Thanks Thanks:  4
Likes Likes:  24
Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 16 a 30 su 44

Discussione: Pubblicità

          
  1. #16
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,818
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    L'ho visto ieri sera al cinema. Al fine tutti ci siamo messi a ridere perché la ragazza sembra un po' delusa... chissà chi si aspettava...
    E' vero, non è proprio molto contenta!

    Quote Originariamente inviato da Fosca Visualizza il messaggio

    io personalmente non metto più piede in una libreria Feltrinelli da parecchio (e quella di Bologna è bella grande!)
    Da quando uso il Kindle, quindi da alcuni anni, non frequento più le librerie, acquisto i libri on line. Mi spiace per le librerie, ma on line è più comodo.
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  2. #17
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,307
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da daniela Visualizza il messaggio
    E' vero, non è proprio molto contenta!
    .
    Secondo me La Tipa Vede lo scoiattolo sull'albero. C.
    Oppure gli regala Un libro : ma gli androidi sognano pecore elettriche?

  3. Likes Enribello liked this post
  4. #18
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,495
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    L'ho visto ieri sera al cinema. Al fine tutti ci siamo messi a ridere perché la ragazza sembra un po' delusa... chissà chi si aspettava...
    Bellissimo il video, peccato per la sua espressione finale lascia un po' deluso anche lo spettatore...
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  5. #19
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,307
    Post Thanks / Like
    Di solito si sceglie libro perché parla un po' di te, o perché pensi che quella storia raggiunga un angolo nella persona a cui lo regali. Per far scoprire e scoprirsi, ma regalare.dei libri solo per il titolo è come sceglierli dalla copertina, infatti non so che libri siano quelli che il ragazzo sceglie per lei.

  6. #20
    Administrator L'avatar di DarkCoffee
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Rome
    Messaggi
    2,495
    Post Thanks / Like
    Ahahah mi fa ridere come in pochi post abbiamo smontato una pubblicità di 4 minuti
    The creatures outside looked from pig to man, and from man to pig, and from pig to man again: but already it was impossible to say which was which.

  7. #21
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,733
    Post Thanks / Like
    Mah, non vorrei passare per quello che ne sa più degli altri ma a me il viso della ragazza non sembra trasmettere delusione, sembra più che altro l'espressione interrogativa di chi vede prendere corpo una sua fantasia e si accinge a scoprirne la reale essenza.
    Per il resto il corto è un piccolo capolavoro, un bellissimo racconto per immagini, magari con un canone classico e poco originale ma, fra fotografia, musica e montaggio ne scaturisce una piccola perla ... sembra bella perfino quel mostro di città che è Milano.
    L’uomo è la specie più folle: venera un Dio invisibile e distrugge una Natura visibile. Senza rendersi conto che la Natura che sta distruggendo è quel Dio che sta venerando.
    (Hubert Reeves, astrofisico)

  8. Likes Enribello liked this post
  9. #22
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,307
    Post Thanks / Like
    Vero, Milano è davvero bella! Direi che tutto è molto curato, anche la casa di lei è fighissima. Rimango dell'idea che la sorpresa è proprio una sorpresa. Adesso dovranno scriverlo loro il loro titolo.
    Che sia l'amore è una cosa meravigliosa, o altro .... lo sapranno loro.

  10. #23
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,307
    Post Thanks / Like
    A proposito di pubblicità super artistiche l'avete mai vista quella dell'amaro Montenegro? Anche quella grandi risate al cinema. All'inizio credevamo tutti fosse il trailer di un film ...

  11. #24
    Senior Member L'avatar di Fosca
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Appennino Tosco-Emiliano
    Messaggi
    499
    Post Thanks / Like
    Per tornare alle pubblicità....questi corti si vedono poco...e spesso in effetti al cinema...
    le pubblicità televisive invece ce le dobbiamo sorbire tutti i giorni...a me capita di cambiar canale durante la pubblicità e faticare a trovare un canale perchè sembra che si mettano d'accordo......
    per tornare alle pubblicità che mi fanno davvero girare.....
    la signora che porta la pizza in tavola e fa finta di svenire
    la tipa che ricorda la prima volta con voce odiosa e poi è un caffè
    la Mulino bianco la odio profondamente (quasi quasi si rimpiange Banderas)
    quelle dei profumi sono una peggio dell'altra
    gli adolescenti con le merendine...sembrano cerebrolesi
    ahhhhhh la tipa della Pantene che hanno dovuto doppiarla perchè era orribile come diceva caaaaapelli....
    le automobili costose
    le assicurazioni
    e poi quante ce ne sono ancora..........
    la pubblicità dovrebbe invogliare invece certe volte io credo che si voglia dimenticare che il prodotto esiste....

  12. Likes Enribello liked this post
  13. #25
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,307
    Post Thanks / Like
    A me quelle dei profumi e delle macchine di solito,piacciono.
    ho odiato quella delle ascelle. Cara ascella, ...
    Un mio amico trova inguardabile la pubblicità con Favino.
    Comunque l'altra sera al the space mi sono sorbita quasi 10 minuti di pubblicità televisive...

  14. #26
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,733
    Post Thanks / Like
    Lo scorso anno feci un corso di scrittura creativa (nel senso della scrittura promozionale) tenuto da un bravissimo pubblicitario torinese il quale spesso citava un guru americano che diceva "La gente guarda quello che le interessa, qualche volta è una pubblicità"
    Chi produce pubblicità sa perfettamente che nessuno va scientemente a cercarsi degli annunci per poi guardarseli per cui, e non a caso, vengono inseriti in contesti diversi di natura televisiva, cinematografica e, ultimamente, anche su dispositivi mobili.
    Vengono spese vagonate di soldi per studiare quelli che sono i "target" pubblicitari dei vari prodotti e quali sono le migliori strategie per raggiungerli nel modo più efficace e, che ci piaccia o no, queste strategie spesso sono vincenti perché riescono a far sì che gli spot lascino un'impronta.
    L'esempio più lampante negli ultimi tempi è la sterminata campagna Mulino Bianco con protagonista Banderas nei confronti della quale ho sentito ogni tipo di giudizio, il più delle volte negativo. Però ne parlavano tutti e, alla fine, pur facendoci sopra tutte le battute del mondo c'era sempre un momento in cui ti trovavi a dire "vediamo un po' cosa ha prodotto Zorro" perché un prodotto di quel marchio prima o poi te lo ritrovi sempre fra i piedi a indizio del fatto che l'azienda ha raggiunto i suoi obiettivi che sono commerciali e non stilistici (non credo che la Barilla punti a vincere un Leone d'oro a Venezia)
    L’uomo è la specie più folle: venera un Dio invisibile e distrugge una Natura visibile. Senza rendersi conto che la Natura che sta distruggendo è quel Dio che sta venerando.
    (Hubert Reeves, astrofisico)

  15. Likes daniela, Enribello liked this post
  16. #27
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,068
    Post Thanks / Like
    Forse vale la pena leggere questo piccolissimo estratto dal libro di Frederic Beigbeder “Lire 26,900” (titolo originale 99 franchi ) prima edizione anno 2000, ora ristampato con la striscia “ euro 13,89.”
    L'autore e' un ex pubblicitario.


    "Sono un pubblicitario:ebbene si,inquino l’universo.
    Io sono quello che vi vende tutta quella merda.Quello che vi fa sognare cose che non avrete mai.
    Cielo sempre blu,ragazze sempre belle,una felicita’ perfetta,ritoccata in photoshop.
    Immagini leccate,musiche nel vento. Quando,a forza di risparmi,voi riuscirete a pagarvi l’auto dei vostri sogni,io l’avro’ gia’ fatta passare di moda.
    .Saro’ gia’ tre tendenze piu’ avanti,riuscendo cosi’ a farvi sentire sempre insoddisfatti.
    Io vi drogo di novita’,e il vantaggio della novita’ e’ che non resta mai nuova.
    Farvi sbavare e’ la mia missione. Nel mio mestiere nessuno desidera la vostra felicita’.
    Perche’ la gente felice non consuma.
    Io interrompo i vostri film in tv per imporre i miei loghi.Vi proibisco di pensare e di annoiarvi.
    Io stabilisco cos’e’ bello e vero. A forza di stamparle sui manifesti,voi battezzerete le mie ragazzine top model e
    metteranno in crisi qualsiasi donna sopra i 14 anni.

    Se osanno uno yogurt sui muri della vostra citta’,vi garantisco che andrete a comprarvelo.
    Credete di possedere il libero arbitrio,ma un giorno o l’altro riconoscerete il mio prodotto negli scaffali di un supermercato e lo acquisterete,credetemi,conosco il mestiere.
    Il vostro desiderio non vi appartiene piu’; io vi impongo il mio.
    Il vostro desiderio e’ il risultato di un investimento calcolato in miliardi di euro.
    Sono io che decido oggi quello che vorrete domani..
    Per ridurre l’umanita’ in schiavitu’, la pubblicita’ha scelto la linea morbida,la persuasione.
    Viviamo nel primo sistema di dominio dell’uomo sull’uomo contro il quale perfino la liberta’
    e’ impotente.
    Questo sistema,punta tutto sulla liberta’,e’ questa la sua piu’ grande trovata."



    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  17. Likes daniela, kaipirissima liked this post
  18. #28
    Senior Member L'avatar di Fosca
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Appennino Tosco-Emiliano
    Messaggi
    499
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Enribello Visualizza il messaggio
    Forse vale la pena leggere questo piccolissimo estratto dal libro di Frederic Beigbeder “Lire 26,900” (titolo originale 99 franchi ) prima edizione anno 2000 L'autore e' un ex pubblicitario
    In effetti tutto quello che scrive è vero...però io penso di non essere l'unica sulla terra a non essere condizionata dalla pubblicità...anzi spesso proprio per quella scelgo di non comprare il prodotto.......
    ad esempio (anche per altri motivi forse più importanti) io boicotto da sempre la Danone e la Barilla
    poi è vero che già la disposizione dei prodotti sugli scaffali dei negozi è una forma di pubblicità...
    ad esempio perchè i Pavesini non sono insieme a tutti gli altri biscotti??
    poi altra cosa importante è che molte persone non hanno tanto denaro e quindi non compreranno certo l'auto costosa, il profumo marcato, il gioiello di moda....
    fosse per me alcuni pubblicitari avrebbero un secondo lavoro...zappare la terra...

  19. Likes daniela, kaipirissima liked this post
  20. #29
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,818
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Enribello Visualizza il messaggio
    Forse vale la pena leggere questo piccolissimo estratto dal libro di Frederic Beigbeder “Lire 26,900” (titolo originale 99 franchi ) prima edizione anno 2000, ora ristampato con la striscia “ euro 13,89.”
    L'autore e' un ex pubblicitario.


    "Sono un pubblicitario:ebbene si,inquino l’universo.
    Io sono quello che vi vende tutta quella merda.Quello che vi fa sognare cose che non avrete mai.
    Cielo sempre blu,ragazze sempre belle,una felicita’ perfetta,ritoccata in photoshop.
    Immagini leccate,musiche nel vento. Quando,a forza di risparmi,voi riuscirete a pagarvi l’auto dei vostri sogni,io l’avro’ gia’ fatta passare di moda.
    .Saro’ gia’ tre tendenze piu’ avanti,riuscendo cosi’ a farvi sentire sempre insoddisfatti.
    Io vi drogo di novita’,e il vantaggio della novita’ e’ che non resta mai nuova.
    Farvi sbavare e’ la mia missione. Nel mio mestiere nessuno desidera la vostra felicita’.
    Perche’ la gente felice non consuma.
    Io interrompo i vostri film in tv per imporre i miei loghi.Vi proibisco di pensare e di annoiarvi.
    Io stabilisco cos’e’ bello e vero. A forza di stamparle sui manifesti,voi battezzerete le mie ragazzine top model e
    metteranno in crisi qualsiasi donna sopra i 14 anni.

    Se osanno uno yogurt sui muri della vostra citta’,vi garantisco che andrete a comprarvelo.
    Credete di possedere il libero arbitrio,ma un giorno o l’altro riconoscerete il mio prodotto negli scaffali di un supermercato e lo acquisterete,credetemi,conosco il mestiere.
    Il vostro desiderio non vi appartiene piu’; io vi impongo il mio.
    Il vostro desiderio e’ il risultato di un investimento calcolato in miliardi di euro.
    Sono io che decido oggi quello che vorrete domani..
    Per ridurre l’umanita’ in schiavitu’, la pubblicita’ha scelto la linea morbida,la persuasione.
    Viviamo nel primo sistema di dominio dell’uomo sull’uomo contro il quale perfino la liberta’
    e’ impotente.
    Questo sistema,punta tutto sulla liberta’,e’ questa la sua piu’ grande trovata."



    Eccellente! La gente felice non consuma! Quanto è vero!

    Mi ha fatto venire alla mente i discorsi di José Mujica, che adoro, e che sintetizzo in queste pillole:

    Quando compro qualcosa non la compro con i soldi, ma con il tempo della mia vita che è servito per guadagnarli.

    Se avessi tante cose, dovrei occuparmene. La vera libertà è avere poche cose, il minimo.

    Povero non è chi possiede poco, ma chi necessita infinitamente tanto e desidera sempre di più. La mia definizione di povertà è quella di Seneca “Povero è colui che ha bisogno di tanto”

    Se questa umanità ambisce al consumo di un americano medio, allora servono tre pianeti per poter vivere.

    Se vuoi essere libero devi essere sobrio nei consumi. L'alternativa è farti schiavizzare dal lavoro per permetterti consumi cospicui, che però ti tolgono il tempo per vivere.
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  21. #30
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,307
    Post Thanks / Like
    A me fare acquisti piace.
    Alcuni giorni sono addirittura presa dal delirio. La giornata del Sasso la chiamo, perché una volta ho pure comprato un sasso!

    La disposizione dei prodotti al supermercato, un capitolo nel libro di strategie di marketing.

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •