Thanks Thanks:  1
Likes Likes:  5
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 15 su 24

Discussione: Mostre da non perdersi

          
  1. #1
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,563
    Post Thanks / Like

    Mostre da non perdersi

    Traggo da ANSA di oggi nuovi appuntamenti per gli amanti delle arti figurative:

    Week end di mostre a Vicenza 100 capolavori,a Firenze Bacon

    a Roma invece gli splendori dell'eta' imperiale ai capitolini

    MOSTRE: 100 CAPOLAVORI DAL MONDO RILANCIANO VICENZA

    (di Nicoletta Castagni)
    A Vicenza cento capolavori provenienti dai maggiori musei internazionali per raccontare cinque secoli di arte nell'appena restaurata Basilica Palladiana, nella capitale, ai Musei Capitolini, gli splendori della Roma imperiale attraverso meraviglie della statuaria, sono le mastre di maggior richiamo che si aprono nel week end. A Firenze, invece, le tele (alcune esposte per la prima volta in Italia) di Francis Bacon che illustrano il dramma della condizione umana.
    VICENZA - Un meraviglioso volto di Cristo risorto di Botticelli, mai esposto in una mostra, così come il ritratto di Monet fatto a sua moglie Camille, una rarissima Madonna con Bambino di Mantegna, per la prima volta in Europa: questi e molti altri gli straordinari capolavori che dalle collezioni pubbliche e private di tutto il mondo sono arrivati a Vicenza per 'Raffaello versus Picasso', la grande mostra che il 6 ottobre inaugura la Basilica Palladiana dopo cinque anni di restauri. Esposte cento opere in un percorso che è una storia di sguardi. Si comincia con i dipinti di carattere religioso, grazia ed estasi che introducono alla dimensione spirituale dell'uomo. Un vero splendore il susseguirsi delle Madonne, tra cui quelle di Mantegna e di Bellini, cui seguiranno le immagini del Cristo immortalato dai maestri del passato, quali Caravaggio, Antonello da Messina, Bellini, Veronese. Nella sezione sulla nobiltà del ritratto ecco invece i dogi di Tiziano, Gentile Bellini, gli aristocratici di Rubens, i sovrani di Velazquez, mentre i capolavori di Raffaello, Giorgione, Durer introducono al tema del ritratto quotidiano quale rappresentazione dell'anima, con una particolare attenzione a Manet. La mostra si conclude con una una vasta rassegna sul '900 attraverso gli autoritratti di Van Gogh, Gauguin, Cezanne, Bonnard e i corpi nudi, contorti di Bacon o di Freud, Picasso, Balthus, Giacometti.
    ROMA - Si intitola 'L'Età dell'Equilibriò il terzo appuntamento del ciclo 'I Giorni di Roma', che si apre domani ai Musei Capitolini. Il progetto espositivo durerà cinque anni ed é dedicato alla storia senza tempo di Roma, dall'età repubblicana fino alla tarda antichità. La nuova rassegna si propone di ampliare la comprensione del periodo storico che va dal 98 al 180 d. C., tra i regni di Traiano e Marco Aurelio. Esso fu di grande splendore artistico e vide il raggiungimento di un raro equilibrio sociale e politico tra Roma e le sue province. Imponenti statue di marmo, opere raffinate in bronzo e terracotta, interi cicli sculturali, arredi domestici in bronzo e argento del più alto valore stilistico, racconteranno quindi la storia dell'era del consenso tra la classe dirigente, l'amministrazione imperiale e l'elite provinciale, un fenomeno epocale per la fondazione della cultura occidentale.
    FIRENZE - Francis Bacon e la condizione umana sono al centro della mostra che si apre a Palazzo Strozzi il 5 ottobre. La rassegna propone un nucleo di opere del grande pittore provenienti da prestigiose collezioni internazionali. Esposti per la prima volta in Italia anche tre suoi lavori non finiti, tra i quali spicca quella che viene considerata l'ultima creazione dell'artista irlandese, un autoritratto ritrovato su un cavalletto nel suo studio di Reece Mews a Londra, nel 1992, anno della morte. I dipinti di Bacon in mostra sono affiancati da una selezione di materiali provenienti dall'archivio dell'artista: ritratti fotografici, riproduzioni di grandi capolavori del passato, immagini tratte da libri e riviste. Allestite, infine, le opere di artisti contemporanei che, ispirandosi alla lezione di Bacon, investigano il tema dell'esistenza nel rapporto tra individuo e collettività.

  2. #2
    Master Member L'avatar di Sir Galahad
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    1,563
    Post Thanks / Like

    Lightbulb Un evento da non perdere assolutamente

    Un evento che nessuno dovrebbe perdersi, a Firenze.....


    http://www.palazzostrozzi.org/Sezion...idSezione=2188

  3. #3
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    895
    Post Thanks / Like
    Jackson Pollock e gli irascibili a Palazzo reale a Milano


    Un'imperdibile carrellata su una porzione essenziale della produzione artistica del terzo quarto del XX secolo. Io adoro Pollock, ma aldilà dei gusti personali, ritengo che una comprensione dell'arte contemporanea non possa prescindere dalla conoscenza delle opere prodotte dagli artisti esposti a Palazzo reale.



    Ecco qualche link d'informazione:

    http://www.comune.milano.it/portale/...ock_irascibili

    http://www.huffingtonpost.it/2013/09...n_4016422.html

    http://www.artribune.com/2013/10/jac...bile-a-milano/

    http://www.ilsole24ore.com/art/cultu...?uuid=AbHNxLaI

    http://www.arte.it/calendario-arte/m...rascibili-4630
    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  4. #4
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    ciao, noi abbiamo intenzione di andare a Torino per la mostra del fotografo WERNER BISHOP, da metà ottobre al 16 febbraio 2014, nel Palazzo Reale- che già da solo merita il viaggio!
    La fotografia che lo rappresenta, come la ragazza afghana per McCurry, è il Suonatore di Flauto sulle Ande.
    105 scatti in bianco e nero, suddivisi per spazi geografici.
    Non me la perderò!
    Rosy

    Nome:   bishof.jpg
Visite:  116
Grandezza:  8.7 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  5. #5
    Member L'avatar di donnadelfaro
    Registrato dal
    Oct 2013
    Messaggi
    68
    Post Thanks / Like
    Beh, c'è pure la Biennale di Venezia aperta fino al 24 novembre. Le opere del padiglione Italia vede quasi tutta arte figurativa. Ai visitatori, a quanto pare, ha colpito il padiglione della Russia: piogge di monetine dorate da cui proteggersi con un ombrellino che richiamano il mito di Danae, che viene reinterpretato dall’artista Vadim Zacharov a simboleggiare l’ingordigia e l’influenza corrotta del denaro. Francamente l'ho trovato banale e fin troppo scontato nel contenuto.
    Troviamo anche le figure realistiche realizzate su calchi da Hanson e l’installazione del celeberrimo Walter de Maria. Nel padiglione inglese un’albanella reale afferra minacciosa una Range Rover. L’opera del britannico Jeremy Deller pare vendicarsi visivamente di un’albanella che sarebbe morta per mano del principe Harry e del suo amico William van Cutsem. Insomma la Biennale può piacere oppure no, io trovo che ogni anno stia a ricordare che il cattivo gusto non è ancora morto.

  6. #6
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,401
    Post Thanks / Like
    Io vado Domenica alla Biennale, grazie per le dritte vi farò sapere anche le mie opinioni!

  7. #7
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    895
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da donnadelfaro Visualizza il messaggio
    Insomma la Biennale può piacere oppure no, io trovo che ogni anno stia a ricordare che il cattivo gusto non è ancora morto.
    Come sei ottimista. Trovo che si stia assistendo al trionfo incontrastato del cattivo gusto che splende e sfavilla dappertutto e attraverso tutti i canali possibili e anche alcuni impossibili. In generale persino difficile individuare ciò che veramente ha qualche pregio, perché sommerso da enormi quantità di fuffa.
    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  8. #8
    Administrator L'avatar di Mauro
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Milano
    Messaggi
    2,749
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Rupert Visualizza il messaggio
    Come sei ottimista. Trovo che si stia assistendo al trionfo incontrastato del cattivo gusto che splende e sfavilla dappertutto e attraverso tutti i canali possibili e anche alcuni impossibili. In generale persino difficile individuare ciò che veramente ha qualche pregio, perché sommerso da enormi quantità di fuffa.
    Diciamo che, in generale, concordo col tuo punto di vista, ma mi sembri un filo catastrofista ... o forse hai ragione, ma preferisco non ammetterlo per non deprimermi
    Non è vero che ti fermi quando invecchi, ma invecchi quando ti fermi.

  9. #9
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    895
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da Mauro Visualizza il messaggio
    Diciamo che, in generale, concordo col tuo punto di vista, ma mi sembri un filo catastrofista ... o forse hai ragione, ma preferisco non ammetterlo per non deprimermi
    Non credo sia catastrofismo. È solo una questione di massa. Oggi è molto facile produrre "arte" e chiunque sia in grado di tenere in mano un matita si sente (giustamente) abilitato a ritenersi un artista. È semplicemente il compito dell'osservatore che è diventato complesso. Per discriminare è necessario avere parametri chiari, una certa cultura artistica e molta pazienza. Converrai con me che non tutto ciò che viene prodotto oggi e che viene "venduto" sotto la denominazione "opera d'arte" vale veramente qualche cosa... :pens:.
    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  10. #10
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,401
    Post Thanks / Like
    Tornata stanchissima dalla Biennale.
    Niente che valga la pena di ricordare. Il padiglione Italia, brutto. Meglio quello passato curato da Sgarbi.
    La Russia? Un'emerita cavolata.
    L'Austria? Patetica, un cartone animato stile Disney.
    Gran Bretagna, una sala dedicata a David Bowie, interessante come fote d'archivio. Offrivano il the.
    giusto per iniziare, domani con più calma ci racconto. Ciao!

  11. #11
    Moderator L'avatar di Rupert
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Lugano (CH)
    Messaggi
    895
    Post Thanks / Like
    Quote Originariamente inviato da kaipirissima Visualizza il messaggio
    Gran Bretagna, una sala dedicata a David Bowie, interessante come fote d'archivio. Offrivano il the.
    Sospetto che si tratti della stessa esposizione che ho visto al Victoria and Albert Museum a Londra. Interessante, molto variopinta, in sintonia col Duca... ma più un percors di storia sociale e del costume che non effettivamente una proposta artistica d'avanguardia... Mah, forse con questa dannata crisi si riciclano anche le idee e la "cultura innovativa" del passato .
    "non vitae sed scholae discimus" (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium, 106, 12)

  12. #12
    Moderator L'avatar di kaipirissima
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Udine
    Messaggi
    3,401
    Post Thanks / Like
    Le foto erano tutte in bianco e nero... Ho fatto una foto di una foto... Così potrai verificare. Ciao!

  13. #13
    Master Member L'avatar di Elvira Coot
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    2,242
    Post Thanks / Like
    Ce l'ho fatta!!!! Ho i biglietti!!!!


  14. #14
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile FERNANDO BOTERO a Parma.

    Prima di parlare in breve della mostra, vi posto una foto scherzosa: è il manifesto -simbolo , con una famosa scultura di Botero, e, davanti,la modella! ah ah ah ah

    Nome:   P1230324 io a parma.jpg
Visite:  76
Grandezza:  35.4 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

  15. Likes maureen, DarkCoffee liked this post
  16. #15
    Master Member L'avatar di Rosy
    Registrato dal
    Oct 2011
    residenza
    Arenzano ( Genova)
    Messaggi
    3,865
    Post Thanks / Like

    Smile

    Tornando in tema: mostra piacevole, ma diversa nei contenuti da ciò che mi aspettavo!
    La sede era il suggestivo Palazzo del Governatore; ambientazione perciò molto gradevole.

    La mostra era distribuita su due piani e composta quasi essenzialmente da SCULTURE.
    Qua e là, grandi citazioni dell' artista sulle sue opere o sul suo pensiero.
    Una in particolare mi ha colpita e vorrei riportarla, perchè secondo me, da sola, incarna perfettamente tutto il Botero-pensiero.

    "NON CREARE UNA BELLEZZA CHE CORRISPONDA AI CANONI CLASSICI, MA RAGGIUNGERE UNO STADIO IN CUI SIA POSSIBILE SORPRENDERE E SORPRENDERSI.
    QUALCOSA CHE NELL'ECCESSO E NELLA SPROPORZIONE TRASMETTA PACE ED EQUILIBRIO".

    Io non sono una patita di questo artista, ma desideravo vedere alcune sue opere, soprattutto i dipinti che rappresentano Ballerini.
    Invece, niente di tutto ciò; solo sculture, naturalmente non quelle in bronzo, gigantesche, ma in gesso , di dimensioni ridotte.


    Nome:   donna distesa botero.jpg
Visite:  82
Grandezza:  7.4 KB
    " Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica..."
    M.Medeiros

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •