Thanks Thanks:  5
Likes Likes:  130
Pagina 17 di 17 primaprima ... 7151617
Visualizzazione dei risultati da 241 a 244 su 244

Discussione: La poesia della quotidianità

          
  1. #241
    Logopedista nei sogni L'avatar di Estella
    Registrato dal
    Dec 2016
    residenza
    In riva al mare
    Messaggi
    940
    Post Thanks / Like
    Ho trascurato di dire qualcosa che mi riguarda

    Ho trascurato di dire qualcosa che mi riguarda
    ma che riguarda anche voi se mi siete vicini.
    Amo la luce che indietreggia quando gli alberi
    flettono le foglie nel vento simili ad aironi verdi,
    mi commuove l’orizzonte di mare
    che emerge dal buio come un ricordo
    e il sole che arriva a toccare l’acqua senza scalzarla,
    vorrei parlarvi dei miei percorsi sotto i portici di
    piazza Vittorio dove ristagna il fiato di tante voci
    e del raccoglimento della luce quando scende sulla
    tavola apparecchiata ma anche della prima vastità del giorno
    o della prima oscurità del giorno quando un antifurto
    mette in scena la scintilla dell’idea
    io sono una che raccoglie sassi
    ma non sono una collezionista
    li stringo in pugno per ricordare il
    corpo, scrivo dialoghi di lunghe
    frasi con la vita per non sprofondare
    scrivo per ingraziarmi la morte –
    sono una sospesa nella paura
    che prima di spalancare la finestra
    e sparire nei cunicoli della notte
    allagherà di luce le pagine dell’infanzia.

    Daniela Attanasio
    Non avere mai paura di essere un papavero in un campo di giunchiglie.


  2. Likes daniela liked this post
  3. #242
    Senior Member L'avatar di Andrea
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    959
    Post Thanks / Like
    Consigli per stare bene in salute

    La prima cosa è ringiovanire.
    Non è detto che a sessant'anni
    sei più vecchio che a trenta.
    L'usura del corpo è poca cosa
    rispetto all'usura dell'anima.
    Non ti salvi con le tisane,
    non ti salvi evitando la carne,
    non ti salvi facendo ginnastica:
    quello che ti serve è fiorire
    come fa una rosa,
    come fa un geranio.
    *
    Non credere più di tanto
    alle cure.
    Pensa a chi è già morto,
    stringigli la mano.
    Riposati solo quando non hai niente di meglio
    da fare,
    altrimenti stancati più che puoi:
    nessuno ha mai conservato
    le cose che non ha donato.

    Franco Arminio
    L’amore è la voce dietro tutti i silenzi, la speranza che non ha il contrario in un timore.

  4. Likes daniela liked this post
  5. #243
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,159
    Post Thanks / Like
    Le strade sono
    tutte di Mazzini, di Garibaldi,
    son dei papi,
    di quelli che scrivono,
    che dan dei comandi, che fan la guerra.
    E mai che ti capiti di vedere
    via di uno che faceva i berretti
    via di uno che stava sotto un ciliegio
    via di uno che non ha fatto niente
    perché andava a spasso
    sopra una cavalla.
    E pensare che il mondo
    è fatto di gente come me
    che mangia il radicchio
    alla finestra
    contenta di stare, d’estate,
    a piedi nudi.


    Nino Pedretti


    foto presa dal web
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

  6. Likes daniela, DarkCoffee liked this post
  7. #244
    Master Member L'avatar di Enribello
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,159
    Post Thanks / Like
    Oggi sono rimasto
    a fare compagnia al frigorifero.
    Ad ascoltare
    la fatica che gli costa
    funzionare, compiere
    essere aggiornato
    con i suoi freddi lavori, con i suoi compiti congelati.
    Quello che ci si aspetta quindi
    da un frigorifero da cucina.
    E letteralmente
    ho preso una sedia e mi sono sono seduto
    al suo fianco. E siamo stai lí.
    Lamentandoci. Ad ascoltarci mutuamente funzionare,
    respirare.
    A pensare nelle cose che si devono congelare
    perché il mondo continui. Nelle nostre cose,
    suppongo. Nella vita
    meccanica o no, elettrica o no. Programmata.
    Lineare, indipendentemente della curva o del zigzag,
    che segna, nel monitor del polso, il polso.
    E siamo stati lì
    prestandoci due ore del nostro tempo.
    Senza nessuna conclusione
    rispetto alla nostra ultima permanenza
    da seguire;
    quello che è congelare ciò che si porta dentro.

    Alfredo E. Quintero




    foto presa dal web
    Io li odio i nazisti dell'Illinois...

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •