Thanks Thanks:  4
Likes Likes:  13
Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 16 a 30 su 32

Discussione: XIII° GdL - Marinai Perduti - Jean-Claude Izzo

          
  1. #16
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,240
    Post Thanks / Like
    Ho fatto molta fatica a stabilire il tempo in cui si svolge il libro, non so perchè mi sembrava che fosse ambientato a fine ottocento, primi novecento ..... niente di più sbagliato, i nostri marinai si trovano nel 1995, appena vent'anni fa.

  2. Likes Claire liked this post
  3. #17
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,401
    Post Thanks / Like
    No, a me non ha dato la sensazione che fosse così lontano nel tempo, però Diamantis e Abdul Aziz mi sembrano dei marinai figli di un'altra epoca. Le cose mutano in fretta e la crisi muove gli uomini alla ricerca di lavoro al di là della "poesia" del lavoro stesso. Chi lavora nelle navi crociera o nei cargo non credo viva filosoficamente come questi due marinai il mare. Tra cartine geografiche, tra padri ammirati, tra "Ulissi vagabondi" e "Penelopi sempre in attesa...". Insomma un racconto nostalgico su un mestiere che non c'è più, tra marinai naufraghi nell'esistenza. L'unica cosa che regge gli anni sembra Marsiglia, città di portuale, quando, invece, credo che anche i grandi porti di mare siano destinati a scomparire. L'unica cosa che non cambia e cambierà mai è il mare, e, forse, è proprio questo il suo fascino.

  4. Thanks Elvira Coot thanked for this post
    Likes DarkCoffee liked this post
  5. #18
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,240
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    Diamantis e Abdul Aziz mi sembrano dei marinai figli di un'altra epoca.....
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    Insomma un racconto nostalgico su un mestiere che non c'è più
    Ecco, proprio questi sono i motivi per cui ho avuto l'impressione di un racconto molto lontano nel tempo!!!! Grazie, Kaipy, mi hai aiutato a mettere a fuoco le idee!!!!!

  6. Likes kaipirissima liked this post
  7. #19
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,401
    Post Thanks / Like
    Facce da film. Avevo un po' di timore, (temevo violassero l'immagine che questi personaggi hanno dato vita nella mia mente e nel mio cuore) me li ero immaginata un po' diversi, ma ci può stare.

    http://www.filmtv.it/film/36853/marinai-perduti/cast/

  8. #20
    Master Member L'avatar di Claire
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Alta Murgia
    Messaggi
    1,819
    Post Thanks / Like
    Sono arrivata alla fine del terzo capitolo. Confesso che ho cominciato con una certa titubanza ma pian piano sto cominciando a entrare nelle storie dei diversi personaggi. Diventai marinai e viaggiare per i mari sembra una malattia che ti entra dentro e che non ti lascia più. Più forte di tutto, più forte degli affetti...Andar per mare diventa distacco dalla terra e da tutto quanto comporta. Ma è vera libertà o fuga? Belle le tante riflessioni del comandante Abdul e del suo secondo Diamantis che a un tratto, parlando di se, cita versi del poeta Ghiannis Ritsos perseguitato dal regime greco.

    Quote Originariamente inviato da Elvira Coot Visualizza il messaggio
    Ho fatto molta fatica a stabilire il tempo in cui si svolge il libro, non so perchè mi sembrava che fosse ambientato a fine ottocento, primi novecento ..... niente di più sbagliato, i nostri marinai si trovano nel 1995, appena vent'anni fa.
    Stessa fatica pure io e mi stavo proponendo di fare alcune ricerche. E' ambientata nel 1995? Caspita! Credo pure che mi urge una cartina geografica...
    "...Comme on n’a pas le choix il nous reste le cœur"

  9. #21
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,240
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Claire Visualizza il messaggio
    Stessa fatica pure io e mi stavo proponendo di fare alcune ricerche. E' ambientata nel 1995? Caspita! Credo pure che mi urge una cartina geografica...
    Ad un certo punto ho trovato questa frase:

    "... Avevano viaggiato senza parlare, ascoltando un cantautore italiano che lei aveva scoperto ultimamente. Gianmaria Testa. La canzone che preferiva era "Come le onde del mare" .... "


    Ho guardato su internet e questa canzone è del 1995.

  10. Likes kaipirissima liked this post
  11. #22
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,401
    Post Thanks / Like
    Elvira, che mente! Super detective!

  12. Thanks Elvira Coot thanked for this post
  13. #23
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,240
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    Elvira, che mente! Super detective!



  14. Likes kaipirissima liked this post
  15. #24
    Master Member L'avatar di Claire
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Alta Murgia
    Messaggi
    1,819
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Elvira Coot Visualizza il messaggio
    Ad un certo punto ho trovato questa frase:

    "... Avevano viaggiato senza parlare, ascoltando un cantautore italiano che lei aveva scoperto ultimamente. Gianmaria Testa. La canzone che preferiva era "Come le onde del mare" .... "


    Ho guardato su internet e questa canzone è del 1995.
    Ah! Ecco!
    "...Comme on n’a pas le choix il nous reste le cœur"

  16. #25
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,582
    Post Thanks / Like
    Sono a pagina 30. Quindi lascerò solo questa citazione per ora.

    "Sul giornale di quel giorno l'odio traboccava da tutte le parti. In Bosnia, in Rwanda, in Cecenia, in Irlanda. C'era sempre qualcuno che si riteneva superiore a qualcun altro".

    Questa frase mi è piaciuta molto, soprattutto dopo il discorso che Diamantis ha avuto con suo cugino Dimitri sui grigi e sulle origini.
    Odio i razzisti!
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  17. #26
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,582
    Post Thanks / Like
    Sei morti. "Ma" il giornalista aveva rassicurato i telespettatori, "non c'è più alcun rischio la tempesta si è allontanata dalle coste perdendosi al largo".
    "Al largo" di tutte le coste, quelle migliaia di uomini non esistevano più. Nemmeno per le loro moglie. Anche come mariti, tornavano a esistere solo quando si ripresentavano a casa. Nel loro letto. Diamantis alzò gli occhi.

    Questa frase, di pagina 54, mi ha fatto pensare a tutti i morti che il telegiornale non dice solo perchè li reputi minori. Minori di chi? Di cosa? Non siamo tutti essere umani?
    Come Diamantis che ragiona sul fatto che i marinai al largo non vengono contati, considerati e neanche citati....
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  18. Likes daniela liked this post
  19. #27
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,582
    Post Thanks / Like
    Bella questa frase...
    Nome:   20150530_164713-1.jpg
Visite:  113
Grandezza:  101.7 KB

    Il limite tra il verosimile e l'inverosimile...
    Nome:   2015-06-01 13.53.16.jpg
Visite:  114
Grandezza:  96.7 KB
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  20. Likes daniela liked this post
  21. #28
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,582
    Post Thanks / Like
    Ho finito ora di leggere il libro. Commento a caldo.
    A parte alcune frasi interessanti, complessivamente il libro non mi è piaciuto. Troppe parolacce, troppo incentrato sul sesso e quindi in alcuni punti ripetitivo. Il finale troppo forzato.
    Sempre donne donne ed ancora donne. Mi sono chiesta, ma stiamo leggendo un libro d'amore o le storie di marinai.
    Boh. Ci dormo su e vedo se cambio idea.
    Comunque ringrazio chi l'ha proposto e votato perché non avevo mai letto nulla di
    Jean-Claude Izzo.
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  22. Thanks kaipirissima thanked for this post
  23. #29
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,582
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    Facce da film. Avevo un po' di timore, (temevo violassero l'immagine che questi personaggi hanno dato vita nella mia mente e nel mio cuore) me li ero immaginata un po' diversi, ma ci può stare.

    http://www.filmtv.it/film/36853/marinai-perduti/cast/
    Caspita, me li sono immaginati tutti diversi! Sono curiosa di vedere il film!
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  24. Likes kaipirissima liked this post
  25. #30
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,401
    Post Thanks / Like
    Interessante... Sai Darky a me il sesso invece piaceva. Da una parte era duro, carnale, fisico, dall'altra c'era l'idealizzazione dell'amore. E poi donne, donne, le uniche in grado di assumere la funzione di ponte, in grado di unire i bisogni della carne a quelli dell'anima. Un po' una metafora...per il marinaio che parte resta nel cuore l'idea del ritorno, altrimenti il suo sarebbe un errare e non un navigare (mi pare ci sia una poesia che parla appunto di questo). E per il marinaio, sempre per mare, la donna è il tramite-ponte tra l'infinito e il finito.

    le facce? Anch'io tutte diverse.
    Il film invece non so se sia in grado ci ricreare il mondo interiore dei personaggi, ho paura che sia più trama che altro, ma forse sarebbe interessante vedere come ha "visto" il regista i vari personaggi.

    Itaca, Kavafis

    ...
    Sempre devi avere in mente Itaca -
    raggiungerla sia il pensiero costante.
    Soprattutto, non affrettare il viaggio;
    fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
    metta piede sull’isola, tu, ricco
    dei tesori accumulati per strada
    senza aspettarti ricchezze da Itaca.
    Itaca ti ha dato il bel viaggio,
    senza di lei mai ti saresti messo
    sulla strada: che cos’altro ti aspetti?

    ...

    per quanto questi marinai sembrino apolidi la casa, la loro terra, è lì sempre presente nei loro ricordi. Libano, Turchia, Grecia e tre donne... in fondo la terra è di genere femminile.

  26. Likes DarkCoffee liked this post

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •