Thanks Thanks:  7
Likes Likes:  21
Pagina 4 di 4 primaprima ... 234
Visualizzazione dei risultati da 46 a 55 su 55

Discussione: L'arte che amiamo

          
  1. #46
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   489afd61913983874b99e62be7e51484.jpg
Visite:  74
Grandezza:  69.2 KB

    Disegno di Francesco Clemente, pittore e disegnatore italiano.
    È l'autore di tutti i disegni (tra cui questo) e i quadri realizzati dal protagonista del film "Paradiso Perduto" del 1998 ispirato al romanzo di Dickens "Grandi speranze".
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  2. #47
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   2261687c539689f56a0257b113a70e7f.jpg
Visite:  55
Grandezza:  87.9 KB

    Charlotte Salomon - 1942 (dalla raccolta "Vita? o Teatro? Un'Operetta)
    Giovane pittrice ebrea che nei suoi dipinti racconta la sua vita in perenne fuga.
    Mi colpisce la serenità di questa donna dipinta che credo sia proprio lei.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  3. #48
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   Cesar Santos 1982 -  Cuban-born Figurative American painter - Tutt'Art@ (23).jpg
Visite:  50
Grandezza:  55.2 KB

    Cesar Santos, ritrattista cubano.
    Stentavo a credere fosse un ritratto per quanto è realistico.
    I colori sono caldi, mi piace.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  4. Likes daniela, DarkCoffee, Enribello liked this post
  5. #49
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   peinture_art.jpg
Visite:  36
Grandezza:  32.1 KB

    "Larme d'or" di Anne Marie Zilberman, pittrice contemporanea francese che ricorda molto lo stile "Art Nouveau".
    L'uso dell'oro e dei colori accesi sono caratteristici dei suoi dipinti, per la maggior parte ritratti di figure femminili che rappresentano delle dee.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  6. Likes daniela, DarkCoffee, Enribello liked this post
  7. #50
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   062f90e088d1a38261a27ce425d8b393.jpg
Visite:  31
Grandezza:  65.3 KB

    Dipinto di Franco Battiato.
    Questo dipinto mi colpisce per la sua essenzialità, tipica della filosofia zen.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  8. Likes daniela liked this post
  9. #51
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   leonor_fini_las_dos_marias_d5745735g.jpg
Visite:  20
Grandezza:  21.8 KB

    Leonor Fini "Le due Marie".
    Leonor Fini è stata una pittrice surrealista argentina, di origine italiana e naturalizzata francese.
    I suoi dipinti rappresentano l'inconscio e, nel periodo più introspettivo, sono caratterizzati da uno sfondo scuro opprimente, simbolo probabilmente del mistero della psiche umana.
    In particolare questo dipinto mi fa pensare alla dualità presente in ognuno di noi, la nostra parte esteriore, visibile, manifesta, e la nostra parte interiore, nascosta, sconosciuta.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  10. Likes Enribello liked this post
  11. #52
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   paysage-bleu-marc-chagall-1371556085_b.jpg
Visite:  15
Grandezza:  57.9 KB

    Marc Chagall - Il paesaggio blu (1949)
    Chagall è stato un pittore bielorusso, di origine ebraica, naturalizzato francese.
    La sua pittura non è ben definita, è sospesa tra fauvismo e cubismo ed è caratterizzata da colori vivaci.
    Ho scelto questo dipinto perché il blu è un colore che mi piace molto e mi rilassa, ecco questo quadro per me è rassicurante.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  12. Likes daniela, Enribello liked this post
  13. #53
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   70bf48f6e7d1de77a7e413cd0f6824dd--mexican-artists-high-society.jpg
Visite:  10
Grandezza:  30.6 KB

    Maria Izquierdo - Ritratto di Maria Asunsolo (1942).
    Maria Izquierdo fu una pittrice definita surrealista (ma proprio come Frida Kahlo non si riconosceva come tale, avendo uno stile del tutto personale) messicana e scriveva "Es un delito ser mujer y tener talento".
    Questo dipinto è anche chiamato "Retrato de Maria Asunsolo con caracol", la conchiglia è un simbolo messicano reso evidente in molti quadri della pittrice, molto legata alle tradizioni messicane, di questo dipinto mi piacciono i colori decisi, l'abito tipico messicano e la figura della donna incorniciata dai fiori, il pavimento in cotto caratteristico delle case messicane, sembra proprio di respirare l'atmosfera di quel tempo.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  14. Likes daniela liked this post
  15. #54
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   33852ba6643b40adc0831e0d6c68a5c6--kisses-figurative.jpg
Visite:  7
Grandezza:  64.9 KB

    "Bacio bagnato" Joseph Lorusso, pittore contemporaneo americano di origini italiane (classe 1966).
    I suoi dipinti si avvicinano molto alla tecnica fotografica, i personaggi hanno una realistica espressività, emanano emozioni (almeno per me).
    Dipinge persone comuni in ambienti e atteggiamenti comuni, soprattutto di vita privata.
    L'atmosfera è molto familiare, romantica, a volta nostalgica e malinconica, i colori sono caldi, accoglienti, descrivono soprattutto gli interni come la casa o una caffetteria, si respira un'atmosfera vintage che a me piace molto.
    Difficilmente mostra i volti, per una sorta di riserbo nei confronti dei sentimenti che esprimono i protagonisti dei suoi dipinti, ed in gergo tecnico viene chiamato "effetto Timante", effetto pittorico creato da Timante stesso, pittore greco vissuto fra il IV e il V secolo a.C.

    Da internet:
    Nella raffigurazione del sacrificio di Ifigenia, Timante raffigurò i volti straziati dal dolore di Calcante, Ulisse e Menelao, ma non quello del padre di Ifigenia, Agamennone, coperto da un velo. Cicerone, Quintiliano, Plinio il Vecchio e altri autori latini hanno interpretato la scelta di Timante come un atto di riserbo da parte dell’artista di fronte a un sentimento così forte e lo hanno considerato anche come una confessione dell’impossibilità dell’arte di riprodurre l’apice del dolore. Per cui è lo spettatore che dovrà far ricorso all’immaginazione, completando il dipinto nella sua mente. Ora la stessa modalità ricorre anche in questi quadri di Lorusso, ma in contesti ben più felici. E anche qui l’opera di creazione artistica prevede una continuazione della mente dello spettatore.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


  16. #55
    Grandi speranze L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    Messaggi
    299
    Post Thanks / Like
    Nome:   c328af2c90d8ba0ca76d4a1087dec220.jpg
Visite:  8
Grandezza:  27.0 KB

    Uno dei dodici pannelli dedicati al ciclo de "Le mille e una notte" (1914), capolavoro dello stile Liberty realizzato dall'artista veneziano Vittorio Zecchin, influenzato da Klimt.

    Il ciclo intero era stato realizzato per decorare la sala da pranzo dell’Hotel Terminus di Venezia grazie alla magia dei racconti orientali delle “Mille e una notte”.
    Le vicende di Aladino e del fastoso corteo di principesse e guerrieri che lo accompagnano verso la promessa sposa, offre a Zecchin l’occasione di trasferire su tela tutta la maestria dell’arte vetraria veneziana e il nuovo stile di Klimt.
    L’opera è dipinta, ma impreziosita dall’oro applicato con tecniche proprie dell’arte vetraria e allo stesso tempo si intuisce l’influenza della tradizione veneziana dei mosaici bizantini e delle vetrate dei palazzi di Venezia.

    I pannelli sono maestosi, non li ho visti dal vivo purtroppo, ma incantano per la loro fluidità e i loro colori, hanno un forte impatto visivo.
    La nostalgia mi ruba i colori della vita. (Cristina Campo)


Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •