Thanks Thanks:  2
Likes Likes:  1
Visualizzazione dei risultati da 1 a 2 su 2

Discussione: The Hateful eight - Q.Tarantino- 2015

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,240
    Post Thanks / Like

    The Hateful eight - Q.Tarantino- 2015

    La guerra di secessione è finita da qualche anno. Una diligenza viaggia nell’innevato inverno del Wyoming.
    A bordo c'è il cacciatore di taglie John “The Hangman” Ruth (Kurt Russell) e la sua prigioniera
    Daisy Domergue (Jennifer Jason Leigh), diretti verso la città di Red Rock dove la donna verrà consegnata
    alla giustizia. Lungo la strada, si aggiungono il Maggiore Marquis Warren (Samuel L. Jackson), un ex soldato
    diventato anche lui un famoso cacciatore di taglie, e Chris Mannix (Walton Goggins) , che
    si presenta come nuovo sceriffo di Red Rock. Infuria la tempesta e la compagnia trova
    rifugio presso la stazione della diligenza “l’emporio di Minnie” Haberdashery, ove vengono accolti non dalla proprietaria,ma da quattro sconosciuti: Bob (Demian Bichir), che è accompagnato dal boia di Red Rock Oswaldo Mobray (Tim Roth), il mandriano Joe Gage (Michael Madsen) e il generale della Confederazione Sanford Smithers (Bruce Dern).
    La bufera blocca gli gli otto personaggi che ben presto capiscono che raggiungere la loro destinazione non sarà affatto semplice.Per molte ragioni.

    dal web

    Un lungo, lento carrello all’indietro svela la corsa di una diligenza attraverso i sentieri innevati del Wyoming, ( in realta’ e’ stato girato in Colorado) I cavalli galoppano sotto la frusta, le ruote affondano nella neve, e si prepara una tempesta.
    Inizia così “The Hateful eight” che lo stesso Tarantino ha definito “Le Iene formato western”…

    Questo e’ un film che andrebbe visto sul grande schermo.
    E’ stato girato con il formato ultra panavision 70 mm invece dei soliti 35
    Il fotogramma grande cattura piu’ dettagli piu’ colori e piu’ brillantezza anche se analogico e non digitale…

    Tarantino si e’ sempre divertito a mescolare i generi ( Kill Bill” ne e’ l’esempio piu’ classico)…qui ci sono varie citazioni
    La piu’ evidente a “La cosa”* di J. Carpenter e “Dieci piccoli indiani” .
    La guerra civile si e’ appena conclusa ed ha scosso le vite di tutti i presenti…
    pronti a commuoversi per una lettera di Lincoln ma anche a scannarsi
    Non ci sono eroi ma un tutti contro tutti… bianchi contro neri, nordisti contro sudisti, sceriffi contro criminali
    Sadismo e sangue come al solito vengono generosamente offerti …la fotografia e’ stupenda, i piano sequenza e le zoomate/messe a fuoco sono come al solito magistrali

    Non manca l’ironia, al solito tagliente e sprezzante …sul razzismo, inciso a fuoco nel dna americano
    “quando i negri hanno paura, i bianchi sono al sicuro”
    o come sul cartello nell’emporio di Minnie che recita “No dogs or mexicans allowed”...
    non per niente il regista ha definito questo il suo film piu’ politico. I dialoghi invece che di solito sono il suo pezzo forte stavolta convincono meno.
    Il cast e’ superlativo. Finalmente Samuel Jakson torna a fare un film di livello.…
    secondo me pero’ su tutti spicca Jennifer Jason Leigh che infila una prestazione memorabile
    (nomination ai premi oscar come miglior attrice non protagonista )
    Tim Roth e’ bravo ma qui gioca a a fare Christoph Waltz…infatti era stato scelto lui ma ha dovuto rifiutare per altri impegni.
    La colonna sonora…mi fa piacere che Morricone abbia vinto l'oscar ma per me resta quello della trilogia del dollaro e di “C'era una volta in America.”
    Conclusione: Sono un fan del regista ma questo non mi impedisce di giudicare i suoi film con obiettivita’…
    Il vecchio Quentin ha fatto di meglio non c’è dubbio e tre ore sono un po’ troppe ma rimane sicuramente un film da vedere.

    Qualche curiosita’…durante le riprese l’attore Kurt Russell ha letteralmente fatto a pezzi una preziosissima chitarra acustica d’antiquariato del 1870 della Martin…il problema e’ che avrebbe dovuto spaccare una copia non l’originale…
    nessuno pero’ aveva informato l’attore. Quindi quella che vedete sul grande schermo è la reale reazione di Jennifer Jason Leigh che sapeva che quella era autentica

    Il museo Martin Guitar Museum ha già ottenuto un risarcimento in denaro, ma il direttore Dick Boak sostiene che nulla potrà ripagare il danno subito

    * Tarantino ha fatto vedere prima di girare a tutto il cast il film “La cosa” ..infatti c’e una battuta identica che dice Kurt Russel attore anche di quel film

    “Uno di noi non e’ quello che sembra”





    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  2. Thanks DarkCoffee thanked for this post
    Likes Robbo liked this post
  3. #2
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,528
    Post Thanks / Like
    Grazie, Enri, è sempre un piacere leggere i tuoi commenti.
    Tarantino per me è un regista difficile. I suoi film ad un certo punto mi annoiano. Avrebbero bisogno di un buon taglio qua e là. Questo non l'ho visto. Ero molto indecisa, adesso che ho letto il tuo commento sincero un po' mi dispiace. Vado a vedere tanti film al cinema forse potevo fare uno sforzo in più.

  4. Thanks Enribello thanked for this post

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •