Thanks Thanks:  6
Likes Likes:  6
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: Tu...in 24 righe

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,089
    Post Thanks / Like

    Tu...in 24 righe

    Una mia amica giornalista una volta mi ha detto...
    "prova a raccontarti in 24 righe al massimo...
    senza punteggiatura , puoi usare solo i puntini sospensivi..."
    io ci ho provato ...e sono riuscito in 19.....se volete cimentatevi anche voi, se volete...

    Enri :

    Eccomi bambino con il cestinetto dell’asilo che aveva un odore unico..di mele o torte o chissa’ che altro e la magia di una casa con un giardino pieno di fiori e alberi da frutto... con il nasino schiacciato sul vetro della grande finestra vedevo Roma cosi immensa e sgranavo gli occhi davanti alle favole inventate da mia madre.. in fondo alla via mio padre ancora forte e giovane...e le corse dietro a un pallone e ferite sui ginocchi...e girando “l’angolo” l’odore del mare e il primo bacio a una ragazzina dai lunghi capelli biondi con le lentiggini.... le manifestazioni con i pugni chiusi alzati al cielo e la voglia di cambiare....e rivedo facce di amici come se avessero ancora oggi ventanni quando la voglia di dormire perdeva contro la voglia di ridere fino a notte fonda in quella piazza..sogni di amore libero,di rivoluzioni, di progetti ...e all’alba l’odore del caffe’ che usciva dalla moka e il batticuore degli esami tra Seneca e i Pink Floyd... e i silenzi dei pomeriggi d’estate quando tutto taceva e si poteva sentire il vento muovere le foglie...la vecchia honda 400 e i capelli un po’ lunghi... la prima ragazza e’ ancora laggiu’ che mi sorride dopo una corsa e baci sotto la pioggia.... intanto Neruda con le sue parole colpiva al cuore e i pomeriggi ad ascoltare i vecchi vinili dei Led Zeppelin.. Woodstock profumava di liberta’.. l’architettura, l’arte, la storia....la laurea ,l’America e l’Africa....suoni e colori....e il mare delle isole greche,blu intenso… come gli occhi che ti faranno innamorare... il dono supremo, una nuova vita…
    poi l’incontro con altri occhi ..occhi da orientale...pensavi a una cosa leggera e invece morirai per lei....ed oggi.... staccare un biglietto per un altro giro di giostra…vedere il cielo ancora azzurro....e credere nonostante tutto, a quel meraviglioso viaggio chiamato vita.


    ....com’è tutta la vita e il suo travaglio
    in questo seguitare una muraglia
    che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia...
    Montale.

    Nome:   011.gif
Visite:  101
Grandezza:  512 Bytes
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  2. Thanks DarkCoffee, Estella, Mauro thanked for this post
    Likes DarkCoffee, kaipirissima, daniela, Estella liked this post
  3. #2
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,340
    Post Thanks / Like
    Bello! Un vortice pieno di vita e voglia di vivere. Un'esperienza irrinunciabile.

  4. Thanks Enribello thanked for this post
  5. #3
    The bell jar L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    892
    Post Thanks / Like
    Novembre 1979, ore 6.30, sono nata ma non ho pianto, avevo già capito che avevo sbagliato i calcoli, troppo presto, pensai....ma ormai non potevo più tornare indietro e allora tanto valeva prendere le cose con filosofia, così ho fatto il mio primo viaggetto nella capitale per andare in una culla piena di fili ma confortevole, devo dire, non avevo voglia di andare subito a casa, il sagittario è un viaggiatore in fondo, forse è per questo che non ho voluto essere un acquario, anche se, pensandoci bene, mi piace stare nell’acqua.....tornata a casa mi sono resa conto che non era poi così male come pensavo, una casetta in campagna, in beata tranquillità, poi improvvisamente a tre anni qualcosa dev’essere successo poiché mi sono ritrovata all’improvviso con orrendi scarponi ai piedi.... poi mi sono ricordata che, qualche mese prima, ero stata nella città con quel ponte vecchio dove alcuni dottori avevano dovuto disciplinare i miei piedi che erano troppo disobbedienti e proprio non ne volevano sapere di camminare e che, ogni volta che provavo ad alzarmi, mi facevano cadere.... ora potevo camminare anche se capii subito che non avrei mai potuto fare carriera come modella, né come atleta, né come ballerina, lo capii quando, messo il tutù, dopo due anni di danza non dovetti comprare le scarpette con le punte.....l’esperienza della danza mi fece innamorare del teatro e mai avrei pensato che, vent’anni dopo il mio primo passo di danza, sarei tornata sul palco in veste di attrice, in realtà attrice è una parola grossa, facevo parte di una compagnia di teatro non classico ma sperimentale, in cui la parola si fondeva con i movimenti del corpo, un’esperienza bellissima che mi fece uscire dalla mia timidezza patologica e che mi aiutò a far uscire meglio le mie parole, che a volte si incapricciavano e uscivano fuori balbettanti e soffocate, prigioniere di pensieri strani e contorti che, grazie anche ad una terapeuta psico, come la chiamo io, si tramutarono in pensieri meno severi e più semplici, quant’è bella la semplicità.....mi ero tanto complicata la vita da perdere di vista la bellezza delle cose semplici, naturali, spontanee.....imparai a fare pace con me stessa, a volermi bene in sostanza, a prendermi cura di me, iniziai a fare nuoto, a mangiare ciò che mi faceva sentire bene, a vestirmi come mi piaceva, a tagliarmi i capelli corti, imparai ad essere me stessa....
    il percorso è ancora lungo ma sento che a piccoli passi ce la farò a trovare il mio cammino, non importa il risultato, ciò che conta è come camminare e non importa se i miei passi sono incerti, l’importante è che ogni piccolo passo che compio sia un passo che ho fatto da sola con le mie forze, poi, se durante il cammino, troverò qualcuno che mi vorrà tenere per mano sarò immensamente felice, altrimenti sarò tranquillamente serena, va bene lo stesso, ma non vorrei mai tornare ad essere disperatamente tormentata.
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  6. Thanks Enribello, Mauro thanked for this post
    Likes daniela, kaipirissima liked this post

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •