Thanks Thanks:  3
Likes Likes:  15
Pagina 4 di 6 primaprima ... 23456 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 46 a 60 su 77

Discussione: Frasi tratte dai libri

          
  1. #46
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    «Eravamo insofferenti nei confronti dei nostri simili, ma comunque bramosi d’affetto; la timidezza aveva tenuto sotto chiave qualunque impulso, ma poi il cuore era stato toccato. E quando il cuore fu toccato, per noi sembrò spalancarsi il paradiso e ci parve di possedere – sì, a entrambi – tutta la ricchezza dell’universo. Se fossimo stati diversi, saremmo sopravvissuti».

    Mia cugina Rachele, Daphne Du Maurier
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  2. Likes Elvira Coot, daniela liked this post
  3. #47
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    "Così si sentiva umiliata e afflitta e piena di rimorsi, pur non sapendo precisamente neanche lei per cosa. Cominciava a desiderare la stima di lui, ora che non ci poteva più sperare: avrebbe voluto avere sue notizie, ora che non c’era più probabilità di averne. Ebbe la certezza che con lui sarebbe stata felice, ora che non era più probabile che si incontrassero.

    (Jane Austen, Orgoglio e Pregiudizio)
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  4. Likes Enribello liked this post
  5. #48
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    L’orgoglio è un difetto assai comune. Da tutto quello che ho letto, sono convinta che è assai frequente; che la natura umana vi è facilmente incline e che sono pochi quelli che tra noi non provano un certo compiacimento a proposito di qualche qualità – reale o immaginaria – che suppongono di possedere. Vanità e orgoglio sono ben diversi tra loro, anche se queste due parole vengono spesso usate nello stesso senso. Una persona può essere orgogliosa senza essere vana. L’orgoglio si riferisce soprattutto a quello che pensiamo di noi stessi; la vanità a ciò che vorremmo che gli altri pensassero di noi.

    (Jane Austen, Orgoglio e Pregiudizio)
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  6. #49
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    Vi offro di nuovo il mio cuore che è ancor più vostro di quando lo spezzaste quasi otto anni e mezzo or sono. Non abbiate l’ardire di affermare che l’uomo dimentica più in fretta della donna, che il suo amore finisce prima. Non ho amato che voi. Ingiusto posso essere stato, debole e risentito lo sono certamente stato, ma incostante mai. Per voi soltanto sono tornato a Bath e senza di voi non posso immaginare il mio futuro.

    (Jane Austen, Persuasione)
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  7. Likes Enribello liked this post
  8. #50
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    E, per quanto non avesse alcuna ragione di supporre che i suoi occhi si posassero su di lei mentre parlava, Anne sentì che era assolutamente impossibile, conoscendolo come lo conosceva lei, immaginare che anche lui non ricordasse.

    (Jane Austen, Persuasione)
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  9. #51
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,091
    Post Thanks / Like
    «In ospedale, ti può sempre andare peggio. Qualsiasi cosa tu abbia. Se hai un tumore al rene, ti diranno che i reni sono due e l’altro sta bene; se ti hanno tolto la milza ti diranno che a un paziente, l’altro giorno, hanno tolto un polmone; se ti senti male, hai la nausea e non ti reggi in piedi, ti diranno che potevi essere in coma; se sei in coma, ti diranno che potevi essere morto; se sei morto, diranno che nel tuo Paese non c’è la guerra; se c’è la guerra nel tuo Paese, diranno che molti dei tuoi amici e famigliari ancora non sono stati bombardati; se hai un tumore al rene, ti senti male, nel tuo Paese c’è la guerra e amici e parenti sono stati uccisi, ti diranno che però oggi c’è il sole.»

    La Linea verticale - Mattia Torre

  10. Likes Estella liked this post
  11. #52
    Senior Member L'avatar di nottibianche
    Registrato dal
    Jan 2018
    residenza
    Montecatini Terme
    Messaggi
    300
    Post Thanks / Like
    "Se nel mondo non c'è amore,faremo un altro mondo e lo circonderemo di mura massicce e lo arrederemo con interni rossi e soffici,e gli forniremo un battaglio che suoni come un diamante caduto nel feltro di un gioielliere in modo che non lo sentiamo mai .Amami,perchè l'amore non esiste e io ho provato tutto ciò che esiste."

    Ogni cosa è illuminata : Jonathan Safran Foer
    " E se io non fossi l'eroe? Se io fossi il cattivo? " Twilight

  12. #53
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    Renzo, salito per un di que’ valichi sul terreno più elevato vide quella gran macchina del Duomo sola sul piano, come se, non di mezzo a una città ma sorgesse in un deserto; e si fermò su due piedi, dimenticando tutti i suoi guai, a contemplare anche da lontano quell’ottava meraviglia di cui aveva tanto sentito parlare fin da bambino.

    (Alessandro Manzoni, I promessi sposi)
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  13. #54
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    Non ti ho mai fatto un complimento, Rachel, in vita mia.
    L'amore fortunato può qualche volta adoperare un linguaggio lusinghiero, lo ammetto.
    Ma l'amore senza speranza, carissima, dice sempre il vero.


    La pietra di Luna - Wilkie Collins.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  14. Likes Enribello liked this post
  15. #55
    Senior Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    985
    Post Thanks / Like
    "Quando ti incontravo, nelle serate in mezzo agli altri, mi sembrava di essere un compasso.
    Mi sentivo inchiodata in un punto, con l’anima che ti seguiva ovunque tu andassi.
    Tenendoti a distanza".

    Stefania Rossotti da "Il giorno uno di noi due"
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  16. Likes Estella, kaipirissima liked this post
  17. #56
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,091
    Post Thanks / Like
    "Macbeth è come una falena attratta inesorabilmente dalla luce del potere. E come una falena finirà per bruciarsi. Come tutte le falene, deve temere soprattutto se stesso"


    "E se la morte fosse giunta in quel momento? Sarebbe di certo stata una fine insensata, ma non era così per tutti? Ci interrompono nel bel mezzo di una frase, e il racconto su di noi resta sospeso, senza un senso, senza una conclusione, senza un ultimo atto chiarificatore. Una breve eco dell’ultima parola, pronunciata per metà, e poi siamo dimenticati, dimenticati. Nemmeno la statua più gigantesca può fare la differenza. Il ricordo di chi sei stato, di chi sei stato veramente, sparisce più in fretta dei cerchi che si allargano nell’acqua. E qual era il significato di quella fugace comparsata bruscamente interrotta? Recitare al meglio delle proprie capacità, afferrare i piaceri e le gioie che la vita ha da offrire finché dura? Oppure lasciare un segno, cambiare la direzione delle cose, trasformare il mondo in un posto migliore prima di doverlo lasciare? O invece il senso era quello di riprodursi, di generare delle piccole creature più adatte a quel mondo, nella speranza che gli esseri umani diventino quei semidèi che immaginano di essere? Oppure forse non esiste alcun senso? Forse noi siamo solo delle frasi sconnesse in un eterno, caotico balbettio, con tutti che parlano e nessuno che ascolta, e dove la nostra peggior premonizione trova conferma: siamo soli. Completamente soli"

    Macbeth - Jo Nesbo

  18. Thanks Estella thanked for this post
    Likes Estella liked this post
  19. #57
    Senior Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    985
    Post Thanks / Like
    "Quando non riesco a dormire, come adesso, leggo leggo leggo, scrivo con la musica in sottofondo, apro la finestra se non fa freddo, spio nelle case degli altri, mando email a uno sconosciuto.
    Sono le possibilità che ci fanno andare avanti."

    Annarita Briganti - da "Quello che non sappiamo"
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  20. Likes Estella liked this post
  21. #58
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    In un’epoca di progresso puramente orizzontale, nella quale il gruppo umano appare sempre più simile a quella fila di cinesi condotti alla ghigliottina di cui si è detto nelle cronache della rivolta dei Boxers, il solo atteggiamento non frivolo appare quello del cinese che, nella fila, leggeva un libro.[…] Il cinese che legge, in ogni modo, mostra sapienza e amore alla vita[…]. Sta rispondendo in modo degno di onore alla ghigliottina in attesa.

    Gli imperdonabili, pp.73/74


    Con qualche arbitrio si potrebbe dire che chi non abbia mai avuto sopra di sé un sovrano – o sotto di sé un popolo – capace, per un salto d’umore, di fargli saltare la testa dal collo, raramente possederà l’autentico dono della sprezzatura: qualità psicologicamente legata al rischio, all’audaciae all’ironia, qualcosa di affine al gioco d’occhi altero e indifferente tra il domatore e il leopardo pronto a saltare: “saggezza temeraria, prudenza ardimentosa”. Sprezzatura è ritmo morale, è la musica diuna grazia interiore; è il tempo, vorrei dire, nel quale si manifesta la compiuta libertà di un destino, irriflessivamente misurata, tuttavia, su un’ascesi coperta. Due versi la racchiudono, come un astuccio l’anello:“Con lieve cuore, con lievi mani/la vita prendere, la vita lasciare …” […]Prima di ogni altra cosa sprezzatura è infatti una briosa, gentile, impenetrabilità all’altrui violenza e bassezza, un’accettazione impassibile – che a occhi non avvertiti può apparire callosità – di situazioni immodificabili che essa tranquillamente “statuisce come non esistenti” (e in tal modo ineffabilmente modifica), ma attenzione. Non la si conserva né trasmette a lungo se non sia fondata come un’entrata in religione, su un distacco quasi totale dai beni di questa terra, una costante disposizione a rinunziarvi se si posseggono, un’ovvia indifferenza alla morte, profonda riverenza per più alto che sé e per le forme impalpabili, ardimentose, indicibilmente preziose che quaggiù ne siano figura. La bellezza, innanzitutto, interiore prima che visibile, l’animo grande che ne è radice e l’umor lieto. Ciò significa, tra l’altro, capacità di volare incontro alla critica con impeto sorridente, con la graziosa enfasi dell’incuranza di sé[…].

    Gli imperdonabili, pp. 99/100

    Una vita pura è interamente ritmata da questa musica leggera e veemente, tutta oblio e sollecitudine, tutta sorriso e pietà. Un tempo il luogo geometrico, collettivo di tali ritmi ineffabili erano i riti, le liturgie. Nella più semplice delle antiche cerimonie vi era la grande allure della visione. Quell’eleganza di viva fiamma, quel dialogare serrato, rubato, rapito tra le potenze dell’anima e l’invisibile, quel cadere di pause interstellari – altra e più incalzante scrittura del Dio, che apriva nel blocco cieco del mondo mille punti di fuga verso il regno della bellezza soprannaturale: che è il regno degli specchi raddrizzati e dei ceppi caduti, dove prendere e lasciare sono una sola estasi.


    Gli imperdonabili, p. 111

    Cristina Campo
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  22. #59
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    “Spezzati quegli specchi, poteva l’uomo non rimanere privo di volto? Non serve ricordare fino a che punto una folla moderna atterrisca per la totale cancellazione, nel numero, del volto umano e di quelle pure, laceranti figure che i volti umani sanno talvolta comporre. Il volto collettivo è un impossibile e i destini si annullano nelle agghiaccianti tipologie immaginarie che solo ricordare contamina: l’uomo a cui tutte le mura della metropoli gridano quale musica dovrà amare, cosa desiderare, donna sognare, propongono senza tregua la folla babelica dei destini vicari, l’attrice che ha bevuto il veleno, il campione morto in un incidente.”

    Il flauto e il tappeto, p.117

    Cristina Campo
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  23. #60
    Victorian lady L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    774
    Post Thanks / Like
    Amare significa stare con. Significa emergere da un mondo di fantasia in un modo in cui è possibile un amore sostenibile a faccia a faccia, un amore fatto di devozione. Amore significa restare quando ogni cellula dice: scappa! Poi si ritroveranno entrambi rafforzati, chiamati a una più profonda comprensione dei due mondi in cui vivono, uno terreno, l’altro dello spirito.

    Donne che corrono coi lupi – Clarissa Pinkola Estés
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  24. Likes daniela liked this post

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •