Thanks Thanks:  1
Likes Likes:  11
Visualizzazione dei risultati da 1 a 9 su 9

Discussione: Antonia Pozzi

          
  1. #1
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like

    Lightbulb Antonia Pozzi

    Antonia Pozzi nasce a Milano il 13 febbraio 1912, muore a Milano il 3 dicembre 1938.

    Nome:   film-marina-spada-4-la-poetessa-antonia-pozzi-2486597_0x440.jpg
Visite:  626
Grandezza:  55.7 KB

    Amor fati

    Quando dal mio buio traboccherai
    di schianto
    in una cascata
    di sangue –
    navigherò con una rossa vela
    per orridi silenzi
    ai cratèri
    della luce promessa.

    13 maggio 1937
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  2. Thanks kaipirissima thanked for this post
    Likes daniela liked this post
  3. #2
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Acqua alpina

    Gioia di cantare come te, torrente;
    gioia di ridere
    sentendo nella bocca i denti
    bianchi come il tuo greto;
    gioia d’essere nata
    soltanto in un mattino di sole
    tra le viole
    di un pascolo;
    d’aver scordato la notte
    ed il morso dei ghiacci.

    (Breil) Pasturo, 12 agosto 1933
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  4. Likes daniela liked this post
  5. #3
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Terrazza al Pincio

    Dai viali, a fiotti, corre sullo spiazzo
    una fragranza amara d’oleandri.
    Roma, immensa, s’abbuia a poco a poco,
    sfiorata di rintocchi. Non un volto,
    né una voce, né un gesto afferro intorno:
    solo l’anima tua, solo il mio amore,
    sbiancato dalla tua purezza. In breve,
    nel cielo smorto di sfrenata attesa,
    proromperà un rimescolio di stelle.

    Antonia Pozzi (Roma, 27 luglio 1929)
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  6. Likes daniela, Enribello liked this post
  7. #4
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Meriggio

    In questa doratura di sole
    io sono
    una gemma pelosa
    legata crudelmente con un filo di refe
    perché non possa sbocciare
    a bagnarsi di luce.
    Accanto a me tu sei
    una freschezza riposante d’erba
    in cui vorrei affondare
    perdutamente
    per sfrangiarmi anch’io
    in un ebbro ciuffo di verde –
    per gettare in radici sottili
    il mio piú acuto spasimo
    ed immedesimarmi con la terra.

    Antonia Pozzi (Milano, 19 aprile 1929)
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  8. #5
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Confidare

    Ho tanta fede in te. Mi sembra
    che saprei aspettare la tua voce
    in silenzio, per secoli
    di oscurità.Tu sai tutti i segreti,
    come il sole:
    potresti far fiorire
    i gerani e la zàgara selvaggia
    sul fondo delle cave
    di pietra, delle prigioni
    leggendarie.
    Ho tanta fede in te. Son quieta
    come l’arabo avvolto
    nel barracano bianco
    che ascolta Dio maturargli
    l’orzo intorno alla casa.

    Antonia Pozzi (8 dicembre 1934)
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  9. Likes daniela liked this post
  10. #6
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Fuga

    Anima, andiamo. Non ti sgomentare
    di tanto freddo, e non guardare il lago,
    s’esso ti fa pensare ad una piaga
    livida e brulicante. Sí, le nubi
    gravano sopra i pini ad incupirli.
    Ma noi ci porteremo ove l’intrico
    dei rami è tanto folto, che la pioggia
    non giunge a inumidire il suolo: lieve,
    tamburellando sulla volta scura,
    essa accompagnerà il nostro cammino.
    E noi calpesteremo il molle strato
    d’aghi caduti e le ricciute macchie
    di licheni e mirtilli; inciamperemo
    nelle radici, disperate membra
    brancicanti la terra; strettamente
    ci addosseremo ai tronchi, per sostegno;
    e fuggiremo. Con la piena forza
    della carne e del cuore, fuggiremo:
    lungi da questo velenoso mondo
    che mi attira e mi respinge. E tu sarai,
    nella pineta, a sera, l’ombra china
    che custodisce: ed io per te soltanto,
    sopra la dolce strada senza meta,
    un’anima aggrappata al proprio amore.

    Antonia Pozzi (Madonna di Campiglio, 11 agosto 1929)
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  11. Likes Aptenia liked this post
  12. #7
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Pausa

    Mi pareva che questa giornata
    senza te
    dovesse essere inquieta,
    oscura. Invece è colma
    di una strana dolcezza, che s’allarga
    attraverso le ore –
    forse com’è la terra
    dopo uno scroscio,
    che resta sola nel silenzio a bersi
    l’acqua caduta
    e a poco a poco
    nelle più fonde vene se ne sente
    penetrata.
    La gioia che ieri fu angoscia,
    tempesta –
    ora ritorna a brevi
    tonfi sul cuore,
    come un mare placato:
    al mite sole riapparso brillano,
    candidi doni,
    le conchiglie che l’onda
    lasciò sul lido.

    Antonia Pozzi (7 dicembre 1934)
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  13. Likes Aptenia liked this post
  14. #8
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Paura

    Nuda come uno sterpo
    nella piana notturna
    con occhi di folle scavi l'ombra
    per contare gli agguati.
    Come un colchico lungo
    con la tua corolla violacea di spettri
    tremi
    sotto il peso nero dei cieli.

    Antonia Pozzi (Milano, 19 ottobre 1932)
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  15. Likes Aptenia, daniela liked this post
  16. #9
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Incantesimi

    Alti orli ghiacciati
    si disfecero al mondo.
    Solcava
    lenta e lieve la barca
    laghi d’oro,
    andando così noi nel sole
    abbracciati.
    Gracili reti bionde
    imprigionavano l’ora.
    E nacquero brividi;
    crebbero
    voci tristi;
    fischiò
    a sponda il dilacerarsi delle canne.
    Belve chiare
    guardarono dal folto
    a lungo
    il tramonto nell’acqua,
    andando così verso l’ombra
    io libera
    e sola per sempre.

    Antonia Pozzi (22 dicembre 1935)
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  17. Likes Aptenia, daniela liked this post

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •