Thanks Thanks:  14
Likes Likes:  33
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 16 a 24 su 24

Discussione: L'infanzia

          
  1. #16
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Avevamo con noi dei pacchetti di crackers e qualche cioccolata, ma non sarebbero bastati neppure per un decimo di loro: abbiamo saltato pranzo anche noi.
    Chi avrebbe avuto il coraggio di mangiare di fronte ad occhi famelici di un cibo diverso da un pò di riso scotto e un pò di latte di Yak?

    Nome:   HPIM0893 bimba tibet.jpg
Visite:  87
Grandezza:  43.6 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  2. #17
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    I bambini imparano

    Se il bambino vive nella critica ,
    impara a condannare.
    Se vive nell’ostilità,
    impara ad aggredire.
    Se vive deriso,
    impara la timidezza.
    Se vive vergognandosi,
    impara a sentirsi colpevole.
    Se vive trattato con tolleranza,
    impara ad essere paziente.
    Se vive nell’incoraggiamento,
    impara la fiducia.
    Se vive nell’approvazione,
    impara ad apprezzare.
    Se vive nella lealtà,
    impara la giustizia.
    Se vive con sicurezza,
    impara ad avere fede.
    Se vive volendosi bene,
    impara a trovare
    amore ed amicizia nel mondo.
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  3. Likes Claire liked this post
  4. #18
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Quanto pesa una lacrima? Secondo: la lacrima di un bambino capriccioso pesa meno del vento, quella di un bambino affamato pesa più di tutta la terra.

    Gianni Rodari, Favole al telefono, 1960
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  5. Likes Claire liked this post
  6. #19
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,819
    Post Thanks / Like
    Elogio dell’infanzia

    Quando il bambino era bambino,
    camminava con le braccia ciondoloni,
    voleva che il ruscello fosse un fiume,
    il fiume un torrente
    e questa pozzanghera il mare.

    Quando il bambino era bambino,
    non sapeva di essere un bambino,
    per lui tutto aveva un’anima
    e tutte le anime erano un tutt’uno. Quando il bambino era bambino
    non aveva opinioni su nulla,
    non aveva abitudini,
    sedeva spesso con le gambe incrociate,
    e di colpo si metteva a correre,
    aveva un vortice tra i capelli
    e non faceva facce da fotografo.

    Quando il bambino era bambino,
    era l’epoca di queste domande:
    perché io sono io, e perché non sei tu?
    perché sono qui, e perché non sono lì?
    quando comincia il tempo, e dove finisce lo spazio?
    la vita sotto il sole è forse solo un sogno?
    non è solo l’apparenza di un mondo davanti al mondo
    quello che vedo, sento e odoro?
    c’è veramente il male e gente veramente cattiva?
    come può essere che io, che sono io,
    non c’ero prima di diventare,
    e che, una volta, io, che sono io,
    non sarò più quello che sono?

    Quando il bambino era bambino,
    si strozzava con gli spinaci, i piselli, il riso al latte,
    e con il cavolfiore bollito,
    e adesso mangia tutto questo, e non solo per necessità. Quando il bambino era bambino,
    una volta si svegliò in un letto sconosciuto,
    e adesso questo gli succede sempre.
    Molte persone gli sembravano belle,
    e adesso questo gli succede solo in qualche raro caso di fortuna. Si immaginava chiaramente il Paradiso,
    e adesso riesce appena a sospettarlo,
    non riusciva a immaginarsi il nulla,
    e oggi trema alla sua idea.

    Quando il bambino era bambino,
    giocava con entusiasmo,
    e, adesso, è tutto immerso nella cosa come allora,
    soltanto quando questa cosa è il suo lavoro.

    Quando il bambino era bambino,
    per nutrirsi gli bastavano pane e mela,
    ed è ancora così.

    Quando il bambino era bambino,
    le bacche gli cadevano in mano come solo le bacche sanno cadere,
    ed è ancora così,
    le noci fresche gli raspavano la lingua,
    ed è ancora così,
    a ogni monte,
    sentiva nostalgia per una montagna ancora più alta,
    e in ogni città,
    sentiva nostalgia per una città ancora più grande,
    ed è ancora così,
    sulla cima di un albero prendeva le ciliegie tutto euforico,
    com’è ancora oggi,
    aveva timore davanti a ogni estraneo,
    e continua ad averlo,
    aspettava la prima neve,
    e continua ad aspettarla.

    Quando il bambino era bambino,
    lanciava contro l’albero un bastone come fosse una lancia,
    che ancora continua a vibrare.

    Peter Handke

    La poesia fu scritta appositamente per il film Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders del 1987.
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  7. #20
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,819
    Post Thanks / Like
    Giochi di bambini è un dipinto a olio su tavola (118x161 cm) di Pieter Bruegel il Vecchio: la brulicante veduta della piazza di un paese ospita gruppi di bambini che mettono in scena circa ottanta giochi dell'infanzia.

    Nome:   giochi-di-bambini.jpg
Visite:  35
Grandezza:  21.4 KB

    Cavalcano cavallucci, giocano a mosca cieca, e si arrampicano su mura alte e sugli alberi. Questo capolavoro è stato dipinto nel 1560 e, a sorpresa, la maggior parte dei giochi raffigurati sul dipinto sono ancora popolari oggi.

    Nome:   1.jpg
Visite:  35
Grandezza:  92.1 KB

    Nome:   2.jpg
Visite:  48
Grandezza:  27.7 KBNome:   2030755-1000-1463990102-27.jpg
Visite:  36
Grandezza:  98.7 KBNome:   2031455-1000-1463990102-6.jpg
Visite:  35
Grandezza:  95.9 KB
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  8. Thanks Mauro thanked for this post
    Likes Estella liked this post
  9. #21
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,733
    Post Thanks / Like
    Io non finisco mai di stupirmi della grandezza degli artisti di diversi secoli fa e della loro capacità di raffigurare così bene la realtà che li circondava.
    L’uomo è la specie più folle: venera un Dio invisibile e distrugge una Natura visibile. Senza rendersi conto che la Natura che sta distruggendo è quel Dio che sta venerando.
    (Hubert Reeves, astrofisico)

  10. Likes daniela, Estella liked this post
  11. #22
    Senior Member L'avatar di nottibianche
    Registrato dal
    Jan 2018
    residenza
    Montecatini Terme
    Messaggi
    302
    Post Thanks / Like
    Uno dei più bei ricordi dell'infanzia

    Nome:   untitled.jpg
Visite:  28
Grandezza:  19.0 KB
    " E se io non fossi l'eroe? Se io fossi il cattivo? " Twilight

  12. Likes daniela liked this post
  13. #23
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,181
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da nottibianche Visualizza il messaggio
    Uno dei più bei ricordi dell'infanzia

    Nome:   untitled.jpg
Visite:  28
Grandezza:  19.0 KB
    Noi avevamo un cortile pavimentato con lastre rettangolari, così non dovevamo neanche fare la fatica di disegnare i quadrati!!!

  14. #24
    Senior Member L'avatar di Fosca
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Appennino Tosco-Emiliano
    Messaggi
    499
    Post Thanks / Like
    ..e a questo ci avete mai giocato?????
    io credo di averci passato le migliori estati...

    <span style="color:#0000cd;"><strong>

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •