Thanks Thanks:  11
Likes Likes:  108
Pagina 16 di 16 primaprima ... 6141516
Visualizzazione dei risultati da 226 a 230 su 230

Discussione: La poesia del dolore

          
  1. #226
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,394
    Post Thanks / Like
    Dieci anni senza te. Così succede.
    I giorni procedono costanti, pietosa
    routine che non attrae nessuno.

    Come studioso disciplinato, già ne ricompongo
    i frammenti, oltre ogni congettura
    stabilisco sequenze precise di dolore.

    Perché così è corretto trovare dolore
    in un’arte desolata, come in una cosa restaurata:
    le parole da tanto perdute di scelta e d’addio.


    Goffrey Hill


    foto presa da:
    https://www.deviantart.com/aufzeheng...esse-387867438
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  2. #227
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,394
    Post Thanks / Like
    Se la felicità esiste,
    come tu sostieni,
    sarà ellittica, avulsa
    dal luogo designato.
    Come identificarla
    tra le forme cangianti
    dell’inatteso dolore…

    Ottavio Rossani


    foto presa dal web
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  3. #228
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    966
    Post Thanks / Like
    C’è sempre qualcosa che si può fare con il dolore.

    Tua madre lavora a maglia.
    
Fa sciarpe in tutte le tinte di rosso.

    Erano per Natale, e ti hanno tenuto al caldo

    mentre lei si risposava

    e poi divorziava
    
e si risposava

    e ti portava con sé.

    Louise Glück
    premio Nobel per la letteratura 2020
    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  4. Likes Rupert, Enribello liked this post
  5. #229
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    1,088
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Andrea Visualizza il messaggio
    C’è sempre qualcosa che si può fare con il dolore.

    Tua madre lavora a maglia.
    
Fa sciarpe in tutte le tinte di rosso.

    Erano per Natale, e ti hanno tenuto al caldo

    mentre lei si risposava

    e poi divorziava
    
e si risposava

    e ti portava con sé.

    Louise Glück
    premio Nobel per la letteratura 2020

    Poesia stupenda. Grazie Andrea.
    Mi permetto di postare il testo originale e integrale, comprendente anche la metà del testo che manca nella versione italiana che hai postato.

    Love Poem

    There is always something to be made of pain.
    Your mother knits.
    She turns out scarves in every shade of red.
    They were for Christmas, and they kept you warm
    while she married over and over, taking you
    along. How could it work,
    when all those years she stored her widowed heart
    as though the dead come back.
    No wonder you are the way you are,
    afraid of blood, your women
    like one brick wall after another.

    (Traduzione della parte mancante: come poteva funzionare, /se per tutti quegl'anni a stivato il prprio cuore vedovo / come se i morti tornassero in dietro. / Non c'è da meravigliarsi che tu sia come sei, / spaventato dal sangue, le tue donne / come un muro di mattoni dopo l'altro).

    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  6. #230
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,394
    Post Thanks / Like
    Quando ti ho lasciato


    Hai notato un sorriso sul mio viso,
    e hai misurato la mia vita
    in iarde di giorni felici
    che mi aspettano da qualche parte.
    E solo la terra bruna ha udito
    il pianto silenzioso dei miei passi,
    quando ti ho lasciato.
    E solo l'erba morbida
    calpestata e schiacciata dal mio passo esitante
    sentiva
    il mio cuore scorrere
    nei tacchi alti delle mie scarpe
    bloccandoli sul posto
    nella silenziosa speranza,
    che
    tu potessi richiamarmi.
    Ma il primo albero sul ciglio della strada
    saggio come un profeta dalla solitudine e dall'abbandono,
    piegato a terra dal vento e dalla tempesta,
    teneva pronto per me
    il fresco telo d'ombra steso
    per nascondere la tristezza nei miei occhi.

    Rachel Korn
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  7. Likes Rupert liked this post

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •