Thanks Thanks:  2
Likes Likes:  28
Pagina 4 di 4 primaprima ... 234
Visualizzazione dei risultati da 46 a 60 su 60

Discussione: Poesie d'autunno

          
  1. #46
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,582
    Post Thanks / Like
    Autunno


    Al cader delle foglie alla massaia
    non piange il vecchio cuor, come a noi grami,
    ch d'arguti galletti ha piena l'aia;
    e spessi, nella luce del mattino,
    delle utili galline ode i richiami:
    zeppo il granaio, il vin canta nel tino,
    cantano a sera intorno a lei stornelli,
    le fiorenti ragazze, occhi pensosi,
    mentre il grano turco sfogliano; i monelli
    ruzzano nei cartocci strepitosi.


    Giovanni Pascoli

  2. #47
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    E' strano come il mondo si trasforma
    senza parere, con l'autunno lento.
    Il vento pigro e porta solo suoni
    da due passi, isolati: di una donna
    che maltratta la secchia andando al pozzo,
    di brevi giuochi urlati di bambini,
    di raffiche di passere e di foglie
    che battono le case dei sobborghi
    e del cane da punta che la nebbia
    fiuta come uno stormo sconosciuto.
    Anche il sole slenato, e, col sereno
    la luna piena d'ombre anche pi forti.
    Le mele non son pi quei dolci frutti
    cercati come uccelli tra le fronde:
    come incantate guardano negli orti
    con gote di bambole bionde.
    E bench vaghi il triste odor di morti
    che hanno i fiori...e l fuori l'ombra umanain pena intorno al piede del fanale,
    giunge il tempo ch' caro
    a cena il lume come un commensale.

    Corrado Govoni
    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  3. Likes kaipirissima, DarkCoffee, Rupert liked this post
  4. #48
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    946
    Post Thanks / Like

    A navum tt-e-quant in cimiteri,

    vistii da la festa, cui scarp lstr
    e ul capott nf , da purt rispett
    ai vif dal d d’inc e quii da ir.

    Na Msa. La fnzion dal pro defunctis,
    i donett vest da negro che sparla
    senza mai ciap ul fiat, sota vuus,
    di mort in p e da quii but gi.

    E intant, da f, sul sagr da la gsa,
    ul maronatt a scalda i so mondell
    e’l manda in giir ‘n uduu che’l fa valz
    in p anca i mort in di lor giardin

    da marmo. E i pararessan in fila
    a gir trii ghi na la lor scarsla
    insema cui tusann che i ganasa
    e i fiorett agita che i trampila.


    Rupert ottobre 2013
    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  5. #49
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    946
    Post Thanks / Like
    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  6. #50
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    962
    Post Thanks / Like
    Novembre al Parco Reale


    Quella strada, mi sembra, porta
    a Treviglio, quell'altra al lago di Como.
    Guarda, vicino a quella panchina storta
    c' uno che lava la moto, e un altro uomo


    pi lontano, legge il giornale.
    - Verso l'autodromo qualcosa brucia; o sar bruma.
    Qui a Monza da tanti anni non ci venivo, ma uguale
    a tanti anni fa. Mica stoppie, che fuma


    la nebbia e sono appena passate le tre.
    A destra vedrai le vecchie scuderie.
    Non c' da sbagliare. Trovi due vie:
    una per Sesto, la tua davanti a te.


    Franco Fortini
    Lamore la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  7. #51
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,582
    Post Thanks / Like
    Autunno


    Le foglie cadono da lontano, quasi
    giardini remoti sfiorissero nei cieli;
    con un gesto che nega cadono le foglie.


    Ed ogni notte pesante la terra
    cade dagli astri nella solitudine.


    Tutti cadiamo. Cade questa mano,
    e cos ogni altra mano che tu vedi.


    Ma tutte queste cose che cadono, Qualcuno
    con dolcezza infinita le tiene nella mano.




    Rainer Maria Rilke
    (1875-1926)

  8. Likes daniela, Rupert liked this post
  9. #52
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    946
    Post Thanks / Like
    Herbst

    Die Bltter fallen, fallen wie von weit,
    als welkten in den Himmeln ferne Grten;
    sie fallen mit verneinender Gebrde.

    Und in den Nchten fllt die schwere Erde
    aus allen Sternen in die Einsamkeit.

    Wir alle fallen. Diese Hand da fllt.
    Und sieh dir andre an: es ist in allen.

    Und doch ist Einer, welcher dieses Fallen
    unendlich sanft in seinen Hnden hlt.

    R. M. Rilke, da: Das Buch der Bilder







    <br>
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    Autunno


    Le foglie cadono da lontano, quasi
    giardini remoti sfiorissero nei cieli;
    con un gesto che nega cadono le foglie.


    Ed ogni notte pesante la terra
    cade dagli astri nella solitudine.


    Tutti cadiamo. Cade questa mano,
    e cos ogni altra mano che tu vedi.


    Ma tutte queste cose che cadono, Qualcuno
    con dolcezza infinita le tiene nella mano.




    Rainer Maria Rilke
    (1875-1926)
    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  10. Likes kaipirissima liked this post
  11. #53
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    946
    Post Thanks / Like
    Nome:   eduard-moerike.jpg
Visite:  2584
Grandezza:  62.8 KB



















    Septembermorgen

    Im Nebel ruhet noch die Welt,
    Noch trumen Wald und Wiesen:
    Bald siehst du, wenn der Schleier fllt,
    Den blauen Himmel unverstellt,
    Herbstkrftig die gedmpfte Welt
    In warmem Golde flieen.

    Eduard Mrike
    (1827, Edizione originale 1828)
    Mattina di settembre

    Il mondo ancor riposa nella nebbia,
    ancora sognano bosco e prati:
    presto vedrai, quando il velo cade,
    il cielo blu intoccato,
    con forza d’autunno il mondo ovattato
    all’oro caldo fluire.


    Trad. Rupert novembre 2013
    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  12. #54
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    Bosco d'autunno


    A che somiglia un bosco in pieno autunno?
    Soprattutto ad un sommesso incendio.
    Lambiscono mute la coppa dei cieli
    gialle lingue di fiamma.
    Pi d’uno scialle zingaro screziato
    il bosco ancora un po’ verde.
    Ad ogni albero, come a un fal,
    puoi riscaldarti l’anima.

    Boris Sluckij
    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  13. Likes daniela, DarkCoffee liked this post
  14. #55
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    962
    Post Thanks / Like
    L’anno ha sedici mesi: novembre
    dicembre, gennaio, febbraio, marzo, aprile
    maggio, giugno, luglio, agosto, settembre
    ottobre, novembre, novembre, novembre, novembre.

    Henrik Nordbrandt
    Lamore la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  15. Likes daniela liked this post
  16. #56
    Master Member L'avatar di Claire
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Alta Murgia
    Messaggi
    1,819
    Post Thanks / Like
    Autunno

    L'autunno colora le foglie morte
    E pone un dito sulla bocca -
    Si muore pi facilmente a colori?
    nel fiume ingrassano i pescatori
    Viene l'inverno, il tempo ferito.

    Inge Muller
    "...Comme on na pas le choix il nous reste le cur"

  17. Likes daniela liked this post
  18. #57
    Master Member L'avatar di Claire
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Alta Murgia
    Messaggi
    1,819
    Post Thanks / Like
    Canzoncina interrotta

    Laggi di primo ottobre
    la marea delle foglie
    allangelica notte
    gi tratteneva il piede.

    Non vedute cadevano
    (l tutto era furtivo),
    lento frusciava rune
    al plenilunio un fico.

    Sfilava dal tuo sogno
    un micio le sue cabale,
    veranda incomparabile,
    dolce Capodimondo.

    Solo la veemente
    mia ora lacerava
    sul cancello le rose
    E riversa una statua

    forse mordeva al turbine
    di quel volo lautunno,
    origliere di muschi...

    Cristina Campo
    "...Comme on na pas le choix il nous reste le cur"

  19. #58
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    FOGLIE MORTE




    Veder cadere le foglie mi lacera dentro
    soprattutto le foglie dei viali
    soprattutto se sono ippocastani
    soprattutto se passano dei bimbi
    soprattutto se il cielo sereno
    soprattutto se ho avuto, quel giorno, una buona notizia
    soprattutto se il cuore, quel giorno, non mi fa male
    soprattutto se credo, quel giorno, che quella che amo mi ami
    soprattutto se quel giorno mi sento d'accordo con gli uomini e con me stesso
    veder cadere le foglie mi lacera dentro
    soprattutto le foglie dei viali dei viali d'ippocastani.


    NAZIM HIKMET


    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  20. #59
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    Da noi l’autunno si sposa giovane
    in un piazzale lucido di cielo
    gli alberi si cambiano d’abito e portano
    a ballare i quattro venti
    la valle arriva con la gonna alzata
    la neve le chiazza le caviglie le montagne
    con la faccia a sud si scusano
    mentre le cime bianche arrivano da nord.
    Noi lo sappiamo che la festa dura appena
    il tempo di infiammare i faggi due
    settimane di passioni, i sospiri freddi
    dei sempreverdi e gli uccelli dei larici
    piumati di giallo
    prendono il volo dell’inverno


    Maddalena Bertolini
    (Trento, 1965)
    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  21. #60
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,844
    Post Thanks / Like
    Nome:   autunno-550.jpg
Visite:  329
Grandezza:  87.2 KB

    MATTINO DAUTUNNO

    Lautunno ha versato i suoi colori nella mia anima.

    I colori della mia anima
    li ho lasciati decantare
    nei giorni a venire.

    Questa mattina, il cielo era bagnato dalla pioggia dautunno,
    Questa mattina
    Ho rinfrescato la mia anima nella pioggia del tempo.

    FATOS ARAPI
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  22. Likes Estella liked this post

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •