Sono felice, caro Mauro, che tu abbia riportato in auge il nostro Perissinotto...da un pò non se ne parlava. Avevo scritto anch'io, a suo tempo, il commento su quel romanzo -il secondo da me letto- ma è andato perduto, come molto ( quasi tutto). Ma c'è il tuo ; ed è sufficiente, per riportare il discorso.
Invece approfitto per riparlare di un altro romanzo di Perissinotto. A
me i romanzi con Anna Pavesi protagonista sono piaciuti molto; devo però dirvi che questo, di cui sto per scrivere un breve commento, è di tutti il mio preferito( escluso l'ultimo, che ancora non ho letto).
Si tratta di AL MIO GIUDICE.

AL MIO GIUDICE, di Alessandro PERISSINOTTO

Breve trama.
Luca Barberis, ricco e stimato esperto di sicurezza informatica, autore di un brutale omicidio, è fuggito all'estero. Potrebbe scomparire nel nulla ma è un appassionato lettore di Simenon e per questo, emulo del protagonista della "Lettera al mio giudice", dà avvio a uno scambio epistolare con il magistrato che sta conducendo le indagini. Il carteggio scava alla ricerca delle ragioni che hanno fatto di un uomo di successo un reietto costretto a nascondersi. Luca ha infatti ucciso perché così voleva la sua vittima, non aveva altra scelta: ora vuole solo capire in quale rete è caduto. La posizione di Luca si complica quando muoiono altre persone e il suo nascondiglio viene scoperto...

Mio commento.

Un attualissimo romanzo- thriller, diverso da tutti quelli da me letti finora.
Qui, nessuna protagonista detective, come negli altri suoi romanzi, ma il protagonista è ..il computer, in un certo senso.
"Lo schermo del computer funziona come la grata del confessionale: lascia passare le parole e nasconde i volti, le vergogne.."
Proprio così funziona questo originale romanzo, dove tutta la vicenda ci è proposta attraverso lo schermo di un computer.

Un "carteggio" virtuale tra un uomo, Luca Barberis, accusato di omicidio, ed il giudice Giulia Ambrosini, incaricato delle indagini e della sua cattura.
Ogni breve capitolo è una e-mail, ma non si pensi che sia un arido susseguirsi di comunicazioni!
Prende corpo, man mano che la vicenda procede, una lunga storia intima, personale, un percorso doloroso, che coinvolge il lettore in misura incredibile!
E si dipana la storia di quest'uomo che , proveniente da una famiglia modesta, vede prospettarsi dinnanzi una possibilità di successo, di facili e lauti guadagni.
Grande è poi la disillusione, il crollo delle aspettative, il fallimento ; e qui matura in lui il desiderio fortissimo di vendetta.
Una storia gonfia di umanità e di dolore, che non permette di interrompere la lettura fino all'ultima mail, e oltre...

Un romanzo che mi ha preso il cuore, e che consiglio vivamente.
Rosy


Nome:   al mio giudice.jpg
Visite:  134
Grandezza:  3.2 KB