Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  2
Visualizzazione dei risultati da 1 a 2 su 2

Discussione: Le braci - Sāndor Mārai

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,238
    Post Thanks / Like

    Le braci - Sāndor Mārai



    Dopo quarantun anni, due uomini, che da giovani sono stati inseparabili, tornano a incontrarsi in un castello ai piedi dei Carpazi. Uno ha passato quei decenni in Estremo Oriente, l'altro non si č mosso dalla sua proprietā. Ma entrambi hanno vissuto in attesa di quel momento. Null'altro contava per loro. Perché? Perché condividono un segreto che possiede una forza singolare: "una forza che brucia il tessuto della vita come una radiazione maligna, ma al tempo stesso dā calore alla vita e la mantiene in tensione". Tutto converge verso un "duello senza spade" ma ben pių crudele. Tra loro, nell'ombra il fantasma di una donna.

    dal web


    Pubblicato senza successo per la prima volta in Ungheria nel 1942, Sāndor Mārai č stato nel tempo rivalutato, insieme a tutta l’opera dell’autore, e oggi e' annoverato fra i massimi esponenti della letteratura del Novecento mitteleuropeo. “Le braci” e' un libro molto introspettivo e che induce a varie riflessioni. …
    Le parole dell'autore , dallo stile chiaro e preciso, riescono a trasmettere al lettore l'atmosfera di altri tempi che si respira per tutto il romanzo.L’ambientazione e’ suggestiva…un antico e austero castello avvolto e protetto da un fitto bosco… la luce violacea e ghiacciata degli inverni dell'est, un camino che scalda la biblioteca, dove una cena si protrae fino al mattino. Due uomini ,grandi amici un tempo,si affrontano alla ricerca di risposte che forse conoscono gia’. La verita’ a volte e’ evidente siamo noi che non vogliamo vederla. E le spiegazioni se ci sono, non cambiano i fatti.
    Davanti ai nostri occhi passano pagine di ricordi sofferenze passioni …un racconto , che poi e’ un lungo monologo,costruito sull’attesa , sulla memoria ,sulla presunzione degli uomini, dove non ci sono vincitori ne vinti…anzi forse un vincitore c’č:il tempo…il tempo e’ la migliore risposta a molte domande. Disponibile in varie copertine...a me piace questa con il quadro di Klimt.
    Da leggere con lentezza...magari in una serata di pioggia.


    "Non credi anche tu che il significato della vita sia semplicemente la passione che un giorno invade il nostro cuore, la nostra anima e il nostro corpo e che, qualunque cosa accada, continua a bruciare in eterno, fino alla morte? E non credi che non saremo vissuti invano, poiché abbiamo provato questa passione? E a questo punto mi chiedo: la passione č veramente cosė profonda, cosė malvagia, cosė grandiosa, cosė inumana? Non puō essere che non si rivolga affatto a una persona precisa, ma soltanto al desiderio in sé?"
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  2. Likes daniela liked this post
  3. #2
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,696
    Post Thanks / Like
    Il libro tratta di un fatidico incontro tra due "amici" che si rivedono dopo 41 anni. Il tempo trascorso in lontananza č un tempo aleatorio, quasi surreale. Le due persone ripercorrono i valori dell'amicizia e sul senso della vita.
    ... Ho scritto "due persone?", no scusate, UNA persona! Parla solo lui e anche quando fa le domande all'interlocutore, nemmeno gli lascia il tempo di parlare!
      Spoiler
    A pagina 160 di 172 finalmente fa una domanda diretta... e poi? Cribbio e fallo parlare!

    A parte questo mio sfogo, tornerō per dare il mio commento a freddo
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  4. Likes Enribello liked this post

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •