Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  1
Visualizzazione dei risultati da 1 a 14 su 14

Discussione: STEVE McCURRY

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile STEVE McCURRY

    La mostra di STEVE McCURRY, fotoreporter americano , a Genova ( Palazzo Ducale)da quattro mesi, sta riscuotendo un grandissimo successo. Non si può, se si ama la fotografia di qualità, non essere colpiti nel profondo dai suoi scatti.
    E non solo da quelli che lo hanno reso famoso in tutto il mondo, come la ragazza Afgana, ma molti altri, che si scoprono percorrendo i quattro saloni della mostra, così suddivisi.
    Nel primo, i ritratti.

    Nel secondo, tutte le fotografie che lui ama di più, e che soprattutto abbiano una storia da raccontare (E' l'autore stesso che le descrive ).

    il terzo salone, il più sconvolgente, ha per titolo IL DOLORE. Fotografie struggenti, scattate in Afghanistan, a New York l'11 settembre, in Kuwait durante gli incendi dei pozzi petroliferi e in Giappone, durante lo tsunami.

    Il quarto ed ultimo salone si chiama LO STUPORE: foto strane, uniche , singolari.
    Una mostra veramente imperdibile, per chi ne avesse la possibilità.
    Vorrei condividere con voi alcune sua fotografie che ho apprezzato maggiormente.
    Rosy
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  2. #2
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile La ragazza afgana

    Il ritratto più noto di McCurry è questo: la Ragazza Afgana.( è quello che rappresenta la mostra).


    La fotografia è stata scattata in un campo profughi in Pakistan; McCurry era rimasto colpito dagli occhi diffidenti e spaventati di questa adolescente bellissima.
    Nome:   stevemccurryafghangirl1.jpg
Visite:  666
Grandezza:  9.2 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  3. #3
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Racconta McCurry che moltissime persone da tutto il mondo , colpite da quello sguardo magnetico ed a suo modo inquietante, si mobilitarono in vari modi per conoscerne l'identità( a lui sconosciuta), mandando denaro, aiuti vari...qualcuno chiedendola in moglie!

    Solo 17 anni dopo McCurry ed il team del National Geographic ( su cui era stata pubblicata la famosa foto) trovarono la donna, Sharbat Gula, e d il fotografo commentò che pur essendo ben lontana da quell'adolescente ( è precocemente invecchiata, infatti) era sempre straordinaria come allora.
    Eccola:

    Nome:   ragazza afgana 2.jpg
Visite:  4602
Grandezza:  53.3 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  4. #4
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Altri ritratti:

    Nome:   mccurry ragazza.jpg
Visite:  2135
Grandezza:  60.9 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  5. #5
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,340
    Post Thanks / Like
    Che impressione. Mi fa un po' paura pensare che sia la stessa persona. Quanta fatica, dolore e timore in quel volto.

  6. #6
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Un'altra ragazzina afgana.
    Nome:   ragazzina afgana.jpg
Visite:  4899
Grandezza:  16.6 KBNel suo sguardo si legge il dolore, la rassegnazione, l'infanzia non vissuta.

    Racconta McCurry che per una fotografia può restare appostato anche due settimane!
    Per i ritratti invece aspetta che la persona davanti all'obbiettivo gli si ...offra, facendosi leggere dentro.
    (Cont.)
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  7. #7
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,749
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Rosy Visualizza il messaggio
    Per i ritratti invece aspetta che la persona davanti all'obbiettivo gli si ...offra, facendosi leggere dentro.
    (Cont.)
    Aspetto fondamentale del ritratto.
    Inutile dire quanto siano "finte" le foto in cui il soggetto è in posa e quanto siano espressive quelle in cui la persona è colta in un momento di non attenzione all'obiettivo.
    Non è vero che ti fermi quando invecchi, ma invecchi quando ti fermi.

  8. #8
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Continuo con le mie foto preferite....un bimbo tibetano.

    Nome:   tibetano.jpg
Visite:  628
Grandezza:  8.8 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  9. #9
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    questo padre con bambino in qualche campo profughi non ha bisogno di parole.....Nome:   padre e bambino.jpg
Visite:  742
Grandezza:  8.6 KB
    Immagini allegate Immagini allegate  
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  10. #10
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Racconta McCurry che questa tenera donnina indiana si sposò bambina e rimase molto presto vedova.
    Nonostante la vedovanza ed il suo ...aspetto infelice, è stata tutta la vita sempre sorridente....

    Nome:   vedova.jpg
Visite:  613
Grandezza:  8.5 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  11. #11
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Non è bellissima questa donna?
    Nome:   nera con fiori.jpg
Visite:  549
Grandezza:  10.5 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  12. #12
    Master Member L'avatar di maureen
    Registrato dal
    Oct 2011
    Messaggi
    1,165
    Post Thanks / Like
    "Fotografo le ferite del mondo e l'Uomo è sempre al centro".
    Al Santa Maria della Scala di Siena aperta la mostra "In viaggio intorno all'Uomo" di Steve Mc Curry, con 200 opere del più famoso fotoreporter in attività.
    "Quando scatto le fotografie mi entrano nell'anima - dice - mi interessano le persone".
    La mostra sarà visitabile fino al 3 novembre dalle 10,00 alle 19,00.

    http://firenze.repubblica.it/cronaca.../1/?ref=fbpr#1

    "Le persone al centro di tutto"
    McCurry racconta le sue foto

    "Oggi un'immagine si legge e un titolo si guarda" dice il nuovo sindaco Valentini. Al Santa Maria della Scala di Siena aperta la mostra con 200 opere del più famoso fotoreporter in attività
    di LAURA MONTANARI
    Lo leggo dopo




    Il camminamento in pietra che porta al tempio di Angkor (Cambogia) è una linea retta, lunga come una strada, la foto ferma il momento di un temporale monsonico, quando i turisti sono tutti scomparsi e tre monaci avanzano solitari, nelle loro tuniche rosse assediate dalla pioggia. Steve McCurry dice che un fotografo "deve saper aspettare". Il "momento" del suo orologio segna la differenza che passa tra uno che scatta fotografie e un grande fotoreporter. "Bisogna sapersi fermare, non avere fretta, guardare".


    Poi nella vita capita magari che diventa famoso uno scatto tirato via in fretta a un semaforo di Mumbay, qualcosa che passa all'improvviso: India, anno 1993. Anche lì piove ("amo la pioggia, le luci che crea"), il vetro del finestrino è sigillato, una mano si avvicina, ma non lo tocca, si vedono una donna e una bambina che stanno per chiedere l'elemosina proprio mentre l'auto riparte.
    Si intitola "Viaggio intorno all'Uomo" la mostra che si apre oggi a Siena, in Santa Maria della Scala, zona del museo archeologico. Quinta tappa in Italia. McCurry si presenta alla conferenza stampa con le running ai piedi, come un viaggiatore che attraversa il mondo. "Quando scatto, la fotografia mi entra nell'anima" racconta. Forse è per questo che risponde con una impercettibile smorfia alla solita domanda su analogico o digitale: "Mi interessano le persone" taglia corto. Infatti la mostra comincia dai ritratti, il bambino avvolto in una povera coperta, il pastore indiano, comincia


    da una macchina che va scandagliare gli sguardi, gli stracci, la pelle sporca di sabbia, il fumo della sigaretta sulla faccia di un minatore. Un po' di Afghanistan, di India, di Pakistan, di Americhe e di altri posti che raccontano l'uomo com'è nella guerra e nella pace, nella paura e nelle ferite. Il mondo da Nord a Sud in duecento fotografie, divise in sezioni tematiche che cominciano con la "scoperta" e finiscono con la "memoria". La mostra, organizzata da Opera Civita Group ("a costo zero per il Comune" sottolinea il rettore dell'Opera del Duomo Mario Lorenzoni) nasce da una collaborazione tra il Comune di Siena, Opera della Metropolitana e SudEst57. E' curata da Peter Bottazzi e Biba Giacchetti, quest'ultima autrice dell'intervista che compone l'ossatura del catalogo ("Steve McCurry/Icons, euro 25) in cui lo stesso fotografo spiega il back stage delle sue immagini più celebri a cominciare dalla copertina del National Geographic della ragazza col velo, Gula Sharbat, presa bambina nel 1984 e ritrovata nel 2002 in Pakistan. "Ho ripensato a lei quasi ogni giorno e quasi ogni giorno mi chiedevo dove fosse finita quella bambina". Ci sono voluti sedici anni per saldare quel vecchio debito di riconoscenza (i suoi occhi verdi così intensi e curiosi resero famoso il fotografo americano, vincitore di numerosi World Press Photo Awards): "Ci siamo ritrovati, ma è stato un incontro senza abbracci". Un momento freddo ed emozionante al tempo stesso, a distanza perché non ci può essere un contatto fisico fra uno straniero e una donna musulmana sposata. Oltretutto Gula ignorava cosa sapesse il mondo di lei ragazza, come quella sua fotografia fosse finita in mille servizi, copertine, fino a diventare un'icona dei nostri tempi. "Oggi una fotografia si legge, un titolo si guarda" ha detto il sindaco di Siena Bruno Valentini e forse ha anche un po' ragione. Le immagini di McCurry sono narrazioni, come quel vecchio che nell'esondazione di Porbandar porta in salvo la sua scassata e arrugginita macchina da cucire: "è diventata una copertina del National Geographic e io sono andato a ricercarlo per comprargliene una nuova". Sono ferite perenni, come le Torri Gemelle, le esplosioni, le rovine che non hanno patria o torto o ragione e possono stare in mostra nella stessa stanza, ovale, quasi uno specchio, mescolando New York a Hazarajat, Al Ahmadì nei giorni della Guerra del Golfo o Beirut con i bambini che fanno l'altalena sul becco di un carro armato.
    Oggi McCurry (ore 11-12 e 16-17), firmerà i cataloghi a Santa Maria della Scala. La mostra resterà aperta fino al 3 novembre (tutti i giorni 10.30-19). Ingresso: 10 euro. Gratis, l'audioguida con la voce di McCurry. Perché è vero che una immagine, come un romanzo o un quadro ha mille e più letture, ma solo chi l'ha scattata può raccontarci da dove è cominciata. Solo chi era lì può dire che quel ragazzo che vende le arance su un'auto della polizia bombardata a Kabul (2003) ha meno di quindici anni: è un inverno durissimo, pieno di guerra e di cecchini agli angoli delle strade. E l'Afghanistan è un posto dove ogni giorno si riparte da zero, con una dozzina di arance e un tappetino disteso su un cofano semisfondato, un niente e così sia.
    http://firenze.repubblica.it/cronaca...foto-61132971/

  13. #13
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like
    Uno sguardo magnetico e pieno di fascino...anche se in un volto segnato dalle rughe e di certo da una vita difficile.
    Rosy
    Nome:   occhi di uomo.jpg
Visite:  730
Grandezza:  6.9 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  14. #14
    The bell jar L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    892
    Post Thanks / Like
    Nome:   mccurry_ritratto-660x440.jpg
Visite:  45
Grandezza:  54.8 KB

    Il fotografo con un altro scatto della famosa ragazza che sorride ma si copre la bocca, mi colpisce molto questo suo pudore.
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  15. Likes daniela liked this post

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •