Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  3
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: Il giro di vite - Henry James

          
  1. #1
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    604
    Post Thanks / Like

    Il giro di vite - Henry James

    Nome:   9788811360766_0_0_300_80.jpg
Visite:  73
Grandezza:  7.8 KB


    In un'atmosfera tesa e allucinante, misteriosa e ambigua, James realizza con grande maestria una delle sue opere più riuscite: solo in apparenza una storia di fantasmi, "II giro di vite" organizza e lega al suo interno una notevole quantità di temi. Asse privilegiato del racconto è però la ripetizione: i due "revenants" che si accampano sulla scena del romanzo non sono altro che la figura retorica dietro la quale James nasconde, e svela, il problema di ciò che ritorna, ciò che si ripete. Attraverso l'utilizzo di una tecnica narrativa "sperimentale" - che adotta il limitato punto di vista dei personaggi - James anticipa i procedimenti metaletterari del romanzo del Novecento.

    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  2. Likes daniela liked this post
  3. #2
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    604
    Post Thanks / Like
    Questa è una storia che, in superficie, può sembrare surrealista ma che, al suo interno è quanto di più vero possa esserci perché è la storia di una donna sola e delle conseguenze mentali ed emotive a cui una solitudine come quella della signorina che giunge a Bly per fare l'istitutrice può portare.
    Questa ragazza, probabilmente vissuta fino ad allora leggendo i libri del padre reverendo, si allontana per la prima volta da casa, prova un vero e proprio colpo di fulmine per lo zio tutore dei due bambini, colpo di fulmine che farà emergere in lei prepotentemente tutto un vissuto emotivo represso sotto forma di psicosi, di paranoia.
    L'impossibilità di contattare e quindi di tornare ad incontrare l'uomo è talmente insopportabile a livello razionale da farle immaginare una realtà alternativa, una sua realtà in cui lei è la protagonista assoluta, in grado di salvare due anime perdute, vittime di tutto ciò che di perverso possa esistere nel mondo, quindi lei è necessaria, indispensabile, oggetto d'amore del bambino e rivale della bambina, rivelando un complesso d'edipo mai risolto.
    I fantasmi sono nient'altro che proiezioni della parte più nascosta di noi stessi, quella parte che ci fa paura quando non si hanno gli strumenti necessari per elaborarla.
    Dopo tutto la ragazza è una vittima inconsapevole di se stessa.
    Il racconto a mò di bambola russa (o scatola cinese) mi piace sempre molto.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  4. Likes daniela liked this post
  5. #3
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,748
    Post Thanks / Like
    Mi è piaciuto lo stile narrativo di Henry James. Scrive bene, gli darò un'altra opportunità!
    La trama invece mi sembra molto datata, molto Ottocentesca, non mi ha entusiasmato, nè mi ha trasmesso alcuna inquietudine.

    Mi ha stupito che l'incarico affidato all'istitutrice presenti un solo divieto : lo zio dei due bambini la invita a prendersi ogni responsabilità su di sè e a non disturbarlo mai, per nessuna ragione, perciò dovrà risolvere da sè ogni tipo di problema. Ben strano, direi. Così come ho trovato illogico che l'istitutrice ritenga che l'espulsione del bambino dal collegio sia dovuta all'invidia dei compagni: mah, di solito si penserebbe che il bambino abbia combinato qualche marachella. Magari si poteva chiedere al bambino cosa fosse successo, oppure informarsi presso il collegio?
    Il racconto non mi trasmette paura, l'istitutrice mi sembra anche un po' isterica e molto illogica.

    La mia personale interpretazione è che il libro tratti dell'isteria e della pedofilia. L'istitutrice è isterica e preda di pensieri ossessivi, e interpreta come perverso il comportamento dei bambini, sospettando che vedano e che vedano più di lei. Ha tutte le espressioni somatiche dell'isteria, dal pallore agli svenimenti, ogni volta che si cerchi di interrompere un legame. Ha molta immaginazione ("non avete la terribile audacia della mia immaginazione" dice alla signora Grose), vuole essere al centro dell'attenzione di tutti. Ha la forza di attrazione di una sessualità immatura, che si esprime con i due bambini. Pensiamo ai dialoghi con Miles, 10 anni, il bambino è innamorato di lei, fortemente attratto, e i loro dialoghi sono fuori luogo, seduttivi e attrattivi, con avance molto chiare.
    "Sapete, cara, per un ragazzo star sempre con una signora... Dopotutto io sono un ragazzo... capite? che... ebbene, cresce."
    Più chiaro di così, il piccolo Miles fa un'avance alla signorina e, se non ci si accorda, lui sta male e a quel punto preferirebbe trovare un collegio dove andare.

    Nessuno ha mai visto cio' che la signorina vedeva, lei vede, i bambini no, ma lei pensa che mentano. Tutto sommato i bambini mi sembrano normali, ma probabilmente traumatizzati, abusati. "Quint faceva ciò che voleva, era vizioso, depravato, un individuo abbietto" "Con lei?" "Con tutti loro." "Lei era bella, ma infame. Erano infami tutti e due." L'istitutrice è isterica e interpreta il comportamento normale dei bambini come perverso, inventa spiriti che vengono a fare con i bambini ciò che lei desidera e di fatto poi fa. Fantasie di amore e di morte, perchè l'amore dell'isterica è mortale.

    Curiosi comunque i dialoghi in tutto il racconto, l'istitutrice e l'interlocutore (bambini o governante) danno un significato diverso ai sottintesi e alle parole ambigue. Dialoghi tra sordi, surreali.
    Il vero protagonista di questo racconto è l'isteria, l'istitutrice proietta nei fantasmi i suoi desideri erotici, di amore e di morte, verso i bambini. E' lei al centro di tutto il racconto, non tollera che qualcuno non la noti, vorrebbe attirare l'attenzione anche dello zio lontano, vorrebbe farlo tornare.
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  6. Likes Estella liked this post

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •