Thanks Thanks:  1
Likes Likes:  2
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: Suite francese - Saul Dibb - 2015

          
  1. #1
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,460
    Post Thanks / Like

    Suite francese - Saul Dibb - 2015

    Nome:   suite.jpg
Visite:  96
Grandezza:  29.4 KB

    Un film di Saul Dibb.
    Con Michelle Williams, Kristin Scott Thomas, Matthias Schoenaerts, Sam Riley, Ruth Wilson. Titolo originale Suite Française.
    Drammatico, 107 min.
    Gran Bretagna, Francia, Canada 2015.

    1940 Bussy, Francia.
    Bussy viene invasa dai soldati tedeschi, che prendono alloggio nelle case degli abitanti. Nella villa di Madame Angellier viene dislocato l’ufficiale Bruno Von Falk. Nella difficile convivenza tra Lucile, nuora della fredda e dispostica signora Angellier, e l'ufficiale tedesco nasce una storia d'amore...


    Commento.
    Partirò dalla fine, dai titoli di coda: le pagine autografe di Irène Nemirovsky. Una calligrafia femminile, piccola e svelta.
    Le lettere in stilo blu scorrono veloci lungo le linee della pagina. Frasi cancellate con una riga sicura, riscritte; parole perse, annegate in macchie d'inchiostro; pagine vissute, sofferte, con lucida grazia. E poi, d'un tratto, dopo un articolo segue il bianco, il nulla.
    Il romanzo non è concluso, causa deportazione a Auschwitz. Dopo sessant'anni anni la figlia ritrova il manoscritto... e il resto è... best seller.
    Suite francese è basato sulla seconda parte, intitolata Dolce, dell'omonimo romanzo. Purtroppo il libro non l'ho letto, ma il film mi ha fatto venire voglia di leggerlo.
    Michelle Williams è da sempre un'attrice che amo, la trovo brava. In questo film la sua fragilità e il suo coraggio riescono a sfiorarmi. Ma come lei ci sono altre donne in questo racconto che emergono dall'orrore. Un film di donne, con le loro contraddizioni, la loro forza, coraggio.
    Il film si apre nell'intimità di una stanza, seguendo la voce narrante della protagonista che, nella solitudine rubata, siede al pianoforte diffondendo note malinconiche.
    Forse è questa la chiave di lettura dell'opera: intimità, riflessione, bellezza.
    E muovendosi tra queste tre note, entra di prepotenza la guerra: prima con un bombardamento che ha il compito di farti sentire fragile, smarrito, perduto, poi con l'occupazione tedesca, un'invasione fagocitante, che trasforma gli abitanti.
    "Se vuoi sapere com'è davvero la gente, fai una guerra", dirà un personaggio del film.


    Un film bello da guardare: inquadrature, montaggio, location.
    Un film bello da ascoltare: la musica diventa quasi protagonista della vicenda.
    Un film bello perché anche se apparentemente soft, ti lascia l'orrore della guerra, la speranza negli uomini e la dolcezza nel cuore.

    Dolce, secondo movimento, Suite francese.


    Consigliato? Sì.
    Nome:   love.jpg
Visite:  100
Grandezza:  25.5 KB

  2. Likes daniela liked this post
  3. #2
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,842
    Post Thanks / Like
    Anche a me è piaciuto. E' un film dove la brutalità della guerra è lasciata sullo sfondo, prevale l'attenzione al microcosmo della vita del piccolo paese e all'umanità dei protagonisti. Commuove pensare che Irene Nemirosky, catturata dai nazisti e morta nel 1942 ad Auschwitz, credette nell'intima bontà dell'uomo tanto che umanizzò il personaggio maschile, facendoci sperare nell'amore che può nobilitare anche un nazista innamorato.

    Nome:   40744_ppl.jpg
Visite:  78
Grandezza:  75.2 KB
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  4. #3
    Senior Member L'avatar di Serena-fundy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Roma
    Messaggi
    773
    Post Thanks / Like
    Ho appena visto Suite Francese. Che dire... tutto sommato è un bel film ma è come se avessi guardato un romanzo nel romanzo. La storia è liberamente ispirata all' opera di Irene Nemirovsky, per cui ci sono molte divagazioni. Mi è piaciuta molto Kristin Scott Thomas, l' insopportabile signora Angellier e il "tedesco" (tra le virgolette perché è belga) impettito Matthias Schoenaerts.
    Nel romanzo c'è una visione abbastanza indulgente verso i tedeschi rispetto al film che è stato pensato e guardato con gli occhi dei posteri.
    Due cose mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini. Bertrand Russell

  5. Thanks kaipirissima thanked for this post
    Likes daniela liked this post

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •