccare nella tua nudità
    là nudità stessa della nudità




    Ulalume González De León
    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  14. #29
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,840
    Post Thanks / Like
    Sospiri tramano reti tra le cosce. Mi apro
    come il piú rosso dei frutti. Tra i rapidi spazi
    della pioggia il mondo suda mari e corde
    umide tremano per un suono perfetto.
    Un arco pizzica la corda. Qualcosa dentro di me
    cammina su una fune dove cerchi nel cremisi
    un filo d’argento. Una rosa arde sotto
    una pioggia di aghi di pino. Ti mordo il labbro, persa.

    Vieni piú dentro, dove gli occhi fissano l’interno
    del cranio mentre la sommità del cervello
    s’alza in volo. Con la bocca lambisci petali finché il nostro
    volto
    è un fiore impregnato del suo stesso profumo.

    I pianeti ci abbandonano.

    (Carol Ann Duffy, "Lo splendore del tempio, poesie d'amore", Crocetti Editore)
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  15. #30
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    959
    Post Thanks / Like
    Quando vado in bianco

    Quando vado in bianco
    troppo a lungo
    le mie poesie
    come me
    non vengono
    e ci vuole un certo
    quantitativo di nudo, morte, cipolle,
    o malattie
    per indurmi a
    una poesia
    e giovedì sera
    un uomo del tutto improbabile
    ha fatto proprio questo; mi ha indotto
    a uscire dal bar dei poeti per entrare
    nel suo salotto, a uscire dalla
    mia gonna e dagli stivali neri per entrare
    nelle sue lenzuola, nel lavandino e nei suoi Levis ed ora
    è già domenica sera
    e non ha ancora chiamato.
    Entro lunedì lo odierò
    ed esaurirò la vena
    e se nessuno muore o s’ammala
    le poesie finiranno
    ma oggi
    ne ho già scritte quattro.
    Woow, che uomo!


    Lisa Glatt
    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •