Thanks Thanks:  5
Likes Likes:  33
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 15 su 26

Discussione: Trans Europa Express - Paolo Rumiz

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di maureen
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    1,165
    Post Thanks / Like

    Trans Europa Express - Paolo Rumiz

    Continuo con Paolo Rumiz e il suo "Trans Europa Express".

    2008. Seimila chilometri a zigzag da Rovaniemi (Finlandia) a Odessa (Ucraina). Un percorso che sembra tagliare, strappare l'Europa occidentale da quella orientale. È una strada, quella di Rumiz, che tra acque e foreste, e sentori di abbandono, si snoda tra gloriosi fantasmi industriali, villaggi vivi e villaggi morti. Rumiz accompagna il lettore, con una voce profonda, ricca di intonazioni, per paesaggi inediti, segreti, struggenti di bellezza. E più avanza, più ha la sensazione di non trovarsi su qualche sperduto confine ma precisamente al centro, nel cuore stesso dell'Europa. Attraversa dogane, recinzioni metalliche, barriere con tanto di torrette di guardia, vive attese interminabili e affronta severissimi controlli, ma come sempre conosce anche la generosità degli uomini e delle donne che incontra sul suo cammino: un pescatore di granchi giganti, prosperose venditrici di mirtilli, un prete che ha combattuto nelle forze speciali in Cecenia. Siamo di fronte a un libro raro, dettato da una scrittura che magnifica il viaggiare e la conoscenza del mondo, di quel mondo, attraverso il viaggiare.

  2. #2
    Master Member L'avatar di maureen
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    1,165
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da maureen Visualizza il messaggio
    Continuo con Paolo Rumiz e il suo "Trans Europa Express".

    2008. Seimila chilometri a zigzag da Rovaniemi (Finlandia) a Odessa (Ucraina). Un percorso che sembra tagliare, strappare l'Europa occidentale da quella orientale. È una strada, quella di Rumiz, che tra acque e foreste, e sentori di abbandono, si snoda tra gloriosi fantasmi industriali, villaggi vivi e villaggi morti. Rumiz accompagna il lettore, con una voce profonda, ricca di intonazioni, per paesaggi inediti, segreti, struggenti di bellezza. E più avanza, più ha la sensazione di non trovarsi su qualche sperduto confine ma precisamente al centro, nel cuore stesso dell'Europa. Attraversa dogane, recinzioni metalliche, barriere con tanto di torrette di guardia, vive attese interminabili e affronta severissimi controlli, ma come sempre conosce anche la generosità degli uomini e delle donne che incontra sul suo cammino: un pescatore di granchi giganti, prosperose venditrici di mirtilli, un prete che ha combattuto nelle forze speciali in Cecenia. Siamo di fronte a un libro raro, dettato da una scrittura che magnifica il viaggiare e la conoscenza del mondo, di quel mondo, attraverso il viaggiare.
    ...Sento uno scricchiolio che conosco. E' la finestra di un nuovo viaggio che si apre. Un viaggio da fare il prima possibile ...


    Ho sottolineato molto in questo libro, ma forse questo è il passaggio più rappresentativo o almeno quello che reputo essere il cuore del libro.
    Si decide di partire, zaino in spalla, e si affrontano 6000 chilometri con la voglia di scoprire e allargare i propri orizzonti.
    E grazie a Paolo Rumiz ritroviamo in questo libro colori, odori, volti, storie, passioni, disprezzi e ostilità che ci si porta dietro da tempi lontani, il piacere di parlare con persone che non si incontreranno forse mai più ma che ti hanno aperto la porta di casa e il loro cuore.
    Un viaggio intenso che ho seguito attraverso le parole di Rumiz in maniera appassionata.

  3. #3
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like

    Paolo Rumiz - Trans Europa Express



    2008. Seimila chilometri a zigzag da Rovaniemi (Finlandia) a Odessa (Ucraina). Un percorso che sembra tagliare, strappare l'Europa occidentale da quella orientale. È una strada, quella di Rumiz, che tra acque e foreste, e sentori di abbandono, si snoda tra gloriosi fantasmi industriali, villaggi vivi e villaggi morti. Rumiz accompagna il lettore, con una voce profonda, ricca di intonazioni, per paesaggi inediti, segreti, struggenti di bellezza. E più avanza, più ha la sensazione di non trovarsi su qualche sperduto confine ma precisamente al centro, nel cuore stesso dell'Europa. Attraversa dogane, recinzioni metalliche, barriere con tanto di torrette di guardia, vive attese interminabili e affronta severissimi controlli, ma come sempre conosce anche la generosità degli uomini e delle donne che incontra sul suo cammino: un pescatore di granchi giganti, prosperose venditrici di mirtilli, un prete che ha combattuto nelle forze speciali in Cecenia. Siamo di fronte a un libro raro, dettato da una scrittura che magnifica il viaggiare e la conoscenza del mondo, di quel mondo, attraverso il viaggiare.
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  4. Thanks Rupert thanked for this post
    Likes maureen, Claire liked this post
  5. #4
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Siccome questo libro è un reportage, vorrei postare, durante la mia lettura, le foto di alcuni luoghi citati.

    Inizio con Kirkenes, citata come: ultima Norvegia prima del confine russo.








    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  6. Thanks Mauro thanked for this post
    Likes Rupert, daniela, maureen, kaipirissima, Mauro liked this post
  7. #5
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    A quanto pare, però, Rumiz non è stato all'Ice Hotel

    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  8. Likes Rupert, daniela, kaipirissima liked this post
  9. #6
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Questi sono i granchi del Kamchatka che vengono portati in Norvegia dentro le navi

    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  10. Likes Rupert, daniela, maureen, kaipirissima liked this post
  11. #7
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Una delle prime città russe che lo scrittore incontra è Nikel, "la città industria consacrata da Stalin a quell'unico dio minerale".
    Rumiz non parla bene di questa città, ed il perchè lo si può intuire anche solo da queste due foto.



    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  12. Likes Rupert, daniela, kaipirissima liked this post
  13. #8
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Ed ecco Murmansk





    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  14. Likes Rupert, daniela, kaipirissima liked this post
  15. #9
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,842
    Post Thanks / Like
    Bravissima Dark, è bellissimo vedere le foto dei luoghi visitati da Rumiz!
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  16. Thanks DarkCoffee thanked for this post
  17. #10
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Grazie Daniela!
    Credo che metterò solo le loro foto perchè lascio a Rumiz i commenti (che sono nel suo libro ovviamente)

    Trovo "Trans Europa Express" un libro molto interessante. Pieno di cose nuove. Pieno di verità e fatti che non sapevo.
    Sono solo ad un quarto e già lo consiglio a tutti!
    L'unico difetto è che la mia lettura si rallenta molto perchè non avendo immaginazione dei posti devo sempre stare davanti al pc o al telefonino per cercarli.
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  18. Likes daniela, Rosy liked this post
  19. #11
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Monchegorsk



    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  20. Likes daniela, Rosy liked this post
  21. #12
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,745
    Post Thanks / Like
    Acquisto pressochè immediato in settimana ... magari facciamo un mini GdL
    Non è vero che ti fermi quando invecchi, ma invecchi quando ti fermi.

  22. Likes DarkCoffee liked this post
  23. #13
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Popolazione dei Sami o detti anche Lapponi. Interessante descrizione di Rumiz!






    Lovozero

    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  24. #14
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Revda, città di minatori





    In queste zone si possono trovare i Rosomak o in italiano i "ghiottoni"



    Che sembrano carini, ma sono carnivori!
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  25. #15
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,534
    Post Thanks / Like
    Il lago di Imandra




    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •