Thanks Thanks:  1
Likes Likes:  36
Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 15 su 36

Discussione: Poesia U.S.A.

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like

    Poesia U.S.A.

    Non conosco molte poesie di poeti statunitensi, potrebbe essere interessante cercarne alcune...


    Continuità

    Niente è mai veramente perduto, o può essere perduto,
    Nessuna nascita, forma, identità - nessun oggetto del mondo.
    Nessuna vita, nessuna forza, nessuna cosa visibile;
    L'apparenza non deve ostacolare, né l'ambito mutato confonderti il cervello.
    Vasto è il Tempo e lo Spazio, vasti i campi della Natura.
    Il corpo, lento, freddo, vecchio - cenere e brace dei fuochi d'un tempo,
    La luce velata degli occhi tornerà a splendere al momento giusto;
    Il sole ora basso a occidente sorge costante per mattini e meriggi;
    Alle zolle gelate sempre ritorna la legge invisibile della primavera,
    Con l'erba e i fiori e i frutti estivi e il grano.

    Walt Whitman
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  2. #2
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    COSÌ PICCOLE MANI

    Il tuo più tenue sguardo
    facilmente mi aprirà
    benché abbia chiuso me stessa
    come dita
    sempre mi apri petalo per petalo
    come la primavera fa
    toccando accortamente
    misteriosamente la sua
    prima rosa
    e io non so quello che c'è
    in te che chiude e apre
    solo qualcosa in me
    comprende che è più
    profonda la luce dei tuoi
    occhi di tutte le rose.
    Nessuno... neanche
    la pioggia ha...
    Così piccole mani.

    Edward Estlin Cummings
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  3. #3
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    L'amplesso delle aquile

    Lungo la strada che costeggia il fiume (mia pomeridiana passeggiata, mio ristoro),
    Alto nell'aria, improvviso, un rumore smorzato, due aquile in amore,
    L'impetuoso avido contatto, l'unione alta nello spazio,
    Artigli che si afferrano, s'intrecciano, una ruota selvaggia, viva, turbinante,
    Quattro ali che battono, due becchi, una massa vorticosa strettamente avvinghiata,
    Che cala in cerchi, si rovescia, s'arrotola, cade giù a precipizio,
    Finché sul fiume sospesi, ancora uniti, la calma d'un istante,
    Un immobile muto bilanciarsi nell'aria, poi il distacco, gli artigli che si sciolgono,
    Le ali lente e salde nuovamente piegate verso l'alto, i loro voli diversi, separati,
    Lei il suo, lui il suo, seguendo.

    Walt Whitman
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  4. Likes kaipirissima liked this post
  5. #4
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    Fuori posto

    Brucia all’inferno questa parte di me
    che non si trova bene in nessun posto
    mentre le altre persone trovano cose
    da fare nel tempo che hanno
    posti dove andare insieme
    cose da dirsi.

    Io sto bruciando all’inferno
    da qualche parte nel nord del Messico.

    Qui i fiori non crescono.

    Non sono come gli altri
    gli altri sono come gli altri.

    Si assomigliano tutti:
    si riuniscano
    si ritrovano
    si accalcano
    sono allegri e soddisfatti
    e io sto bruciando all’inferno.

    Il mio cuore ha mille anni.
    Non sono come gli altri.

    Morirei nei loro prati da picnic
    soffocato dalle loro bandiere
    indebolito dalle loro canzoni
    non amato dai loro soldati
    trafitto dal loro umorismo
    assassinato dalle loro preoccupazioni.

    Non sono come gli altri.
    Io sto bruciando all’inferno.

    L’inferno di me stesso.

    CHARLES BUKOWSKI
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  6. #5
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    PIOGGIA

    Un'orchestra sinfonica.
    scoppia un temporale,
    stanno suonando un'overture di Wagner
    la gente lascia i posti sotto gli alberi
    e si precipita nel padiglione
    le donne ridendo, gli uomini ostentatamente calmi,
    sigarette bagnate che si buttano via,
    Wagner continua a suonare, e poi sono tutti
    al coperto. vengono persino gli uccelli dagli alberi
    ed entrano nel padiglione e poi c'è la Rapsodia
    Ungherese n. 2 di Liszt, e piove ancora, ma guarda,
    un uomo seduto sotto la pioggia
    in ascolto. il pubblico lo nota. si voltano
    a guardare. l'orchestra bada agli affari
    suoi. l'uomo siede nella notte nella pioggia,
    in ascolto. deve avere qualcosa che non va,
    no?
    è venuto a sentire
    la musica.

    CHARLES BUKOWSKI
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  7. #6
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    Sì sì

    Quando Dio creò l'amore non ci ha aiutato molto
    quando Dio creò i cani non ha aiutato molto i cani
    quando Dio creò le piante fu una cosa nella norma
    quando Dio creò l'odio ci ha dato una normale cosa utile
    quando Dio creò Me creò Me
    quando Dio creò la scimmia stava dormendo
    quando creò la giraffa era ubriaco
    quando creò i narcotici era su di giri
    e quando creò il suicidio era a terra

    Quando creò te distesa a letto
    sapeva cosa stava facendo
    era ubriaco e su di giri
    e creò le montagne e il mare e il fuoco
    allo stesso tempo

    Ha fatto qualche errore
    ma quando creò te distesa a letto
    fece tutto il Suo Sacro Universo.

    CHARLES BUKOWSKI
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  8. #7
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    L'ultima poesia scritta da Sylvia Plath porta la data del 5 febbraio 1963. Si chiama "Edge", "Limite". Sylvia Plath è sulla soglia. Quella soglia che varcherà la notte tra il 10 e l'11 febbraio, sigillando con lo scotch ogni fessura della cucina nella quale si era chiusa, e posando la testa all'interno del forno, il gas aperto.
    Aveva in precedenza sigillato la camera dei bimbi, perchè il gas non arrivasse fin lì, e lasciato accanto ai loro lettini il latte e il pane con il burro per la colazione.


    Limite

    La donna ora è perfetta
    Il suo corpo

    morto ha il sorriso della compiutezza,
    l'illusione di una necessità greca

    fluisce nei volumi della sua toga,
    i suoi piedi

    nudi sembrano dire:
    Siamo arrivati fin qui, è finita.

    I bambini morti si sono acciambellati,
    ciascuno, bianco serpente,

    presso la sua piccola brocca di latte, ora vuota.
    Lei li ha raccolti

    di nuovo nel suo corpo come i petali
    di una rosa si chiudono quando il giardino

    s'irrigidisce e sanguinano i profumi
    dalle dolci gole profonde del fiore notturno.

    La luna, spettatrice nel suo cappuccio d'osso,
    non ha motivo di essere triste.

    E' abituata a queste cose.
    I suoi neri crepitano e tirano.

    Sylvia Plath
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  9. Thanks Claire thanked for this post
  10. #8
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    UNA CAPANNA NELLA RADURA


    Nebbia
    Quelli che in questa casa riposano, non credo
    sappiano dove sono.


    Fumo
    Sono stati qui a lungo,
    hanno respinto il bosco che circondava casa,
    l’hanno diviso in due tracciandovi un sentiero.


    Nebbia
    Però dubito ancora sappiano dove vivono.
    Mai, temo, lo sapranno. Il sentiero è un conforto,
    per questo lo mantengono: possono visitare
    altri che come loro sono smarriti e ai quali
    sentirsi vicini, non nello spazio ma nelle difficoltà.


    Fumo
    Io sono lo spettro vigile del fumo
    che uscendo dal camino si piega in un verso
    o nell’altro alla luce delle stelle.
    Non voglio che si disperi della loro felicità.


    Nebbia
    Nessuno – non io, certo – li darebbe per persi
    solo perché non sanno dove sono.
    Io, la copia più umida del fumo, a notte esalo
    dal suolo del giardino, ma non salgo più in alto
    delle piante. Solo ovatto il paesaggio. Ecco
    chi sono. Non più estranea di te al loro destino.


    Fumo
    Avranno ormai imparato la lingua dei nativi.
    Perché non domandano a loro dove sono?


    Nebbia
    Lo fanno spesso, ma nessuno
    ne sa più di loro. Lo chiedono perfino
    ai filosofi che li osservano dal pulpito.
    Domandano a chiunque si possa domandare –
    con la profonda fede che l’esperienza fatta
    prenderà fuoco a illuminare il mondo.
    Apprendere fu parte della loro religione.


    Fumo
    Se verrà mai il giorno che sapranno chi sono
    capiranno anche meglio dove sono.
    Ma chi sono è difficile da credere –
    per loro e per il mondo che li guarda.
    Sono troppo improvvisi per essere credibili.


    Nebbia
    Ascoltali, nel buio bisbigliano parlando di domani
    e di quel che sarà. Hanno spento la luce,
    non i loro pensieri. Fingiamo che le gocce
    di rugiada stillanti dalla gronda siamo noi
    che origliamo la loro insonnia inquieta –
    nebbia e fumo che origliano una bruma –
    e forse riusciremo a distinguere il basso dal soprano.


    Meglio di fumo e nebbia chi potrebbe apprezzare
    lo spirito affine di una bruma interiore?


    Robert Frost
    Traduzione di Francesco Dalessandro
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  11. #9
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    Ragazza ignota in reparto maternità

    Bimbo, la corrente del respiro ha sei giorni.
    Piccola nocca t'accoccoli sul letto bianco,
    piccolo e forte, come una chiocciola rattratto
    ti rannicchi al seno.
    Le labbra sono animali, sei nutrito con amore.

    All'inizio la fame non è errore.
    Tentennano le cuffiette le infermiere,
    su ceste a rotelle sei pascolato
    con la nidiata dei senza nido,
    lungo corridoi inamidati.
    La tua testa al mio tocco s'inclina,
    vacilla piano come una tazzina.
    Senti l'appartenenza.
    Ma questo è un letto istituzionale.
    Non farai per molto la mia conoscenza.

    I dottori sono smaltati.
    Vogliono sapere i fatti.
    Si chiedono dell'uomo che mi ha lasciato,
    un'anima pendolo che viene e che va
    e come sempre ti lascia piena di bambino.
    Ma la nostra cartella clinica rimane vuota.
    Ti ho lasciato crescere, non ho fatto altro.
    Ora siamo qui, guardati da tutto il reparto.
    Hanno pensato che fossi strana
    Anche se non ho detto una parola.
    Sono esplosa e svuotandomi di te
    ti ho lasciato imparare cos'è l'aria.
    I dottori fanno grafici d'indovinelli.
    Volgo la testa altrove. Io non lo so.

    È tua la sola faccia che riconosco.
    Ossa da ossa mi bevi le risposte.
    Sei volte al giorno soddisfo il tuo bisogno,
    le tue labbra animali,
    il tepore della pelle che si fa paffuta.
    Vedo schiudersi le tendine degli occhi.
    Sono pietre blu, il muschio va sparendo.
    Sbatti le palpebre stupito,
    e mi chiedo cosa vedi
    strano parente che turbi il mio silenzio.
    Sono un riparo di menzogne.
    Dovrei di nuovo imparare a parlare,
    o senza speranza di salute mentale
    potrò toccare un viso che riconosco?

    Nel corridoio ritornano le ceste.
    Le mie braccia ti calzano a pennello,
    avvolgono le lanose infiorescenze
    dei tuoi salici piangenti,
    l'arnia ronzante d'api dei tuoi nervi,
    i muscoli e le grinze dei primi giorni.
    La tua faccia da vecchino
    disarma le infermiere.
    I dottori mi rimproverano ancora.
    Parlo allora. È a te che il mio silenzio nuoce.
    Dovevo saperlo. Devo far scrivere qualcosa.
    La voce s'allarma nella gola:
    ''Nome del padre: nessuno''.
    Ti tengo fra le braccia e ti nomino bastardo.

    E anche questa è fatta. Non ho più
    niente da dire, niente da perdere.
    Altre hanno già trafficato vita
    e non potevano parlare.
    Mi rattrappisco per evitare
    i tuoi occhi gufigni, mio fragile ospite.
    Sfioro le tue guance come fiori. Al contatto
    illividisci. Ci disconosciamo. Sono
    l'insenatura che t'accoglie, lo scoglio
    contro cui ti frangi. Ti stacchi. Scelgo
    l'unica via per te, piccolo erede,
    e ti do via, squassando i noi stessi che perdiamo.
    Va' bimbo che non sei nulla più d'un mio peccato.


    Anne Sexton
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  12. #10
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    Le isole desiderabili

    Per tempesta le raggiungi e dalle tempeste ti liberi.

    Di lontano intraviste, la prima è cupa di tinta,
    ma, da vicino, verde; e sulla costa il mare
    fa un tuono basso e una nebbia di rugiada prismatica.

    Ma entroterra, dove il sonno che avvolge le colline
    un sonno più sognante istilla, il rapimento di Dio,
    su altopiani alonati, nel deliquio di brezze vagabonde,
    palme lente ondeggianti salutano il cipresso d'amore
    giù per la valle dove ruscelli ciottolosi modulano
    un canto per lenire ogni gioia e ogni dolore.

    Mirti muschi son qui in molte vallate,
    dove, a greggi, che miriadi giacciono dalle guance infuocate
    che il sogno increspa: affatto inconsapevoli dormono,
    mentre senza fine le onde sulle spiagge muoiono.

    Herman Melville
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  13. #11
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,821
    Post Thanks / Like
    L'ULTIMA ROSA DELL'ESTATE

    Ecco l’ultima rosa dell’estate
    che va via sfiorendo da sola.
    Tutte le sue graziose compagne
    sono già appassite e scomparse.
    Nessun fiore della sua famiglia,
    nessun bocciolo di rosa le è vicino
    a riflettere il lieve arrossire
    a dare un sospiro per un sospiro.

    Io non ti lascerò sola
    mentre langui sul tuo stelo
    Fino a che l’amore dorme,
    va e dormi con loro.
    Così gentilmente cospargo
    con i tuoi petali il letto
    dove gli sposi del tuo giardino
    giacciono senza profumo e inerti.
    Possa io seguirti presto
    quando gli amici partiranno
    e le gemme cadranno dal cerchio brillante di luce.
    Quando i veri cuori sono appassiti
    e quelli affettuosi sono gonfi
    Chi potrebbe abitare questo buio mondo, da solo?

    Gertrude Stein
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  14. Likes Claire liked this post
  15. #12
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    Gli Alieni

    puoi pure non crederci
    ma c’è della gente
    che attraversa la vita con molto poco
    attrito o angoscia.
    vestono bene, mangiano bene, dormono bene.
    sono soddisfatti della loro vita familiare.
    hanno momenti di dolore
    ma tutto sommato nessuno li disturba
    e spesso stanno decisamente bene.
    e quando muoiono
    è una morte facile, solitamente nel sonno.
    puoi pure non crederci
    ma la gente così esiste.

    anche se io non sono uno di loro.
    eh no, io non sono uno di loro.
    non ci vado nemmeno vicino
    a essere uno di loro
    però loro sono lì
    e io sono qui.


    Charles Bukowski
    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  16. Likes Claire, daniela liked this post
  17. #13
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    Siate cauti con le parole,
    anche con quelle miracolose.
    Per le miracolose facciamo del nostro meglio,
    a volte sciamano come insetti
    e non lasciano una puntura ma un bacio.
    Possono essere buone come dita.
    Possono essere sicure come la roccia
    su cui incolli il culo.

    Ma possono essere margherite e ferite.
    Io sono innamorata delle parole.
    Sono colombe che cadono dal tetto.
    Sono sei arance sacre sedute sul mio grembo.
    Sono gli alberi, le gambe dell’estate,
    e il sole, il suo volto appassionato.

    Ma spesso non mi bastano.
    Ci sono così tante cose che voglio dire,
    tante storie, immagini, proverbi, ecc.
    Ma le parole non sono abbastanza buone,
    quelle sbagliate mi baciano.
    A volte volo come un’aquila
    ma con le ali di un passero.

    Ma cerco di averne cura
    e di essere gentile con loro.
    Le parole e le uova devono essere maneggiate con cura.
    Una volta rotte
    sono cose impossibili da aggiustare.


    Anne Sexton
    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  18. Likes daniela liked this post
  19. #14
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    Morirò sotto il sole di Miami,
    In un giorno in cui il sole splenderà,
    Un giorno come i giorni che ricordo, un giorno come gli altri,
    Un giorno che nessuno riconosce o ricorda più,
    E allora il sole splenderà sugli occhiali scuri degli stranieri
    E sugli occhi dei pochi amici dell’infanzia
    E dei cugini ancora vivi attorno alla tomba,
    Mentre i becchini, da parte, sotto l’ombra ferma delle palme,
    Fumeranno appoggiati alle loro pale,
    Parlando sottovoce in spagnolo, per rispetto.

    Credo sarà una domenica come oggi,
    Eccetto che ci sarà il sole e non pioverà più
    Né soffierà il vento che oggi piegava i cespugli;
    E credo sarà una domenica perché oggi,
    Quando ho tirato fuori questa carta per scrivere,
    Mai niente mi è sembrato così vuoto: la mia vita,
    Queste parole, la carta, la domenica grigia;
    E il mio cane tremava sotto il tavolo
    Per il temporale, guardandomi senza capire,
    E mio figlio leggeva in silenzio, e mia moglie dormiva.

    Donald Justice è morto. Una domenica il sole è uscito fuori,
    Splendeva sulla baia, sugli edifici bianchi,
    Le macchine passavano lente come sempre, così tante,
    Alcune con i fari accesi nonostante il sole,
    E più tardi i becchini con le loro pale
    Sono tornati alla tomba sotto il sole
    E uno ha ficcato la sua pala nella terra
    Per spostare qualche zolla, la marna
    Nera di Miami, e ha disperso la terra, e ha sputato,
    Voltando le spalle bruscamente, per rispetto.

    Donald Justice
    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  20. Likes daniela liked this post
  21. #15
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    MOLTI ZERO

    Senza voce l'insegnante si alza davanti a una classe
    di pallidi bambini dalle labbra serrate.
    La lavagna alle sue spalle tanto nera quanto il cielo
    che dista anni luce dalla terra.

    È il silenzio che l'insegnante ama,
    il gusto dell'infinito che trattiene.
    Le stelle come le impronte di denti sulle matite dei bambini.
    Ascoltatelo, dice felice.

    CHARLES SIMIC
    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  22. Likes Claire, daniela liked this post

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •