Thanks Thanks:  1
Likes Likes:  7
Pagina 1 di 6 123 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 15 su 81

Discussione: Anticipazioni e novità librarie

          
  1. #1
    Io L'avatar di dolores
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    856
    Post Thanks / Like

    Anticipazioni e novità librarie

    Michael Connelly - "L'uomo di paglia" - Piemme - Novembre 2011



    Trama:
    Due settimane. Questo è il tempo che rimane a John McEvoy da trascorrere alla sua scrivania nella redazione del "Los Angeles Times". La crisi della carta stampata, in un'epoca in cui l'informazione viaggia su internet, non risparmia neanche un reporter di nera che, dodici anni prima, si era guadagnato la celebrità* svelando al mondo l'identità* del Poeta, un serial killer che firmava i suoi omicidi con i versi di Edgar Allan Poe. E anche se è abituato a scrivere di morte, McEvoy non ha intenzione di andarsene con un elogio funebre di se stesso: il suo ultimo articolo dovrà* essere qualcosa di memorabile. La sua occasione si chiama Alonzo Winslow, un giovane spacciatore nero in galera per aver strangolato una donna bianca, chiudendone poi il cadavere nel bagagliaio della macchina. Una confessione estorta dalla polizia, un caso chiuso in modo sbrigativo, una storia che odora di discriminazione lontano un miglio. Con queste premesse, non è difficile rimettere in discussione l'esito delle indagini. Quando poi dalle ricerche di McEvoy emerge inaspettatamente un collegamento con un omicidio avvenuto anni prima a Las Vegas - stesse modalità nel trattamento della vittima e un'incriminazione che lasciava qualche dubbio -, nella sua mente si affaccia il pensiero di avere di nuovo a che fare con un serial killer. Il reporter sa che non può affrontare questa sfida da solo, ma che, come dodici anni prima, ha bisogno dell'aiuto di Rachel Walling, profiler dell'FBI...
    “Non ho bisogno di tempo per sapere come sei: conoscersi è luce improvvisa” (P. Salinas)

  2. #2
    Member L'avatar di Standbyme
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    38
    Post Thanks / Like

    Re: Anticipazioni e novità librarie

    Questo ragazzi, insieme a 11/22/'63 sarà candidato ad essere scelto come prima lettura del prossimo anno.

    Mai come in 1Q84 Murakami ha esplorato le nostre ossessioni per dare vita a un mondo così personale, onirico e malinconico. Accolto in Giappone come il suo capolavoro, 1Q84 è un romanzo che contiene universi.

    1984, Tokyo. Aomame è bloccata in un taxi nel traffico. L’autista le suggerisce, come unica soluzione per non mancare all’appuntamento che l’aspetta, di uscire dalla tangenziale utilizzando una scala di emergenza, nascosta e poco frequentata. Ma, sibillino, aggiunge di fare attenzione: «Non si lasci ingannare dalle apparenze. La realtà è sempre una sola».
    Negli stessi giorni Tengo, un giovane aspirante scrittore dotato di buona tecnica ma povero d’ispirazione, riceve uno strano incarico: un editor senza scrupoli gli chiede di riscrivere il romanzo di un’enigmatica diciassettenne così da candidarlo a un famoso premio letterario. Ma La crisalide d’aria è un romanzo fantastico – o almeno così dovrebbe essere – tanto ricco di immaginazione quanto sottilmente inquietante: la descrizione della realtà parallela alla nostra e di piccole creature che si nascondono nel corpo umano come parassiti turbano profondamente Tengo. L’incontro con l’autrice non farà che aumentare la sua vertigine: chi è veramente Fukada Eriko?
    Intanto Aomame (che pure non è certo una ragazza qualsiasi: nella borsetta ha un affilatissimo rompighiaccio con cui deve uccidere un uomo) osserva perplessa il mondo che la circonda: sembra quello di sempre, eppure piccoli, sinistri particolari divergono da quello a cui era abituata. Finché un giorno non vede comparire in cielo una seconda luna e sospetta di essere l’unica persona in grado di attraversare la sottile barriera che divide il 1984 dal 1Q84.
    Ma capisce anche un’altra cosa: che quella barriera sta per infrangersi. 1Q84 è stato accolto, alla sua uscita in Giappone, come il capolavoro di Murakami Haruki e immediatamente elevato a oggetto di un autentico culto, tanto che sono comparsi libri e riviste che provano a indagare i misteri e rispondere agli interrogativi che solleva questo romanzo fluviale, ricco di storie (e storie dentro storie), personaggi, idee.
    Un Murakami al suo meglio che riesce come non mai a centrifugare le suggestioni più diverse (dal folklore giapponese all’immaginario manga, dalla fantascienza occidentale alla tradizione letteraria orientale) e a esplorare le nostre ossessioni per dare vita a un mondo del tutto personale, onirico e malinconico, in cui nessuna realtà parallela ripaga per la nostalgia di un’amicizia d’infanzia, per un amore mancato.
    I libri sono come le fanciulle ti affascinano, non ti fanno dormire, ti fanno ridere, ti fanno piangere, ti prendono, dimentichi tutto per loro, ne sei geloso, ti abbagliano con la solarità, ti tradiscono ma alla fine le/li perdoni sempre.

  3. Likes ApuoWolf liked this post
  4. #3
    Senior Member L'avatar di elisabetta
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    100
    Post Thanks / Like
    Dolores, sei una grande!

  5. #4
    Senior Member L'avatar di Fosca
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Appennino Tosco-Emiliano
    Messaggi
    227
    Post Thanks / Like
    Nome:   vitali.jpg
Visite:  289
Grandezza:  23.6 KB"Aglio, cipolle, rape, ravanelli e porri sono verdure indigeste che non diamo mai agli ospiti della casa!" Suor Speranza ne è sicura: nel minestrone che ha distribuito ai pazienti della Casa di Riposo di Bellano l'aglio non l'ha fatto mettere di sicuro. Allora come mai Ernesto Cervicati, entrando nella stanza di zia Antonia, ha sentito quell'odore, invece dell'aroma inconfondibile e fresco della menta? Ernesto conosce bene il rassicurante profumo delle mentine di cui è golosa la sua anziana parente. Certo meglio di suo fratello Antonio, che della zia non ha mai voluto saperne: gli interessava molto di più Augusta Peretti, una trentacinquenne ossigenata e vogliosa, nonché figlia di salumiere. Ernesto invece aveva accolto zia Antonia in casa sua e l'aveva accudita per tre anni, finché lei, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore, aveva deciso di trasferirsi all'ospizio. Quel sorprendente odore d'aglio è un piccolo enigma. Forse è l'indizio di qualcosa di più grave. A indagare, oltre a Ernesto e all'energica suor Speranza, si ritrova anche il dottor Fastelli, medico dal carattere gioviale ma di grande sensibilità. Intorno a questo profumato mistero, Andrea Vitali costruisce un romanzo carico di tenerezza, una di quelle storie che, come zia Antonia, ti accarezzano in un fresco abbraccio. Per poi regalarti, alla fine, una sorpresa. ( da IBS)

    ieri sera era da Fazio !!

  6. #5
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,333
    Post Thanks / Like
    Rendo generale questa interessante discussione spostandola in letteratura e usandola non solo per gennaio
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  7. #6
    Master Member L'avatar di Claire
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Alta Murgia
    Messaggi
    1,817
    Post Thanks / Like

    Claudio Magris: Livelli di guardia – Note civili (2006-2011)

    Nome:   magris-note-civili.jpg
Visite:  271
Grandezza:  25.8 KB

    Pubblicato lo scorso Novembre da Garzanti, questo saggio di Claudio Magris riunisce, in ordine cronologico, alcuni suoi articoli pubblicati sul "Corriere della Sera" a partire dal 22 giugno del 2006.

    Dalla seconda di copertina:


    Il «livello di guardia» è l’altezza massima a cui può giungere l’acqua di un fiume o di un lago senza costituire pericolo di inondazione. In questi anni, nella nostra vita sociale e civile il livello di guardia è stato superato troppo spesso, e ci sentiamo travolti da schizzi di fango e onde limacciose: il dileggio della Costituzione, la corruzione diventata regola, gli aggressivi fondamentalismi clericali e laicisti, la retorica del perdono e l’odio del diverso, le indulgenze nei confronti del terrorismo, il confine tra vita e morte ridotto a pretesto di polemica partigiana, la politica dell’insulto, l’assuefazione all’ingiustizia e alla violenza, la crescente incapacità di vergognarsi e di sapere di che cosa ci si deve vergognare, una indifferenza che spegne lo stesso «malor civile».
    Livelli di guardia registra – attraverso gli articoli che ha scritto per il «Corriere della Sera» – le reazioni di Claudio Magris alle notizie che la cronaca italiana e internazionale ha giustamente imposto all’attenzione di tutti. Reazioni a volte ilari, a volte feroci, che compongono il ritratto impietoso e autocritico di un paese denigrato, sconciato, amato, e ci ricordano che nessuno di noi è esente da responsabilità
    "...Comme on n’a pas le choix il nous reste le cœur"

  8. #7
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,565
    Post Thanks / Like
    Messa in rilievo vista la sua utilità.
    Spero che tutti vorranno contribuire a piene mani.
    L’uomo è la specie più folle: venera un Dio invisibile e distrugge una Natura visibile. Senza rendersi conto che la Natura che sta distruggendo è quel Dio che sta venerando.
    (Hubert Reeves, astrofisico)

  9. #8
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,449
    Post Thanks / Like
    E' uscito da poco il nuovo libro di Fabio Geda:
    L'estate alla fine del secolo

    Nome:   51lfL2p1dFL__SS500_.jpg
Visite:  282
Grandezza:  39.6 KB


    Ho intenzione di acquistarlo, qualcuno l'ha già letto?
    Gli altri suoi libri sono: Nel mare ci sono i coccodrilli, L'esatta sequenza dei gesti, La bellezza nonostante, Per il resto del tempo ho sparato agli indiani.


    L'estate alla fine del secolo:
    Nell’estate del 1999 un nonno e un nipote si incontrano per la prima volta, dopo che una lunga serie di incomprensioni li ha tenuti distanti.
    Il nonno, ebreo, nato il diciassette novembre 1938, giorno in cui in Italia vengono promulgate le leggi razziali, ha trascorso la propria vita senza sentirsi autorizzato a esistere. Andato in pensione al termine di una brillante carriera come consulente, si ritira nella borgata di montagna dove durante la guerra si era rifugiato con la sua famiglia e dove vuole morire. Il ragazzino, un preadolescente sensibile ed estroverso, appassionato di fumetti, che viene affidato a lui perché il padre, malato, deve sottoporsi a una delicata terapia, entra in quella che potrebbe essere la sua ultima stagione in modo perentorio e imprevisto. Così, mentre sulle rive del lago artificiale in cui si specchia il paesino il giovane verrà in contatto con il proprio passato e con il proprio futuro, il nonno riceverà, tramite lui, quell’iniziazione gioiosa alla vita che la Storia gli aveva negato, riuscendo, forse, al crepuscolo del secolo, a non essere più un fantasma.
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  10. #9
    Senior Member L'avatar di Cecilia (Teresa)
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    403
    Post Thanks / Like

    Da Editrice Nord le novità per il 2012

    Giusto, oggi mi sono arrivate le novità in uscita per Editrice Nord (ma non solo), che troveremo in libreria nel 2012. Non ho ancora le copertine da postare, ma giusto per curiosità..:



    Un libro che vi farà palpitare il cuore, una bellissima storia d'amore
    SE FOSSE PER SEMPRE
    di Tara Hudson
    in libreria dal 12 gennaio 2012

    Chissà da quanti anni Amelia si aggira inquieta sulla riva del fiume. Quand’è morta, ne aveva solo diciotto e, da allora, ha perso la cognizione del tempo e non ricorda nulla del suo passato: né i suoi genitori, né i suoi amici, nemmeno il proprio cognome. Rammenta solo le acque scure che si sono chiuse su di lei, soffocandola. Le stesse acque che vede nei suoi incubi quando, atterrita, è costretta a rivivere ogni angosciante momento della propria morte. Un giorno, però, dopo uno di quegli orribili sogni, Amelia capisce che c’è qualcosa di molto diverso. Perché stavolta non si tratta di lei, bensì di un ragazzo che sta davvero affogando e che lotta per sopravvivere. Amelia non può lasciare che pure lui subisca il suo stesso destino e decide di aiutarlo: come per magia, il ragazzo non solo trova la forza di nuotare verso la riva, ma riesce addirittura a vedere il viso di Amelia, a sentire la sua voce, a sfiorarle una guancia con la punta delle dita. E, in quell’istante, lei capisce di non essere più sola, di aver trovato qualcuno di cui potersi fidare, qualcuno disposto a scoprire chi l’ha uccisa. Qualcuno che, per amor suo, sfiderà perfino le forze oscure che stanno cercando di distruggerla…
    _________



    Un thriller psicologico che esplora tutti i sensi della paura
    LA MEMORIA DEL PECCATO
    di Michael Cordy
    in libreria dal 19 gennaio 2012


    L’hanno trovata in stato di shock. Non ricorda nulla, neppure il suo nome. Sa solo di essere entrata in quella stanza. Di aver toccato i terribili colori che uscivano dalle pareti. Di aver visto il suono della morte. Poi è svenuta. All’inizio, la polizia è convinta che lei stia delirando, poi però si rende conto che la ragazza sta fornendo loro informazioni molto importanti, preziosi tasselli grazie ai quali alcuni agenti ricostruiscono l’agghiacciante scena di un crimine. Avvenuto diversi mesi prima. Com’è possibile allora che la giovane ne sia appena stata testimone? Per cercare di far luce sul mistero, la sconosciuta viene affidata alle cure dello psichiatra forense Nathan Fox, il quale capisce subito di trovarsi di fronte a un fenomeno davvero sconvolgente: oltre a soffrire di una forma particolarmente acuta di sinestesia – una rarissima alterazione sensoriale –, la ragazza è anche in grado di rivivere i ricordi altrui. Le basta infatti guardare negli occhi una persona, o sfiorarle una mano, per avere libero accesso ai suoi più intimi segreti. Un dono che diventa una maledizione allorché qualcuno scopre che è proprio lei la chiave per fermare la catena di omicidi che sta sconvolgendo l’intera città. Qualcuno che ora è disposto a tutto pur di farla tacere per sempre. Qualcuno che costringerà Nathan Fox non solo ad affrontare i demoni che tormentano la sconosciuta, ma anche a fare i conti con un passato che lui stesso ha cercato disperatamente di dimenticare…
    __________



    La nuova trilogia della regina del romanzo storico
    IL CONDOTTIERO
    di Robyn Young
    in libreria dal 26 gennaio 2012



    Edimburgo, 1286. La morte improvvisa di Alessandro III scatena una violenta lotta per la successione al trono di Scozia. Approfittando del momento di grave instabilità politica, Edoardo d’Inghilterra combina il matrimonio del figlio con la legittima – nonché unica – erede: la nipote di Alessandro, che tuttavia è ancora in fasce. Ma, quando la piccola muore in circostanze misteriose, Edoardo non rinuncia ai suoi sogni di potere e arriva perfino a scatenare una sanguinosa guerra civile pur d’impadronirsi del regno. Ed è proprio la fredda indifferenza con cui il sovrano decide di sacrificare la vita di giovani innocenti a cambiare per sempre il destino di Robert Bruce, primogenito di una delle famiglie più fedeli alla corona inglese. Infatti Robert a poco a poco prende le distanze dal suo casato e comincia a nutrire un forte risentimento nei confronti di Edoardo: il sangue scorre sul suolo della sua amata patria, una patria che lui non è disposto a consegnare nelle mani di quello stesso sovrano che sta causando tante sofferenze al popolo scozzese. Così Robert inizia a radunare un manipolo di cavalieri con un unico scopo: combattere per la libertà…
    ___________



    Emozionante e romantico, il secondo romanzo dell'autrice di Urban Fantasy
    che ha scalato le classifiche USA
    LA CAREZZA DEL BUIO
    di Nalini Singh
    in libreria dal 2 febbraio 2012


    Dopo essere rimasta in coma per quasi un anno, Elena Deveraux si risveglia con un bellissimo paio di ali blu: un miracolo reso possibile dall’amore di Raphael, che l’ha trasformata in un angelo. Pur essendo diventata immortale, Elena non ha perso la capacità di fiutare la brama di sangue e non vede l’ora di tornare a dare la caccia ai vampiri ribelli. Tuttavia deve ancora imparare a volare e a controllare i suoi nuovi, straordinari poteri, perciò Raphael l’accompagna al Rifugio, il luogo in cui vengono addestrati gli angeli bambini. Ma persino quell’oasi di pace e serenità viene sconvolta da una serie di sventure: all’inizio si tratta solo di scherzi crudeli e piccoli furti, ma poi tutto cambia: un ragazzino viene rapito e un altro viene brutalmente aggredito e ferito con un coltello regolamentare da cacciatore di vampiri. Elena capisce subito che qualcuno vuole incastrarla e decide d’indagare per smascherare il vero colpevole ed evitare che Raphael dia credito alle voci che circolano nel Rifugio. Se si convincesse di essere stato ingannato dalla donna che ama, infatti, l’arcangelo non esiterebbe a condannarla alla tortura eterna…

    __________








  11. #10
    Senior Member L'avatar di Cecilia (Teresa)
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    403
    Post Thanks / Like

    Da Piemme le novità per Natale - Prima tranche!

    Questo è solo un anticipo, invece, su quanto verrà pubblicato da Piemme per questo Natale:


    Michael Connelly

    "L’uomo di paglia"


    E siamo al ventesimo: L’uomo di Paglia, titolo originale The Scarecrow. Sono trascorsi tredici anni da quando Jack McEvoy, reporter di nera del Los Angeles Times, ha svelato al mondo l’identità del Poeta (1996). E tredici anni si fanno sentire. Ora Jack è alle prese con un caso di omicidio su cui scrivere l’articolo più importante della sua carriera, un pezzo che lui vuole da Pulitzer, anche perché l’ultimo. Il giornalista, infatti, ha due settimane di tempo per lasciare la redazione in cui era arrivato sette anni fa, salvandosi dalla chiusura del The Rocky Mountain News: taglio dei costi, la causa, sotto la mannaia della crisi della carta stampata e di un certo giornalismo “vecchia maniera”. Non a caso al suo fianco c’è Angela Cook, una “mojo”, come lui la chiama, mobile journalist, fresca di scuola di giornalismo e nuove tecnologie pronta a sostituirlo a basso prezzo. Le ricerche del buon vecchio McEvoy non sfuggono all’assassino, però, l’inquietante uomo di paglia, un ingegnere, un genio dell’informatica che si serve del web per stanare le sue vittime. E che userà le stesse armi per spiarlo e prevenirne ogni mossa, prima che il giornalista gli strappi dalle mani una vendetta covata per anni.
    C’è qualcosa di più, infatti - anzi almeno un paio di cose in più -, in questo ventesimo thriller “squisitamente costruito”, come scrive il Washington Post, pubblicato nel 2009 per il mercato anglosassone e subito numero 1 in classifica sul New York Times. Connelly mette in pagina un pezzo d’attualità: la crisi dei giornali americani nell’era di Internet. “Il ritratto che Connelly fa di un quotidiano agli sgoccioli che cerca di continuare a fare del giornalismo di qualità mentre il lavoro sparisce, è fra gli aspetti più affascinanti di questo absorbing thriller”. Lo scrive il Boston Globe mentre lo stesso Connelly ci dice che il libro “è una storia sul lato oscuro della tecnologia, su ciò che funziona per noi e nello stesso tempo, però, può essere anche contro di noi”. Un altro aspetto dello stesso tema: la tecnologia, in effetti, minaccia sia la professione di Jack che la sua vita, nel momento i cui l’assassino-hacker, asserragliato nella “Farm”, sede della società in cui lavora, padroneggia a suo piacimento su un impero di dati e strumenti tutti virtuali. È il potere, anche distruttivo, delle nuove tecnologie.
    Unanime successo su New York Times, Los Angelese Times, Boston Globe, Washington Post, WallStreetJournal, The Times e The Mirror in UK , Publishers Weekly, Library Journal, Kirkus Reviews, Examiner, Entertainment Weely, Bookreporter.

    Sito ufficiale www.michaelconnelly.it
    Sito italiano dell’autore www.michaelconnelly.com


    Khaled Hosseini
    "Il cacciatore di aquiloni. La graphic novel"


    Li abbiamo immaginati, Amir e Hassan. Abbiamo corso con loro nella polvere dell’Afghanistan. Abbiamo condiviso l’indimenticabile storia di un’amicizia che supera ogni barriera e imparato la differenza tra etnia Pashtun e Hazara. Oggi, una graphic novel ci riempie gli occhi di quei volti e di quei paesaggi finora solo pensati. Trent’anni di storia afgana - dalla fine della monarchia all’invasione russa, dal regime dei Talebani fino ai giorni nostri -, rivivono nel tratto e nella sceneggiatura delle pagine a fumetti di Fabio Celoni: fumettista “navigato”, diplomato alla Scuola del fumetto e dell’illustrazione di Milano, da vent’anni collabora con la Walt Disney Company disegnando Topolino, Paperino, Paperinik e “cugini” vari, e con Sergio Bonelli Editore nello staff del fascinoso Dylan Dog, per il quale nel 2005 ha realizzato il suo primo albo completo, “Il vecchio che legge”. Al suo fianco, come colorista e illustratrice, la giovane Mirka Andolfo, già collaboratrice per Geronimo Stilton.


    Interamente pensata e realizzata in Italia la grapic novel de Il cacciatore di aquiloni è già stata venduta in 10 Paesi, tra cui gli Stati Uniti. Dal bestseller internazionale di Khaled Hosseini, ormai diventato un classico con una storia editoriale che è una vera e propria case history nell’editoria contemporanea – oltre 2milioni di copie vendute e 100 settimane in classifica solo in Italia, tradotto in 30 Paesi, 1° nella classifica bestseller del New York Times per 51 settimane e 1° in quella del Publishers Weekly per 49, portato sul grande schermo dalla Dreamworks -, il romanzo a fumetti che ritrae su tavole a colori la cultura di una paese martoriato dalla violenza e dai conflitti che ancora lotta per la pace.

    Conor Grennan
    "Sette fiori di senape"


    Conor Grennan era un ragazzo normale, un bravo ragazzo ma come ce ne sono tanti: niente aneliti da supereroe ne’ da missionario. Soltanto un giro intorno al mondo di un anno, si era detto, un po’ annoiato da otto anni di lavoro all’EastWest Institute (EWI) prima a Praga e poi a Bruxelles. Tre mesi iniziali di volontariato per far tacere chi gli dava dell’incosciente e poi via in un vagabondaggio senza meta. Era il 2004. Ma il Nepal, o meglio i diciotto ragazzi della Little Princes Children’s House, un orfanotrofio pochi kilometri a sud di Kathmandu, hanno stravolto i suoi piani.
    Sette fiori di senape è la loro storia: di Conor e di quei ragazzi della remotissima provincia di Humla che in realtà orfani non erano, ma bambini trafficati da profittatori della guerra in un Nepal devastato dalla guerra civile (1996-2006) tra la monarchia e le truppe dei ribelli maoisti. Portati via con la menzogna a genitori poverissimi convinti a pagare di fronte alla promessa di una qualche salvezza per i loro figli. E poi abbandonati. Questa è la scoperta che sciocca Grennan e lo riporta in Nepal un anno dopo. Questa è la molla che lo spinge a cercare fondi e a fondare una Ong, Next Generation Nepal, per restituire quei bambini alla loro infanzia e ai loro genitori.
    Acquistato per oltre un milione di dollari (New York Observer) dall’editore William Morrow (Harperscollin) che lo ha pubblicato negli Usa, Little Princes, questo il titolo originale, è una memoir “piena di humour, emozionante e ispiratrice insieme” scrive Publishers Weekly; “un libro che funziona – scrive invece Usa Today -, perché Grennan descrive i bambini come individui ossessionati da questioni pressanti (come il perché lui non sia sposato) piuttosto che come vittime della povertà del terzo mondo”.
    Con recensioni su Los Angeles Times, Usa Today, San Francisco Chronicle, Publishers Weekly, Indiebound, Huffington Post e accolto dalla critica come la nuova Città della gioia, Sette fiori di senape è in corso di pubblicazione in ben 13 paesi.

    Quando varca il cancello dell’orfanotrofio, Conor non sa ancora che la sua vita sta per cambiare per sempre. In realtà il suo primo pensiero di fronte a quel branco festante è la fuga. Ma con il passare dei giorni si accorge che di quei bambini non può più fare a meno. Mesi dopo, appena tornato in America, Conor riceve una mail devastante. Sette bambini di cui si era preso cura sono scomparsi. Rapiti. Forse per farne bambini soldato. Forse destinati al mercato delle adozioni illegali, o addirittura del traffico d’organi. In un istante prende una decisione. Deve tornare in Nepal e ritrovare quei bambini, a qualunque costo. Sfidando connivenze e omertà e rischiando la sua stessa vita, Conor si mette sulle loro tracce lungo i sentieri dell'Himalaya.

  12. #11
    Master Member L'avatar di Claire
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Alta Murgia
    Messaggi
    1,817
    Post Thanks / Like


    E' arrivato in libreria da un paio di settimane l'ultimo romanzo della scrittrice cilena Isabel Allende -
    Il Quaderno di Maya - ed. Feltrinelli.
    "...Comme on n’a pas le choix il nous reste le cœur"

  13. #12
    Senior Member L'avatar di Cecilia (Teresa)
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    403
    Post Thanks / Like

    E queste le novità da Marsilio per il 2012

    Essendo iscritta alla newsletter di Marsilio, mi arrivano sulla mail tutte le novità del 2012 e io ve le giro!


    STIEG E IO
    LA STORIA D'AMORE DA CUI È NATA LA MILLEMIUM TRILOGY
    traduzione di: Raffaella Fontana
    EVA GABRIELSSON

    Attraverso il punto di vista privilegiato di Eva Gabrielsson, la Millennium Trilogy appare come qualcosa di più della serie poliziesca conosciuta in tutto il mondo; diventa metafora della lotta continua e individuale per la morale e la giustizia, valori per i quali Stieg Larsson si è sempre battuto. Eva Gabrielsson ha deciso di offrirci, attraverso questo libro, alcune chiavi di lettura per comprendere la genesi di Millennium. Per Eva questi libri sono lo specchio di una vita e di un amore condivisi, ma anche l'incarnazione di momenti terribili...
    INFORMAZIONI

    isbn: 978-88-317-1123-4




    LE DONNE E L'OLOCAUSTO
    traduzione di: Errico Buonanno
    LUCILLE EICHENGREEN

    Le donne e l'Olocausto è uno dei pochi memoriali che si concentra esclusivamente sulle donne. Con sincerità straziante, Lucille Eichengreen offre uno sguardo approfondito e sincero dell'esperienza femminile nei campi nazisti..






    L'ULTIMO HACKER
    GIOVANNI ZICCARDI

    Un appassionante e originale giallo che esplora i lati oscuri del mondo delle nuove tecnologie

    Negli anni novanta, Alessandro Correnti era Deus, uno degli hacker più famosi e rispettati al mondo..



    I SOLDI DEI PARTITI
    ELIO VELTRI,FRANCESCO PAOLA

    Il finanziamento pubblico ai partiti in Italia, chiamato "rimborso delle spese elettorali" per aggirare il referendum abrogativo del 1993 e la tagliola della Corte Costituzionale, è il più elevato del mondo: 200 milioni di euro all'anno, con il minore controllo in assoluto...




    I MILLE VOLTI DEL SOGNO
    CARLO MACCHITELLA

    «Appartengo a una generazione, nata nei primi anni cinquanta, che ha per molti lustri delegato alla magia del grande schermo il proprio immaginario, il ritrovarsi tra amici, l'appuntamento che poteva segnare la nascita di un amore, il ricordo di un sogno o di una narrazione che ti avrebbero cambiato ...




    TESTO SACRO E LIBERTÀ
    a cura di: Federica Fedeli
    introduzione di: Nina zu Fürstenberg
    NASR ABU ZAYD
    A un anno dalla scomparsa del filosofo egiziano, gli ideali da lui promossi per una società musulmana liberale si affermano nelle piazze del mondo arabo. Anche dopo il blocco della carriera universitaria e una condanna per apostasia, Abu Zayd ha continuato a lavorare sui testi del Corano..




    I MORTI
    a cura di: Claudia Corti
    JAMES JOYCE

    Racconto conclusivo e momento epifanico dell'intera raccolta Gente di Dublino, I morti è divenuto un objet de culte a sé stante della narrativa breve novecentesca. Come nei quattordici racconti che lo precedono, è Dublino la vera protagonista, impietosamente e dolorosamente ...




    Mi ispira molto la storia di Stieg Larsson, ma anche James Joyce....non inserito le copertine di tutti, perché il messaggio diventerebbe troppo pesante..
    A voi cosa piace?

  14. #13
    Patrizia
    Guest
    Io ho letto I morti in edizione Mondadori, insieme a tutti gli altri racconti di Gente di Dublino.
    Le ultime dieci pagine sono fantastiche, l'epilogo notevolissimo.
    Molto bello e di rara capacità introspettiva anche Un caso pietoso.
    A mio avviso una raccolta che merita, soprattutto come primo incontro con Joyce: è una lettura confortata da uno stile più semplice e classico rispetto all'Ulisse.

  15. #14
    Senior Member L'avatar di Cecilia (Teresa)
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    403
    Post Thanks / Like

    Da Piemme le novità per Natale - Seconda tranche!


    Proseguiamo con le uscite natalizie, per segnalarvi altre uscite da Piemme:

    Elena Gorokhova - Una montagna di briciole





    “Le regole sono semplici. Ci mentono, noi sappiamo che lo fanno e loro sanno che noi lo sappiamo, ma continuano comunque a dirci bugie, e noi continuiamo a pretendere di credere loro”. A un certo punto, verso i dieci anni, nella primissima adolescenza, Elena Gorokhova diventa cinica verso il comunismo, cinica nei confronti di quella Russia Sovietica in cui è nata nel 1955, quando San Pietroburgo si chiamava ancora Leningrado ed era la città di Puskin ma anche delle file interminabili per un rotolo di carta igienica. Scettica e ribelle verso la “Grande Madre Russia” così come nei confronti della madre Galina, “nata insieme all’Unione Sovietica” e proprio come lei “arrogante, protettiva e difficile da lasciare”, il padre iscritto al Partito, Elena comincia negli stessi tempi a innamorarsi della lingua inglese di cui prende lezioni ufficialmente proibite, a incantarsi dei suoni di quelle “l” palatali, di quelle “r” arrotate così sconosciuti alla sua lingua madre. Proprio l’inglese, poi insegnato agli stranieri all’Università di Leningrado, la porterà via, oltre la cortina di ferro fino nella temutissima America, quando Elena sceglierà di sposare, non proprio per amore ma più che altro per “diplomazia”, uno studente texano. È il 1980 e Elena ha 24 anni.Questa è la sua storia fino ad allora, Una montagna di briciole, il gioco raccontato dalla nonna ai suoi figli nel periodo della Grande Carestia e diventato emblema dell’infanzia di Elena nella Russia di Kruschev tra gli anni ’60 e ’70: se i bambini si lamentano perché da mangiare c’è solo una zolletta di zucchero e una fettina di pane, la nonna li sbriciola nel piatto, trasformandoli in “una montagna di pane e di zucchero”.Pubblicato negli Usa nel 2010 da Simon & Schuster con il titolo di A mountain of crumbs e poi in Gran Bretagna da Windmill Books (Random House), l’esordio della Gorokhova è una memoir toccante, ironica, magnificamente scritta – “Gorokhova racconta la sua propria storia con il dono del romanziere”, scrive il New York Times -, in cui l’anelito per una vita diversa e la denuncia dell’ipocrisia della società sovietica non sono mai disgiunti da un amore sincero e nostalgico per la Russia , il suo popolo e la sua cultura. Affettuose pagine di aneddoti e ricordi “russi” in realtà raccolti in tanti anni di “vita americana” e che solo dopo aver frequentato un corso di scrittura tenuto dal Premio Pulitzer Frank Mc Court (Le ceneri di Angela 1996, Che paese, l’America! 1999), la Gorokhova ha trovato la spinta per mettere insieme in un’opera compiuta.Con recensioni su The New York Times, The Washington Post, The Seattle Times, Usa Today, The Telegraph, The Guardian, The New Yorker, Elle, Oprah Magazine, NPR, Una montagna di briciole è stato tra i Top Ten Books 2010 diBookPage.

    Susan Wilson -Lezioni di vita randagia





    Dopo il commuovente L’arte di correre sotto la pioggia, dopo Cleo, arriva Lezioni di vita randagia, un romanzo entrato in classifica sul New York Times con protagonista Chance, un pit bull cresciuto tra i combattimenti clandestini, abituato a farsi largo nella vita a morsi. Il giorno in cui riesce a scappare dalla sua gabbia, però, Chance, scopre un mondo nuovo e nuove sfide. Incontrerà Adam, uno yuppie schiavo del successo che in un solo giorno ha perso tutto, dal lavoro alla famiglia. Insieme scopriranno il modo di fare piazza pulita di un passato scomodo e doloroso, con la tenacia che hanno solo i veri combattenti.“Forse è il caso che vi dica un paio di cose su di me. Ho compiuto tre anni da poco, ho gli occhi scuri e denti sani, la coda dritta come un fuso. Non so bene di che colore sia il mio pelo, non l’ho mai considerato un dettaglio importante. Fin dalla nascita il mio destino è stato quello di combattere. Perché quelli come me vengono allevati proprio per questo. Di solito la gente ha paura di me, ma io non sono cattivo. Non sono neanche un tipo che si arrabbia facilmente. In fondo, come per gli antichi gladiatori, sono sempre stati gli altri a decidere con chi me la dovevo prendere. Sono cresciuto in una vecchia cantina maleodorante, passando dalla gabbia al recinto in cui si svolgevano gli incontri. Non posso neanche dire che quella vita non mi piacesse, perché non ne conoscevo altre. Eppure, il giorno in cui mi si è presentata l’occasione, non ci ho pensato due volte e sono scappato. Da quel momento non ho più voluto rinunciare al profumo della libertà.”


    Frances Park - I piaceri intimi del cioccolato





    Frances e Ginger, due sorelle poco più che ventenni, decidono di aprire una piccola pasticceria tutta dedicata al cioccolato: un luogo intimo e dall’atmosfera magica, dove i clienti possano cedere alle tentazioni del palato e al piacere di raccontarsi. I primi tempi sono duri, ma dopo mille avventure e altrettante disavventure arriverà il successo. Tra ripieni vellutati e coperture croccanti, tartufi casalinghi e barrette al caramello, una storia vera, deliziosa e divertente, di peccati di gola e passioni del cuore.

    Un giorno senza cioccolato è un giorno perso. Questa è sempre stata la massima di Frances e Ginger, cresciute cuocendo dolcetti al cacao nel Dolceforno e ascoltando i racconti della mamma, che per vincere la paura durante i bombardamenti nel suo paese, la Corea , mangiava tavolette di cioccolato: per loro il cioccolato è come la colonna sonora in un film. Carezza nei momenti tristi, ricompensa per i successi, afrodisiaco per l’amore, tonico per lo spirito. Per questo, poco più che ventenni, decidono di aprire a Washington un piccolo negozio dedicato fin dall’insegna al loro cibo preferito: Chocolate chocolate. Il successo che poco alla volta arriva ripaga le sorelle del dolore per la perdita del padre e delle difficoltà incontrate nella realizzazione del progetto.In breve, il negozio diventa un paradiso per una clientela affezionata in cerca di piccoli piaceri. Tanto che, tra bancone e scaffali, spunta persino un Angolo delle confidenze, dove nascono amicizie e si confidano segreti. Tra i clienti ci sono la Bellezza del Sud, che quando arriva porta il sole; il Dottor Zivago, di origini russe, che sembra uscito da un romanzo di Tolstoj; e l’esplosiva Gypsy Bess, esuberante coi suoi orecchini ad anello e gli abiti svolazzanti, femminista convinta e migliore amica di Ginger. Amori, delusioni, bambini in arrivo, clienti che se ne vanno e altri che arrivano con nuove storie da raccontare: la vita di Ginger e Frances scorre tra gli effluvi corroboranti e "terapeutici" del cioccolato. E se le cose si mettono male, come a volte capita, basta prendere un House Truffle, specialità della casa, e portarselo alle labbra. E lasciare che la polvere di cacao cada dove vuole. Se non è filosofia questa..

  16. #15
    Senior Member L'avatar di Cecilia (Teresa)
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    403
    Post Thanks / Like

    Da Beat Edizioni le novità del 2012 - I tranche

    TRACY CHEVALIER Quando cadono gli angeli
    Alla fine del primo mese di gennaio del Novecento, gli inglesi sono tutti vestiti di nero. La Regina Vittoria è morta e il XIX secolo, il secolo della gloria dell'Impero, se n'è andato con lei...
    Straordinario ritratto di un'epoca in cui le prime automobili sostituiscono i cavalli e l'elettricità soppianta l'illuminazione a gas, Quando cadono gli angeli ci riporta ai sogni e alle disillusioni della breve e dorata stagione edoardiana attraverso le accorate vicende di due famiglie, i Coleman dell'inquieta Kitty e i Waterhouse dell'irreprensibile Albert, che, contro la stessa volontà dei protagonisti, sono ineluttabilmente destinate a incrociarsi. Con la sua scrittura "precisissima, sospesa, che lascia ammirati e sconcertati da tanta bravura" (L'Espresso), l'autrice della Ragazza con l'orecchino di perla ci svela le passioni, i sogni e le disillusioni di "un tempo a noi lontano e, insieme, vicinissimo" (The Times) nel passaggio da un secolo all'altro.
    "Come un romanzo di E. M. Forster filtrato attraverso una sensibilità moderna!".
    Library Journal

    "Amore e morte ai tempi delle suffragette".
    Corriere della sera

    "Un affresco d'epoca di enorme successo".
    La Repubblica

    "Adulteri, tragedie familiari ed evocazioni storico-civili in un mix sapientissimo".
    Io Donna - Corriere della sera
    Tracy Chevalier è nata a Washington. Tra le sue opere nel catalogo BEAT: La ragazza con l'orecchino di perla e La Vergine azzurra; nel catalogo Neri Pozza: La dama e l’unicorno, L’innocenza, Strane Creature.

    Traduzione dall'inglese di Luciana Pugliese 368 pagine euro 9,00 EAN9788865590683 Edizione originale Neri Pozza
    JOHN PERKINS Confessioni di un sicario dell'economia
    I "sicaridell'economia" sono un'élite di professionisti che hanno il compito di orientare la modernizzazione dei paesi in via di sviluppo verso un continuo processo di indebitamento e di asservimento agli interessi delle multinazionali e dei governi più potenti del mondo. Per dieci anni John Perkins è stato uno di loro, e ha toccato con mano il lato più oscuro della globalizzazione in paesi come Indonesia, Iraq, Arabia Saudita, prima di affrontare una presa di coscienza che lo ha portato a farsi difensore dei diritti delle popolazioni sfruttate. In questa autobiografia, appassionante come un romanzo e documentata come un'inchiesta, Perkins ci costringe a riesaminare l'ultimo mezzo secolo di storia, e a interrogarci sul nostro futuro. Un best seller internazionale, indispensabile per comprendere la crisi del modello finanziario che governa le nostre economie.

    "Un racconto straordinario e avvincente. Come Le Carré, ma è tutto vero".
    Amazon.com

    "Immaginate un ideale figlio illegittimo di James Bond e Milton Friedman".
    Boston Herald

    John Perkins (1945) ha lavorato per dieci anni come economista presso una società di ingegneria e costruzioni di Boston impegnata in progetti internazionali. In seguito ha fondato una compagnia elettrica specializzata nella ricerca sull’energia alternativa, e ha collaborato con diverse associazioni ambientaliste che promuovono lo sviluppo sostenibile. Il suo secondo libro, La storia segreta dell’impero americano, è stato pubblicato nel 2008 da minimum fax.


    Traduzione dall'inglese di Giuliana Lupi
    350 pagine
    euro 9,00
    EAN9788865590690
    Edizione originale minimum fax


    JANE HARRIS Le osservazioni
    In un giorno del 1863, nella Terra del Diavolo, il pezzo di Scozia che unisce Glasgow a Edimburgo, Bessy entra a servizio in una magnifica casa. Lavare, cucinare, battere i tappeti e fare il tè, accendere i camini tutte le mattine, pulire la cucina e tenerla accesa, lucidare gli stivali e svuotare il pitale della padrona e del marito sono compiti faticosi, ma Bessy ora ha un tetto sulla testa e la pancia piena. Perché, però, Arabella, la padrona di casa, con gli occhi che le brillavano, le ha messo in mano un libretto con una copertina di cartone e le ha ingiunto di scriverci dentro tutte le sue osservazioni mattina e sera? E che cosa è successo veramente a Nora, la ragazza che era prima a servizio, morta in circostanze misteriose?
    Segreti e sospetti, verità nascoste e palpiti del cuore in un'opera che ha rivelato un nuovo grande talento del romanzo storico, Jane Harris, una scrittrice capace come pochi di narrare della forza inarrestabile delle passioni.
    Nella Scozia vittoriana, una storia di "follia e fantasmi, sesso e bugie".
    The Times

    "Giocando assai bene con gli ingredienti del vittoriano, dal fantasma in soffitta alla follia femminile, Jane Harris compone un elogio del potere della scrittura al femminile".
    Lara Crinò, D - la Repubblica

    "L'ambiguo rapporto serva-padrona in un romanzo vittoriano alla Michael Faber".
    Il Piccolo

    Jane Harris è nata a Belfast. Autrice di cortometraggi premiati nei maggiori concorsi cinematografici internazionali, nel 2000 ha vinto il Writer’s Award dell’Arts Council of England. Dopo Le osservazioni, il suo primo romanzo, ha pubblicato con Neri Pozza I Gillespie.

    Traduzione dall'inglese di Massimo Ortelio 464 pagine euro 9,00 EAN9788865590706 Edizione originale Neri Pozza

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •