Thanks Thanks:  8
Likes Likes:  44
Pagina 2 di 4 primaprima 1234 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 16 a 30 su 47

Discussione: Poesia contemporanea

          
  1. #16
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    955
    Post Thanks / Like
    alterazioni del ritmo


    ma quante carte
    ma quante
    mamma mia
    qui tutto cede
    cede
    cede.
    fogli, referti, ricette, fitoestrogeni, ovuli vaginali, MOC (fuori dai LEA!!) e poi
    quanti soldi, nemmeno la ricetta regionale, tutto a pagamento.
    e l'angoscia sale
    e l'aritmia anche
    PA fuori controllo da mesi ormai
    e cazzo scendi
    che vertigini, che nausea, che giramenti di testa: 180 su 90
    palpitazioni e angoscia
    adesso ho aggiunto anche HTC al ramipril, caso mai sua maestà la mia PA decidesse di mollare il colpo...
    ma niente, batte forte sempre (come Unieuro).


    legge Gifuni (Genio), scrive Lingiardi (meno) (ma collega psichiatra psicoanalista)
    sono al Franco Parenti (domenica)
    le ho comprate (siamo a BookCity) e, lette da me, le sue poesie, sono poco cosa ma lette dall'uomo bello con la barba, una bella cosa.
    l'uomo bello con la barba è uno dei migliori attori che abbiamo su questo suolo natio.
    non cura la mia angoscia ma la lenisce il tempo di un verso.


    Fibrillazioni, sincopi, aritmie
    tutto quello che fa quando non muore
    eccola è lei, l’altra metà del cuore.


    Holter. Il cuore si è ammalato.
    Eta l'unico organo
    che non ho trascurato.


    Quando non c'è speranza di salvezza
    Dove la morte non porta compimento
    Lì cosa c'è, in che paese siamo?
    Quello è il dolore, e noi lo attraversiamo.


    Dentro il cuore
    dietro gli abeti
    pezzo di cielo
    tra le impalcature


    vedo Silvia
    una vita fa
    e
    il corpo cambia
    si ammala
    si piega
    portatore di memoria


    Vittorio Lingiardi
    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  2. Likes daniela, kaipirissima liked this post
  3. #17
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    955
    Post Thanks / Like
    Scrivere è togliere spazio al male,
    è addomesticare la paura
    che torna selvatica a ogni respiro
    è tentativo di conoscere
    se nella radice dell’albero dimorano
    necessità e libertà,
    se sul suo tronco è la misura
    di altezza e statura,
    se nella sua chioma nidificano
    verità e verosimiglianza,
    adesso che so stare sotto la sua ombra
    lo svantaggio umano.


    Lucianna Argentino
    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  4. Likes daniela, kaipirissima liked this post
  5. #18
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    955
    Post Thanks / Like
    à Paris



    I.


    Parigi è la piccola boulangerie con lo studente universitario
    che affetta per noi -ben sottile-il crudo di Auvergne;
    è il signore con l’abito scuro e i sandali aperti
    che mi consiglia di assaggiare il medesimo
    fromàge jeunne che lui pure ha scelto.


    II.


    A Parigi si baciano ovunque
    e le donne sono molto sottili
    spesso portano gonne di seta e foulard
    e la notte a Parigi è più viva del giorno.
    Non è affatto un luogo comune.


    III.


    Respiri acqua
    ed io pure, come avessimo branchie
    sui fianchi, all’Hammam dei Bains du Marais.
    Scivoliamo come pesci sul marmo, lucidi
    amniotici.


    IV.


    Le Balançoire
    è l’altalena della prima cena parigina
    ho il cuore verde e fresco
    come la mia vellutata di piselli
    e ti bacerò a lungo
    nonostante i tuoi piccoli calamari
    in salsa all’aglio della Bretagna.


    V.


    Al Louvre
    innamorati della Venere di Milo
    deferenti e confidenziali da Monna Lisa.
    Un’assoluta tenerezza
    Per la mummia minuta
    -credo una donna-
    fotografata senza posa.


    Rossella Tempesta
    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  6. Likes kaipirissima, daniela liked this post
  7. #19
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    Nostra Signora del Disordine

    Stiamo sempre a riempire e vuotare scatole
    spostare i vestiti negli armadi
    portare qualcosa in soffitta o in cantina

    così sembra di traslocare di continuo
    anche se viviamo nella stessa casa

    tu non sei mai soddisfatta e io
    non capisco non ti capisco più

    abitare non vuol dire
    che gli oggetti hanno ognuno il giusto posto
    piuttosto
    che dovremmo averlo noi


    Francesco Tomada
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  8. Likes kaipirissima liked this post
  9. #20
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    Portarsi avanti con gli addii

    E se domani io non ci fossi più
    per un incidente o qualsiasi cosa che ora non immaginiamo
    o perché la rabbia mi ha formato un coagulo nel cuore

    dopo il tempo che ti serve tu comunque vai avanti
    trova un altro uomo che sia un padre
    se possibile migliore per i nostri figli

    per favore non far recitare quelle messe
    a cui tutti devono venire senza averne voglia
    non tenere i miei ricordi in un cassetto
    perché di buio allora ne avrò già abbastanza

    e non dire a nessuno se mi pensi
    piuttosto custodiscimi come una seconda adolescenza
    qualcosa che ti porti sempre dentro
    anche se non sei più tu

    Francesco Tomada
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  10. #21
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    Anime salve

    Dieci anni fa cambiavo i vestiti ai miei bambini
    lavavo la loro nudità e lo sporco
    prima di averli pensavo che mi avrebbe impressionato
    e invece no

    oggi faccio lo stesso con te
    e quel pudore assoluto che ci ha sempre accompagnati
    non esiste più, non c’è vergogna
    in nessuno dei due

    ho imparato prima ad essere padre
    e solo dopo figlio
    appena in tempo, mamma, ma ce l’ho fatta

    adesso puoi andare

    Francesco Tomada
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  11. #22
    Senior Member L'avatar di Aleciccio
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    827
    Post Thanks / Like
    Desideri stavano strappandomi l'anima.

    Potevo viverli, ma non ci son riuscito.

    Allora li ho incantati.

    E a uno a uno li ho lasciati dietro di me...

    Ho disarmato l'infelicità.

    Ho sfilato via la mia vita dai miei desideri.

    Se tu potessi risalire il mio cammino,

    li troveresti uno dopo l'altro,

    incantati, immobili, fermati lì per sempre a segnare la rotta

    di questo viaggio strano che

    a nessuno mai ho raccontato se non a te.


    Alessandro Baricco
    Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma. Paul Valery

  12. Likes daniela liked this post
  13. #23
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    La fortuna alla maniera di Sarajevo


    A Sarajevo
    in questa primavera 1992,
    tutto è possibile;
    fai la coda per comprare il pane
    e ti ritrovi al Servizio di traumatologia
    con una gamba amputata.
    E dopo asserisci
    d’aver avuto anche fortuna.


    1992 Izet Sarajlić
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  14. Thanks DarkCoffee thanked for this post
    Likes kaipirissima liked this post
  15. #24
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    I critici di poesia

    Perché i critici di poesia
    non scrivono poesia
    giacché sanno tutto della poesia?

    Sapessero,
    forse preferirebbero scrivere poesia che di poesia.

    I critici di poesia sono come i vecchi.
    Anch’essi sanno tutto dell’amore.
    Quello che non sanno è fare l’amore.

    1982 Izet Sarajlić
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  16. #25
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    Un’altra volta saprei

    Troppo poco ho goduto gli scrosci primaverili e i tramonti del sole

    Troppo poco mi sono dilettato della bellezza delle vecchie canzoni e
    delle passeggiate al chiaro di luna

    Troppo poco mi sono inebriato del vino dell’amicizia
    anche se al mondo quasi non c’è paese dove non avevo almeno due
    amici.

    Troppo poco tempo ho dedicato al mio amore
    io che all’amore avevo consacrato tutto il mio tempo.

    Un’altra volta saprei incomparabilmente di più godere la vita.

    Un’altra volta saprei.


    1987 Izet Sarajlić
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  17. #26
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    Sonno estivo

    Seduti, le gambe allungate nel silenzio,
    uno a uno ci siamo portati i nostri giorni
    solitudine con solitudine, impazienza e attesa;
    e adesso che le tue spalle sono vicine alle mie
    che il mio calore è il tuo,
    quanto so dimenticare è nell’indugio
    delle dita avventurate sulla tua pelle bionda,
    sui tuoi capelli scuri,
    nella paura che avvicina il nostro corso di scampati
    senza rumore e senza appello, come quando
    il verde di marzo spinge dai rami
    e si fa abbracciare dal mondo,
    come quando l’aria vive nello screzio
    degli alberi carichi di luce
    e c’è penombra nella stanza,
    e la pace del prato è nei tuoi occhi,
    ci perdona, si stringe intorno a noi.

    Pierluigi Cappello
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  18. Likes DarkCoffee liked this post
  19. #27
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,307
    Post Thanks / Like
    La colpa è mia

    mi ostino a volere
    contenere questo nostro tempo
    che indigna
    dentro l'orologio
    che da bambino
    con facilità
    m'inventavo al polso

    morsicandolo.

    Giovanni Fierro, La parola data

  20. Likes daniela liked this post
  21. #28
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,307
    Post Thanks / Like
    Nel bosco d’ortiche
    Era malata ogni foglia
    Assurda la luce
    D’ogni povero giorno
    Due occhi accendevano un lume
    Riapparivano impronte di vita
    Nel bosco d’ortiche
    Due mani nel vuoto
    Creavano cose
    Una bocca di nuovo parole


    [Luciano Morandini da Fabula notturna, prefazione di Giovanni Raboni, Edizioni Kappa Vu,1996]

  22. Likes DarkCoffee, daniela liked this post
  23. #29
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    La veste chiara

    La luce della giornata
    ancora esita, si impiglia nei vetri.
    Una felicità così limpida, e verso sera
    il limite dei campi sarà incerto
    e, in fondo al ritorno, il buio.
    Cosa avrò fatto di una seta così chiara,
    dove mi sarò seduta così a lungo da sciuparla,
    spiegazzata com’è ora, tutta piena di macchie.

    Donatella Bisutti
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

  24. #30
    Master Member L'avatar di daniela
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    3,816
    Post Thanks / Like
    La vibrazione delle cose

    Quando l’anima come un cane
    si lascia accarezzare, inerme
    allora è tutta concentrata nel piacere
    che dà la vibrazione delle cose
    allora è facile staccare sé da sé –
    si insinua, poi irrompe
    l’esterno nell’interno.

    Donatella Bisutti
    A ciascuno e' affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro.

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •